Immobili
Veicoli
Archivio Tipress
CANTONE
17.01.22 - 06:000
Aggiornamento : 10:36

«Ancora senza neve? Un monito della natura»

Apertura parziale di diversi comprensori invernali ticinesi. Frapolli: «Ma la stagione non è ancora iniziata»

BOSCO GURIN - Sulle montagne ticinesi la neve non è ancora arrivata. O meglio, non è ancora sufficiente per dare il via ufficiale alla stagione sciistica. Ma c'è comunque chi nel weekend ha cercato di offrire qualcosa agli appassionati degli sport invernali. Tra questi si contano i comprensori di Airolo-Pesciüm, Bosco Gurin e Campo Blenio, che hanno optato per un'apertura parziale degli impianti.

«Ma la stagione non è ancora cominciata» mette in chiaro Giovanni Frapolli, proprietario degli impianti turistici di Bosco Gurin. Che comunque si dice soddisfatto della risposta da parte degli utenti per l'apertura di questo weekend, con lo skilift, una pista innevata lunga circa ottocento metri e la slittovia “4 stagioni”. «Abbiamo visto qualche centinaio di persone, un numero basso. Ma è bello sentire quanto dicono di positivo» osserva.

Fatto sta che per la piena apertura del comprensorio è ancora necessaria un'abbondante nevicata. «E speriamo che tornino ad abbassarsi anche le temperature, altrimenti non possiamo nemmeno proseguire con l'innevamento artificiale» sottolinea Frapolli, spiegando che «sabato qui a Bosco Gurin avevamo quindici gradi».

Una spinta per reinventarsi - Un anno come questo, in cui a metà gennaio l'attività dei comprensori sciistici ticinesi è ancora bloccata dalla mancanza della neve, dovrebbe servire da monito, secondo Frapolli. «Dobbiamo essere lungimiranti e reinventarci, ampliando l'offerta». Per Bosco Gurin, il proprietario parla della slittovia disponibile dallo scorso agosto. E si pensa ancora alla realizzazione di una zipline.

Insomma, non soltanto attività per quando c'è la neve. «Chi lavora soltanto sull'inverno, non riceve più nemmeno un franco dallo Stato» sottolinea Frapolli, che vede la situazione attuale quasi come un incentivo a fare di più. «Quest'anno sono quasi contento che la neve non sia arrivata presto, così si svegliano un po' tutti: la natura ci dice che dobbiamo darci una mossa, altrimenti tra cinque-dieci anni si chiude».

Anche il prossimo weekend - A Bosco Gurin questo primo weekend di apertura parziale degli impianti è comunque stato positivo. E l'esperienza sarà ripetuta la prossima settimana, sempre nella speranza però che un'abbondante nevicata possa al più presto permettere l'apertura di tutti gli impianti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTOGALLERY
BEDRETTO
22 sec
Il Passo della Novena è uscito dal letargo invernale
La strada che collega Bedretto a Ulrichen è stata riaperta questa mattina alle nove.
CANTONE
3 ore
Ladri "elettrizzati" fanno incetta di bici (e di denunce)
Nei primi mesi del 2022 la Polizia cantonale ha ricevuto parecchie denunce per furti di biciclette.
LUGANO/BELLINZONA
10 ore
"Vestito nuovo" per l'escape in centro
Il progetto ticinese cresce e si espande. E dopo Zurigo arriva anche a Zugo e Lucerna
CANTONE
11 ore
Imposta di circolazione: i deputati accelerano
Firmato oggi in Commissione Gestione il rapporto di minoranza. Il Parlamento voterà a giugno
LUGANO / UCRAINA
14 ore
A Lugano «per ricostruire l'Ucraina»
All’evento sul Ceresio parteciperanno una quarantina di Stati e diciotto organizzazioni internazionali.
CONFINE/CANTONE
15 ore
Violentate e costrette a prostituirsi in Ticino. Tre arrestati
Gli uomini finiti in manette sono accusati anche di spaccio di droga.
CANTONE
17 ore
Pensionati del Cantone: «Decisione scandalosa»
Il Vpod promette un autunno "caldo" di proteste contro i tagli alle rendite
ROSSA (GR)
18 ore
Trovato morto un escursionista dato per disperso
L'uomo ieri non si era presentato al lavoro. È precipitato da una parete rocciosa sopra il Lagh de Calvaresc.
LAMONE
19 ore
Poliziotti sotto indagine: «Diamo massima fiducia. L'inchiesta è chiusa»
Il Municipio di Lamone e la Commissione intercomunale della Polizia del Vedeggio si esprimono sugli agenti indagati.
CANTONE/UCRAINA
21 ore
Ricostruire l'Ucraina, partendo da Lugano? «Va fatto nel modo giusto»
L'appello delle Ong svizzere al Consiglio federale: «Non decidano solo i Governi, si ascoltino le popolazioni colpite»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile