Immobili
Veicoli
Keystone
CANTONE
13.01.22 - 20:400
Aggiornamento : 14.01.22 - 23:17

«Otto positivi alla Manor»: ma è una leggenda metropolitana

Sui WhatsApp ticinesi viene condiviso un audio che denuncia la presenza di persone positive in un supermercato.

Ma tutta la storia è una bufala, che ha già toccato vari Paesi europei. Il debunker Paolo Attivissimo: «Se ricevete messaggi vocali di questo genere non mandateli in giro: creano indignazione, apprensione e allarme senza motivo».

BELLINZONA - Da qualche settimana stanno girando su WhatsApp alcuni audio che denunciano la presenza di persone positive - il numero varia di caso in caso - in diversi supermercati ticinesi. Si va dalla Manor di Vezia all’Ikea di Grancia. Ma ovviamente - come ci conferma il noto debunker e giornalista Paolo Attivissimo - si tratta di un fake. «Questa storia è una barzelletta che gira da tempo in tutto il mondo. Una leggenda metropolitana». 

L'audio incriminato - Una bufala che ha raggiunto, come detto, anche gli smartphone di molti ticinesi. Ma di cosa si tratta esattamente? L’audio racconta di un individuo - alle volte un medico, alle volte un collega di lavoro - che nota «un conoscente positivo» all’interno di un negozio. Il testimone furioso si reca alla cassa - o all’ufficio informazioni a dipendenza dalla narrazione - e denuncia il fatto a un dipendente. In seguito la persona positiva viene ammonita tramite gli altoparlanti del negozio: «O ti presenti qui di tua spontanea volontà, oppure divulghiamo il tuo nome e cognome e ti denunciamo alle autorità», il succo dell’annuncio. Il risultato? All’appello risponderanno sette od otto clienti (sempre a dipendenza dalla narrazione). Il messaggio vocale termina poi, solitamente, con una serie d'insulti e rimbrotti contro i rei-confessi. 

Leggende metropolitane - Tutti elementi, questi, tipici delle leggende metropolitane, come precisato da Attivissimo sul proprio blog. «Una storia non vera che nasce chissà dove e viene diffusa dal passaparola, facilitato dai social network, perché fa leva su una paura condivisa e sul gusto del racconto con finale grottesco». Un altro elemento tipico di questa narrazione è la fonte che racconta la vicenda: «spesso un amico di un conoscente» che ha «sentito raccontare la vicenda da un parente». Insomma, nessuna fonte autorevole, che fa pensare al famigerato "me l'ha detto mio cugino". 

«Non condivideteli» - Girata in diversi Paesi europei (tra cui anche in Italia) questa storia (o almeno una delle sue tante diverse versioni) ha provocato indignazione e sconcerto. In molti ci sono cascati e l'hanno condivisa, provocando di fatto un vero e proprio effetto domino. «Se ricevete messaggi vocali di questo genere - conclude Attivissimo - non mandateli in giro: creano inutilmente indignazione, apprensione e allarme senza motivo».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Brontolo pensionato 4 mesi fa su tio
Sono due anni che leggiamo, ascoltiamo e viviamo di bufale, quotidianamente.
Aka05 4 mesi fa su tio
Conosco un utente di Tio che sicuramente ci crede…🤣
Coerenza 4 mesi fa su tio
Non si capisce se sono più bufale quelle citate nell'articolo o l'articolo stesso..
Gippy79 4 mesi fa su tio
@Coerenza appunto
Tzozjlred 4 mesi fa su tio
@Coerenza Vero. Notizia palesemente ambigua. Giornalista, in questo caso, della domenica o neanche....
marco17 4 mesi fa su tio
Fosse la sola "leggenda metropolitana" che circola a proposito del Covid! E le "leggende" sul passo sanitario "strumento di libertà" le abbiamo già dimenticate?
#Cleo 4 mesi fa su tio
Purtroppo è che ci sono persone che hanno lavorato a contatto con dei colleghi che sono risultati positivi e gli stessi hanno continuano a lavorare senza fare tamponi e senza verificare se si sono contagiati e da qui che propaga il contagio nei negozi tra collaboratori, senza pensare al cliente che rischia di contagiati mentre fa la spesa. Il datore di lavoro chiude occhi e orecchi perché rischia di rimanere senza Personale . Pensate davvero che questa sia una storia ?
S.S.88 4 mesi fa su tio
Sara’ anche un leggenda… ma io sono convita che anche nella realtà e’ uguale!
al-pe12 4 mesi fa su tio
Che gente perditempo
Don Quijote 4 mesi fa su tio
Sono secoli che milioni di persone si rivolgono a maghi, cartomanti, tarocchi, oroscopo, ecc., pagano perfino per farsi dare un filtro d'amore o i numeri del lotto! Che senso ha spiegare a queste persone che la Terra è una sfera?
Gippy79 4 mesi fa su tio
Questa “stupidata” no ?mentre tutti gli articoli con il loro solo scopo il terrorismo mediatico si? Ah beh
mapt 4 mesi fa su tio
@Gippy79 Eh si ormai se cerchi la logica è il posto sbagliato
Ala 4 mesi fa su tio
Da gente che "non autorizza Facebook, Meta......" non ci si può aspettare altro 🤮
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MENDRISIO
8 ore
Veicolo in fiamme, chiusa la A2 in direzione sud
Lo comunica la polizia cantonale su Twitter.
FOTO
CANTONE
9 ore
Ecco chi sono i nuovi laureati dell'USI
La Facoltà di comunicazione, cultura e società ha celebrato i neolaureati durante la cerimonia ufficiale di questa sera.
LUGANO
12 ore
Pandemia e autogestione, spina nel fianco per la polizia
Secondo le statistiche 2021, Lugano resta comunque il centro urbano più sicuro della Svizzera
FOTO
MELIDE
15 ore
Carpa gigante pescata nel Ceresio
Il pesce è stato catturato ieri dal 23enne Roberto Pacia nell'area del ponte-diga di Melide.
CANTONE
19 ore
Altri 173 contagi e un decesso nel fine settimana
Gli ospedali ticinesi accolgono attualmente 68 pazienti.
LUGANO
20 ore
Dopo l'accoltellamento, l'arresto
È finito in manette un cittadino svizzero di 32 anni residente nella regione
LUGANO
23 ore
«A Lugano non c'è mai niente da fare!»
Hai tra i 14 e i 25 anni e abiti in riva al Ceresio? Allora partecipa al sondaggio promosso per “rianimare” la città
CANTONE
23 ore
In Ticino "per sbaglio", sono in un limbo
Il caso di un nucleo famigliare ucraino ospitato a Lamone-Cadempino. E l'appello del padrone di casa Giuseppe Akbas.
FOTO
LUGANO
1 gior
Grande giornata di festa per Raiffeisen Walking Lugano
Tra i vari percorsi non è mancato l'appuntamento tradizionale con il City Trail fino al Monte Bré
FOTO
PORLEZZA
1 gior
Un capriolo nel Ceresio
Brutta avventura finita bene, oggi pomeriggio, nelle acque a largo di Porlezza
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile