Immobili
Veicoli
Depositphotos
LUGANO
01.12.21 - 17:450
Aggiornamento : 19:49

«Il prete oggi è sempre più isolato, ecco come arriva a cedere al sesso»

Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.

«Ma – ammette – il Papa non lo può togliere dall'oggi al domani. Ne andrebbe della credibilità della Chiesa. Perché chi è in preda agli impulsi non molla prima? Forse teme di restare a piedi».

LUGANO - Clero di nuovo nella bufera. Con un sacerdote 40enne ticinese recentemente finito in manette per guai finanziari. Sullo sfondo però ci sarebbero questioni affettive al vaglio degli inquirenti. Ed è un problema sempre più ricorrente. Le cronache internazionali ci parlano ad esempio della love story che ha costretto il vescovo di Parigi a mollare tutto. Che senso ha continuare cocciutamente a mantenere determinati dogmi? Il teologo Alberto Bondolfi è critico sul voto di castità: «Sarebbe da superare come condizione obbligatoria per l‘ordinazione. Ma, d'altra parte, non è possibile che il Papa si alzi una mattina e dica che il celibato obbligatorio non c'è più». 

I sacerdoti cattolici sono troppo soli?
«Sì. I preti cattolici oggi sono sempre più isolati e non hanno nessuno con cui confrontarsi direttamente in caso di problemi. Già da tempo alcune autorità ecclesiastiche raccomandano ai preti di vivere almeno in gruppo. In modo da avere un minimo di vita sociale. In questo modo se uno dovesse incorrere in un errore, potrebbe essere corretto dall'altro».

Non stiamo andando verso questa via però.
«Questa forma di vita non sembra prendere piede. Anche a causa degli stessi preti. Sono stati educati alla solitudine e hanno difficoltà nel condividere la vita quotidiana con altre persone».

Oggi il prete non è più il punto di riferimento del villaggio. Quanto pesa questo fattore?
«Il criterio con cui i vescovi distribuivano i preti un tempo era la preoccupazione che ci fosse una liturgia adeguata in ogni angolo della Diocesi. È chiaro che oggi non è più ipotizzabile. Adesso l'attività del prete è molto variata. E non si limita alla parrocchia. Va dalla presenza negli ospedali ad altri compiti. C'è dunque una solitudine combinata a un'iperattività. Correndo a destra e a sinistra, la qualità del rapporto con la comunità è ancora più labile. Non c'è più il prete pastore. Ora c'è un prete disorientato».

Lei vive a Zurigo. Nella Svizzera tedesca le cose sono un po' diverse. O no?
«Prima di tutto si dà più spazio ai laici, uomini e donne. Il sacerdote non è dunque l'unico detentore di determinate mansioni. So che a sud delle Alpi però ci sono resistenze su questi eventuali cambiamenti. E poi c'è un problema finanziario. I collaboratori delle parrocchie andrebbero pagati».

Ma si dice sempre che la Chiesa sta bene...
«Sono leggende. Al di là di alcune parrocchie e di alcuni immobili della Curia, di soldi ne circolano pochi. Bisogna essere realisti». 

Spesso l'affettività è alla base degli scandali che coinvolgono i preti.
«Prima il prete girava con l'abito talare. Ed era la persona più importante del paese. Era più sotto osservazione. Chi aveva delle relazioni o con una donna o con un uomo era tenuto a una clandestinità severissima. Adesso in pochi si interessano a cosa faccia il prete nel suo tempo libero. E quando cascano le barriere psicologiche, è più difficile mantenere lo stile di vita asessuale che dovrebbe contraddistinguerlo. Gli stimoli sessuali poi oggi sono ovunque. In televisione, su internet, sui telefonini...»

Alla gente interesserà poco di cosa fa il prete. Ma quando un prete sbaglia viene tritato da social e media...
«È vero. La gogna pubblica è decisamente più amplificata. E chi scivola fa decisamente più fatica a rialzarsi. Specialmente in un contesto di dimensioni relativamente ridotte come quello ticinese».

Perché quando un prete si accorge di avere determinati impulsi non smette di fare il sacerdote?
«Non è così facile. La formazione del prete è molto specifica. Uno si chiede mille volte: e poi che faccio? Il timore di restare a piedi è altissimo. Il Ticino poi non è attrezzato nel reinserimento di sacerdoti che abbandonano. Altre Diocesi svizzere cercano di trovare un'attività alternativa a chi lascia il ministero. Nella formazione per adulti, nell'amministrazione, nella cultura ad esempio. Dovrebbe essere una responsabilità morale della Diocesi occuparsi di questi casi. La motivazione c'è. Però mancano risorse e contatti probabilmente».

Torniamo al voto di castità. Davvero sarebbe possibile sradicare un pilastro del genere?
«Il mutamento non può avvenire da un giorno all'altro. Ne andrebbe della credibilità della Chiesa. E sappiamo tutti che la Chiesa cattolica ha una paura profonda di perdere credibilità. L'opinione pubblica si chiederebbe come mai finora fossero state emesse regole rigidissime per poi di colpo farle cadere». 

Quindi?
«I grandi cambiamenti necessitano di tempi lunghi. Chi ne parla seriamente, propone di fatto l'ordinazione di persone già sposate. Avremmo un periodo di transizione in cui anche la conflittualità del cambio delle regole sarebbe più facile da metabolizzare».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Marta 1 mese fa su tio
La Chiesa dovrebbe seguire alla lettera ciò che ha detto e fatto Gesù Cristo.
volabas56 1 mese fa su tio
Il sig A. Bondolfi afferma che ne andrebbe della credibilita' della chiesa. Quella è da tantissimo tempo che è andata persa, ma forse anche non c'è mai stata gia' dall'inizio.
Evry 1 mese fa su tio
Abollire subito il celibato per i preti penso sia ora e cosa piu che giusta, come pure togliere il segreto bancario alla Banca del Vaticano.
Marta 1 mese fa su tio
Sarebbe l'occasione per il Papa di fare almeno una cosa giusta.
Andy 82 1 mese fa su tio
cmq esistono le prostitute. .. niente di male credo. sempre meglio dei bambini......
Moga 1 mese fa su tio
Battezzale tutte!!!
Renfibbioli@gmail.com 1 mese fa su tio
non è tanto la sessualità quanto l'intimità affettuosa che va a mancare, il prete può vivere questa privazione con il tempo come tortura,in fondo si è umani e tutti hanno bisogno d'affetto, intimità sana. La chiesa crea poi dei mostri...
seo56 1 mese fa su tio
Favorevole al matrimonio per gli ecclesiastici
Gimmi 1 mese fa su tio
Come dice il detto"Predicano bene ma razzolano male"
Astrid 1 mese fa su tio
La castità non ha nessun fondamento biblico. Una forzatura della chiesa cattolica che non ha ragione di esistere e porta solo tanti problemi!
Nandolf 1 mese fa su tio
In fin dei conti siamo tutti uguali, Essere casto porta solo ha danni interiori, in fin dei conti un po di AMORE non ha mai fatto male a nessuno
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
8 ore
Delitto di Muralto, si va in appello
Lo scorso 1. ottobre l'imputato era stato condannato a diciotto anni di carcere
CANTONE
9 ore
Ticino focolaio di legionellosi
A favorire la diffusione di questa patologia polmonare vi sarebbero fattori ambientali (come l'inquinamento).
CANTONE
12 ore
AAA insegnanti cercansi: «Ma poi lasciamo quelli ticinesi oltre Gottardo»
Un'interpellanza del deputato Seitz punta il dito contro il "protezionismo" del DFA
CANTONE
13 ore
Confermare i provvedimenti anti-Covid «è inevitabile»
La risposta del Governo ticinese alla consultazione federale. Ma si chiede una rivalutazione a fine febbraio
CANTONE
14 ore
Diverse quarantene di classe e nuovi contagi nelle case anziani
Il virus sembra frenare, ma nelle ultime 24 ore aumentano i ricoveri e si registra un nuova vittima
FOTO
CANTONE
14 ore
Un inizio settimana... infuocato
Questo lunedì comincia con un cielo spettacolare e temperature elevate
CANTONE
16 ore
Cosa c'è dietro il rincaro dei prodotti alimentari?
Costi logistici. Rincaro delle materie prime e degli imballaggi. Sono le variabili in gioco
CANTONE
18 ore
«Sono quasi contento che la neve non sia arrivata presto»
Apertura parziale di diversi comprensori invernali ticinesi. Frapolli: «Ma la stagione non è ancora iniziata»
CANTONE
18 ore
Tassisti che non riescono più a pagare il leasing
Le misure anti-Covid mettono in difficoltà la categoria che non riceve più aiuti economici. L'appello alla politica
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 gior
Oltre 500 bambini lo hanno fatto o lo hanno prenotato
In 240, tra i 5 e gli 11 anni, hanno ricevuto oggi la prima dose a Giubiasco
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile