Immobili
Veicoli
Le discoteche: «Non ci chiudono perché non vogliono darci gli aiuti»
Keystone
CANTONE
02.12.21 - 06:000
Aggiornamento : 11:22

Le discoteche: «Non ci chiudono perché non vogliono darci gli aiuti»

Il Woodstock di Bellinzona e il Jungle di Lugano bocciano mascherina e consumazione al tavolo auspicate da Berna.

E l'alternativa sarebbe una sola: «Introdurre il tampone obbligatorio per tutti, vaccinati e non».

LUGANO - Serata in discoteca? Sì, ma con la mascherina. E, per sorseggiare birra o cocktail, tutti seduti. È questa la proposta, una delle molteplici, formulata e messa in consultazione martedì dal Consiglio federale. E mentre si attende una decisione ufficiale, la movida locale vede nero, e ai ticinesi passa la voglia di scatenarsi in pista (vedi video).

Un concetto «invivibile» - «Per una discoteca imporre la mascherina e la consumazione solo da seduti è praticamente come dire “chiudete”», commenta Marco Acocella, gerente del Woodstock di Bellinzona. «È invivibile come concetto di locale notturno, oltre che difficilmente praticabile dal punto di vista dei controlli».

Puntare tutto sui test - Ma l’alternativa, secondo Acocella, c’è. «E la proponiamo al Cantone, così che possa eventualmente essere esposta al Governo federale nel quadro della consultazione». L’idea non è tanto quella di fare un passo indietro, «ma piuttosto uno in avanti, introducendo il tampone obbligatorio per tutti, vaccinati e non, per accedere alla discoteca, lasciando da parte queste nuove disposizioni». Questo perché, spiega Acocella, «il vaccino, sì, aiuta, ma c'è comunque la possibilità di contagiarsi. Noi ci faremmo carico del costo dei test per tutta la nostra clientela».

«Niente chiusura per non darci gli aiuti» - Una possibilità, quella dei test per tutti, che piace anche ad Andrea Montini, comproprietario della discoteca Jungle e del bar-ristorante Shaker di Lugano. Un Montini che, dopo le disposizioni annunciate, si dice però deluso. «Il danno, per il Jungle, sarebbe enorme. Tenere aperto con l’obbligo di tenere la mascherina e di consumare solo da seduti è insostenibile. E per noi sicuramente è quasi meglio chiudere il club». L’impressione, continua, «è che non ci vogliano chiudere per non concedere gli aiuti. È questo il messaggio che passa, e a noi dà fastidio». 

Percorrere altre strade - E, per quanto riguarda i rischi epidemiologici, Montini fa chiarezza: «Mettere il divertimento contro la salute può sembrare un discorso un po’ eccessivo. Però si potrebbero trovare delle soluzioni diverse, per esempio imponendo il test a tutti, vaccinati e non, con la valenza di 24 ore come proposto da Berna».

L'impegno c'è - L’attenzione verso la situazione sanitaria non sarebbe inoltre mai mancata, sottolinea infine Montini: «Siamo stati, con lo Shaker, i primi in Svizzera a introdurre il Covid Pass obbligatorio in un ristorante. L’abbiamo fatto di nostra iniziativa ad agosto, creando un protocollo su misura con la Polizia e la Città di Lugano».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CHIASSO
8 ore
Chiasso, investito un ragazzino
L'incidente si è verificato in via Comacini
CONFINE
9 ore
Como, «un carro attrezzi dedicato agli amici svizzeri»
Dopo l'ennesimo caso di sosta selvaggia in città, la promessa del candidato sindaco Alessandro Rapinese
CANTONE
10 ore
«Caldo, sì, ma non proprio tropicale»
Le velature del cielo, causate dalle polveri sahariane, hanno impedito che si raggiungessero i valori da primato
CANTONE
12 ore
Le donne di Unia preparano un nuovo grande sciopero
Mobilitazione il prossimo 14 giugno, ma nel 2023 si scriverà «una nuova pagina della storia delle lotte femministe»
LOSTALLO (GR)
15 ore
Si ferma in autostrada, tamponamento sull'A13
L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio all'altezza dello svincolo di Lostallo. Due persone in ospedale
BELLINZONA
17 ore
Travolge la moto nella notte e si dà alla fuga, la polizia cerca testimoni
Un 68enne è rimasto vittima di un pirata della strada venerdì notte a Monte Carasso, a investirlo un'auto scura
LUGANO
1 gior
Tassisti luganesi nel limbo
Non sono ancora stati evasi i ricorsi contro il concorso per i nuovi taxi A. La Città chiede l'effetto sospensivo
LUGANO
1 gior
Anche in Ticino, previsti aumenti fino al 50%
Il presidente dell'Azienda elettrica ticinese: «Mai mi sarei aspettato una situazione e dei prezzi simili»
VALLE DI BLENIO
1 gior
Al lupo al lupo anche a Olivone
Avvistamenti e predazioni in Valle di Blenio: gli abitanti scrivono al governo
CANTONE
1 gior
Unitas, l'auto-indagine «non è opportuna»
Il Cantone ha rilevato l'audit esterno, e risponde ad alcuni interrogativi sui casi di molestie
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile