Immobili
Veicoli
Deposit
CANTONE
07.12.21 - 20:300
Aggiornamento : 22:22

Quarant'anni dopo Chernobyl sotto la lente anche funghi e latte

Il Laboratorio cantonale ha analizzato diversi "prodotti" della terra alla ricerca di radioattività e metalli pesanti

La raccomandazione: «Il consumo di carne di selvaggina abbattuta con proiettili va evitato in particolare per bambini, donne incinte, in fase di allattamento o che desiderano una gravidanza»

BELLINZONA - Chernobyl, quarant’anni dopo, una radioattività residua è ancora presente nei funghi selvatici che crescono nei boschi ticinesi. Ma il Laboratorio cantonale, comunicando i risultati di una campagna di analisi estesa anche a selvaggina, terra-erba-latte, rassicura «la contaminazione radioattiva nei funghi commestibili selvatici ticinesi è contenuta e la rilevanza dosimetrica della contaminazione di scarsa importanza».

Il "castagnino" osservato speciale - Sono stati 31 i campioni di funghi, appartenenti a quattro specie commestibili, raccolti sul territorio ticinese da membri dell’Associazione svizzera dei controllori di funghi Vapko. Il Cesio-137 è presente in tutti i funghi analizzati e in 2 campioni, appartenenti alla specie Xerocomus badius (il boleto dei castagni, i cui tuboli virano al blu, una volta sfiorati), supera il valore massimo per questo radionuclide artificiale.

Selvatici sotto la lente - Il Laboratorio è andato anche alla ricerca di radioattività nella selvaggina. Ventuno campioni di carne cruda e prodotti derivati di cervo, capriolo, camoscio e cinghiale sono stati prelevati da macellerie, dalla vendita al dettaglio e da esercizi di ristorazione distribuiti sull’intero territorio cantonale. Sette di questi provenivano da ungulati catturati in Ticino durante la stagione venatoria 2021, i rimanenti 15 sono d’importazione dall’estero.

Risultati tranquillizzanti - Parte della cacciagione esaminata ha evidenziato tracce di cesio-137 per una contaminazione media complessiva molto contenuta di 18 Bq/kg e in nessun un caso è stato superato il valore massimo di 600 Bq/kg. «Da un punto di vista radiologico la rilevanza dosimetrica della contaminazione da questo radionuclide dovuta al consumo di selvaggina come quella analizzata è di scarsa importanza» rassicurano gli specialisti.

Coi piedi di piombo - Più che alla radioattività i consumatori dovrebbero prestare attenzione alle tracce di metalli pesanti. In particolare per quei capi abbattuti con munizioni di piombo, che nell'impatto si deformano o si scheggiano, lasciando nella carne dei minuscoli frammenti. L’analisi rivela che sei campioni di selvaggina presentavano livelli di piombo superiori a 0.1 mg/kg, mentre solo un campione superava 1 mg/kg con un valore massimo di 1.6 mg/kg in una carne di cinghiale destinata alla produzione di salumeria. A tale proposito, sulla base delle indicazioni federali, il Laboratorio ricorda che «il consumo di carne di selvaggina abbattuta con tali proiettili va evitato in particolare per bambini, donne incinte, in fase di allattamento o che desiderano una gravidanza».

Il latte non preoccupa - Ultimo ambito misurato, quello dei radionuclidi ancora presenti nel terreno, nell’erba e nel latte. Gli isotopi più persistenti, in particolare il cesio-137 (Cesio-137, che ha un tempo di dimezzamento di circa 30 anni) e lo stronzio-90 (Sr-90, t1/2: circa 29 anni), sono ancora misurabili in tracce e possono contaminare l’ambiente e le derrate alimentari. L’analisi dei campioni raccolti a inizio giugno presso tre aziende agricoli ticinesi, mostra residui leggermente superiori alla media svizzera. «Fortunatamente i livelli osservati non destano preoccupazioni di ordine sanitario» rassicura il Laboratorio cantonale.

Deposit
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
23 min
Caos ferroviario a causa di un guasto
Sulla rete ferroviaria ticinese treni soppressi o in ritardo. La durata del disservizio non è al momento nota
AGNO
1 ora
La Fiera di San Provino salta (di nuovo)
Per il terzo anno consecutivo il tradizionale evento di Agno, previsto a marzo, non si terrà.
FOTO
CANTONE
5 ore
La moglie faceva il palo, lui contrabbandava prosciutti
Il Tribunale amministrativo federale ha fornito nuovi dettagli sul modo di agire di un contrabbandiere fermato nel 2017.
CANTONE
7 ore
Meno positivi, ma quattro i decessi
I nuovi positivi sono poco più di mille. Cala anche il numero dei ricoveri, ma non nelle terapie intensive.
CANTONE / SVIZZERA
8 ore
Il Tavolino Magico torna a pieno regime
Dopo un 2020 complicato, l'anno scorso l'associazione ha salvato e distribuito 5'182 tonnellate di cibo in Svizzera.
CANTONE
9 ore
«Si controlli l'effettivo pluralismo dei media»
Una mozione dei comunisti chiede al Cantone di monitorare annualmente TV, radio e le testate giornalistiche ticinesi.
CANTONE
9 ore
Stipendio dimezzato: «Siamo sommersi dai debiti»
Basta un licenziamento, e una famiglia può finire al limite dell'auto-fallimento. Il caso di una coppia del Luganese
LOCARNO
10 ore
«Il test rapido ci stava regalando una falsa certezza»
Sempre più dubbi su come si va a caccia del Covid. Il caso di una coppia negativa al primo esame, positiva col PCR.
CANTONE
1 gior
Delitto di Muralto, si va in appello
Lo scorso 1. ottobre l'imputato era stato condannato a diciotto anni di carcere
CANTONE
1 gior
Ticino focolaio di legionellosi
A favorire la diffusione di questa patologia polmonare vi sarebbero fattori ambientali (come l'inquinamento).
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile