Immobili
Veicoli
Tipress
CANTONE
09.12.21 - 11:450

Gli autogestiti, che tornano ad attaccare Valenzano e Gobbi, non si "pentono" per l'occupazione dell'ex Vanoni

L'inchiesta sull'abbattimento di un'ala dell'ex Macello volge al termine. La presa di posizione dei molinari

LUGANO - L’imminente conclusione, con un decreto d’abbandono, dell'indagine sull’abbattimento dell’ex Macello «non ci interessa troppo». È uno dei passaggi di un torrenziale comunicato con cui il SOA il Molino (la “C” di centro è caduta sotto le ruspe nella notte tra il 29 e 30 maggio scorso) prende posizione. Un testo in cui i molinari ribadiscono che «l’autogestione non si arresta e non arretra. Che non si vende, che non si controlla. E che con questi maldestri faccendieri dell’odio non ha nessuna intenzione di dialogare».

«Si penta piuttosto la Vanoni» - Nessun segnale d’apertura al dialogo con il Municipio e nessuna disponibilità al pentimento per l’occupazione lampo dell’ex istituto Vanoni, all’origine - secondo la vulgata - dello sgombero e demolizione della casa dei molinari. Per questi fatti è aperto un secondo filone d’indagine per violazione di domicilio su denuncia della stessa Fondazione. «Non c’è proprio nessun motivo per un “pentimento” - scrive il SOA -. Che la Fondazione se ne faccia quello che più le aggrada delle denunce. Per noi liberare uno spazio di contenzione è un dovere minimo». Piuttosto, che la Vanoni «ritiri la sua partecipazione al previsto centro chiuso per minorenni definiti problematici, quello sì un vero e proprio luogo di turbamento carcerario».

«Perché Valenzano non risponde?»  - Nel merito della demolizione dell’ala dell’ex Macello i molinari, nel loro scritto, denunciano «la contraddizione tra quella che si vorrebbe la facciata democratica dello stato e il ricorso alla forza e ai metodi militari». Ce n’è, dal loro punto di vista, per tutti i protagonisti della vicenda innescata dall’operazione “Papi” (il nome in codice dato allo sgombero). Dal Procuratore generale Andrea Pagani - definito “senza mordente” e “all’acqua di rose” - ai politici interrogati, come la municipale Karin Valenzano Rossi, «se non hai niente da nascondere perché non rispondi? Chi stai coprendo?».

La scelta di non interrogare i vertici- Ma più «preoccupante», sempre secondo gli autogestiti, «è la scelta la scelta di non interrogare i massimi vertici della polizia cantonale e comunale (Cocchi e Torrente) e il loro responsabile» Norman Gobbi, che «solo solo alcune settimane prima dello sgombero asseriva tranquillamente che fosse per lui, da leghista, quel posto lo avrebbe sbaraccato già da tempo, in quanto persona non a conoscenza dei fatti».   

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
CANTONE
2 ore
La moglie faceva il palo, lui contrabbandava prosciutti
Il Tribunale amministrativo federale ha fornito nuovi dettagli sul modo di agire di un contrabbandiere fermato nel 2017.
CANTONE
4 ore
Meno positivi, ma quattro i decessi
I nuovi positivi sono poco più di mille. Cala anche il numero dei ricoveri, ma non nelle terapie intensive.
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
Il Tavolino Magico torna a pieno regime
Dopo un 2020 complicato, l'anno scorso l'associazione ha salvato e distribuito 5'182 tonnellate di cibo in Svizzera.
CANTONE
5 ore
«Si controlli l'effettivo pluralismo dei media»
Una mozione dei comunisti chiede al Cantone di monitorare annualmente TV, radio e le testate giornalistiche ticinesi.
CANTONE
6 ore
Stipendio dimezzato: «Siamo sommersi dai debiti»
Basta un licenziamento, e una famiglia può finire al limite dell'auto-fallimento. Il caso di una coppia del Luganese
LOCARNO
7 ore
«Il test rapido ci stava regalando una falsa certezza»
Sempre più dubbi su come si va a caccia del Covid. Il caso di una coppia negativa al primo esame, positiva col PCR.
CANTONE
22 ore
Delitto di Muralto, si va in appello
Lo scorso 1. ottobre l'imputato era stato condannato a diciotto anni di carcere
CANTONE
23 ore
Ticino focolaio di legionellosi
A favorire la diffusione di questa patologia polmonare vi sarebbero fattori ambientali (come l'inquinamento).
CANTONE
1 gior
AAA insegnanti cercansi: «Ma poi lasciamo quelli ticinesi oltre Gottardo»
Un'interpellanza del deputato Seitz punta il dito contro il "protezionismo" del DFA
CANTONE
1 gior
Confermare i provvedimenti anti-Covid «è inevitabile»
La risposta del Governo ticinese alla consultazione federale. Ma si chiede una rivalutazione a fine febbraio
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile