Immobili
Veicoli
Deposit
CANTONE
07.12.21 - 20:300
Aggiornamento : 22:22

Quarant'anni dopo Chernobyl sotto la lente anche funghi e latte

Il Laboratorio cantonale ha analizzato diversi "prodotti" della terra alla ricerca di radioattività e metalli pesanti

La raccomandazione: «Il consumo di carne di selvaggina abbattuta con proiettili va evitato in particolare per bambini, donne incinte, in fase di allattamento o che desiderano una gravidanza»

BELLINZONA - Chernobyl, quarant’anni dopo, una radioattività residua è ancora presente nei funghi selvatici che crescono nei boschi ticinesi. Ma il Laboratorio cantonale, comunicando i risultati di una campagna di analisi estesa anche a selvaggina, terra-erba-latte, rassicura «la contaminazione radioattiva nei funghi commestibili selvatici ticinesi è contenuta e la rilevanza dosimetrica della contaminazione di scarsa importanza».

Il "castagnino" osservato speciale - Sono stati 31 i campioni di funghi, appartenenti a quattro specie commestibili, raccolti sul territorio ticinese da membri dell’Associazione svizzera dei controllori di funghi Vapko. Il Cesio-137 è presente in tutti i funghi analizzati e in 2 campioni, appartenenti alla specie Xerocomus badius (il boleto dei castagni, i cui tuboli virano al blu, una volta sfiorati), supera il valore massimo per questo radionuclide artificiale.

Selvatici sotto la lente - Il Laboratorio è andato anche alla ricerca di radioattività nella selvaggina. Ventuno campioni di carne cruda e prodotti derivati di cervo, capriolo, camoscio e cinghiale sono stati prelevati da macellerie, dalla vendita al dettaglio e da esercizi di ristorazione distribuiti sull’intero territorio cantonale. Sette di questi provenivano da ungulati catturati in Ticino durante la stagione venatoria 2021, i rimanenti 15 sono d’importazione dall’estero.

Risultati tranquillizzanti - Parte della cacciagione esaminata ha evidenziato tracce di cesio-137 per una contaminazione media complessiva molto contenuta di 18 Bq/kg e in nessun un caso è stato superato il valore massimo di 600 Bq/kg. «Da un punto di vista radiologico la rilevanza dosimetrica della contaminazione da questo radionuclide dovuta al consumo di selvaggina come quella analizzata è di scarsa importanza» rassicurano gli specialisti.

Coi piedi di piombo - Più che alla radioattività i consumatori dovrebbero prestare attenzione alle tracce di metalli pesanti. In particolare per quei capi abbattuti con munizioni di piombo, che nell'impatto si deformano o si scheggiano, lasciando nella carne dei minuscoli frammenti. L’analisi rivela che sei campioni di selvaggina presentavano livelli di piombo superiori a 0.1 mg/kg, mentre solo un campione superava 1 mg/kg con un valore massimo di 1.6 mg/kg in una carne di cinghiale destinata alla produzione di salumeria. A tale proposito, sulla base delle indicazioni federali, il Laboratorio ricorda che «il consumo di carne di selvaggina abbattuta con tali proiettili va evitato in particolare per bambini, donne incinte, in fase di allattamento o che desiderano una gravidanza».

Il latte non preoccupa - Ultimo ambito misurato, quello dei radionuclidi ancora presenti nel terreno, nell’erba e nel latte. Gli isotopi più persistenti, in particolare il cesio-137 (Cesio-137, che ha un tempo di dimezzamento di circa 30 anni) e lo stronzio-90 (Sr-90, t1/2: circa 29 anni), sono ancora misurabili in tracce e possono contaminare l’ambiente e le derrate alimentari. L’analisi dei campioni raccolti a inizio giugno presso tre aziende agricoli ticinesi, mostra residui leggermente superiori alla media svizzera. «Fortunatamente i livelli osservati non destano preoccupazioni di ordine sanitario» rassicura il Laboratorio cantonale.

Deposit
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Cosa c'è dietro il rincaro dei prodotti alimentari?
Costi logistici. Rincaro delle materie prime e degli imballaggi. Sono le variabili in gioco
CANTONE
3 ore
«Sono quasi contento che la neve non sia arrivata presto»
Apertura parziale di diversi comprensori invernali ticinesi. Frapolli: «Ma la stagione non è ancora iniziata»
CANTONE
3 ore
Tassisti che non riescono più a pagare il leasing
Le misure anti-Covid mettono in difficoltà la categoria che non riceve più aiuti economici. L'appello alla politica
BELLINZONA
14 ore
Il tamponamento in coda dà fastidio
Le file costanti fuori dai drive-in Covid generano malumore. Il vicinato: «La polizia non interviene»
FOTO
CANTONE
17 ore
In processione in vetta al Monte Boglia
Con la neve che si fa attendere e le giornate quasi primaverili, escursionisti “all'assalto” delle vette
BRISSAGO
20 ore
Fiamme nei boschi, il rogo è spento
Questa mattina degli elicotteri hanno perlustrato l'area interessata.
CANTONE
22 ore
Altri 1221 positivi. Sono 19 le persone in cure intense
Per il secondo giorno consecutivo non si registrano nuovi decessi.
CANTONE
23 ore
L'onda d'urto del vulcano è arrivata in Ticino
Tra le 19 e le 21 di ieri i barometri hanno registrato un'oscillazione importante
BRISSAGO
1 gior
Incendio nei boschi sopra Brissago
Sono rapidamente intervenuti i pompieri, che monitoreranno la situazione anche durante la notte
CANTONE
1 gior
In Ticino altri 1312 contagi
Stabile l'occupazione delle terapie intensive. In lieve calo i ricoveri
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile