Immobili
Veicoli
Foto "Orto a scuola"
LUGANO
01.12.21 - 08:000
Aggiornamento : 10:39

«Con l'Orto a scuola i bambini imparano a prendersi cura della natura e del gruppo»

Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".

Tra gli obiettivi, insegnare ai bambini a osservare prima di agire, con e non contro la natura. Il modulo didattico, come ci spiega la coordinatrice Alice, coinvolge i partecipanti nella ricerca di una soluzione idonea, valorizzando fantasia, errori e punti di vista diversi

BESSO - Lavorare con e non contro la natura. Si parla di orto, ma il concetto sui cui basa questo progetto potrebbe venire esteso a ogni ambito della vita. Soprattutto si parla di bambini, perché a quell’età c’è una nuova sensibilità ambientale che ha grande possibilità di attecchire.  

Sarebbe tuttavia riduttivo concentrare nella sola coltivazione di piante, fiori e ortaggi, il progetto di Permacultura di “Orto a Scuola” che ha preso avvio in queste settimane con tutte le classi delle Scuole elementari di Besso. «È molto altro. Per i bambini significa nel concreto capire come funziona un processo naturale all’interno di un sistema» spiega a Tio/20Minuti Alice, la coordinatrice del gruppo che assieme a Ronnie, Nadia e Paola, nonché ai maestri ha dato il via a questo flusso. L’iniziativa, promossa dall’Associazione “Orto a Scuola”, viene sostenuta dalla nostra testata, assieme al Dipartimento del Territorio e ad Alleanza Territorio e Biodiversità. 

Un progetto, si diceva, concretamente costituito da 9 cassoni rialzati, che verranno posti nel giardino della scuola e un cassone interno usato come serra. La “progettazione in Permacultura”, pur seguendo il ritmo delle stagioni, non conosce stagioni morte tra un anno e l’altro, per cui, come modulo didattico, ben si presta ad accompagnare la crescita dei ragazzi durante l’intero percorso scolastico.  

Dopo l’osservazione si passa alla progettazione poi alla realizzazione dei contenitori che accoglieranno i semi. I bambini sono invitati a riflettere sulle conseguenze di ogni loro azione. Al centro di questo approccio, messo a punto negli anni ‘70 dagli australiani Bill Mollison e David Holmgren, ci sono queste etiche: la cura delle persone, la cura del suolo e la cura del futuro. «A partire dai cassoni rialzati che gli allievi costruiranno utilizzando materiali di recupero o in eccesso, nel concreto forniti dalla ditta Gambar Trasporservice Sagl di Stabio» esemplifica Alice.

A differenza dello sfruttamento classico della natura, la progettazione in Permacultura non distrugge, ma inserisce strumenti per accrescere la biodiversità. Ogni elemento vegetale aggiunto ai cassoni si lega a un contesto e lo arricchisce creando “corridoi di biodiversità”, dove farfalle, insetti e uccellini sono benvenuti. L’abilità sta nel farlo in maniera armoniosa secondo i modelli naturali della natura. «Dovrete essere il più creativi possibili» dice la coordinatrice rivolta ai “giovani Permacultori in erba”. Soprattutto senza paura di sbagliare, «perché in quanto orto sperimentale, l’errore è umano e concesso».

Non solo orto, pur con tutte le sue peculiarità, ma anche terreno per sviluppare un lavoro di gruppo. Un bell’esempio di “sociocrazia” dove, spiega la coordinatrice, «le decisioni vengono prese in modo condiviso e collettivo. Un processo in cui l’obiezione e il punto di vista diverso diventano lo spunto per trovare la soluzione idonea al gruppo».

Non sono solo Semi, perché dentro di essi vi è racchiuso un mondo migliore.

Green logo
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
5 ore
Delitto di Muralto, si va in appello
Lo scorso 1. ottobre l'imputato era stato condannato a diciotto anni di carcere
CANTONE
6 ore
Ticino focolaio di legionellosi
A favorire la diffusione di questa patologia polmonare vi sarebbero fattori ambientali (come l'inquinamento).
CANTONE
9 ore
AAA insegnanti cercansi: «Ma poi lasciamo quelli ticinesi oltre Gottardo»
Un'interpellanza del deputato Seitz punta il dito contro il "protezionismo" del DFA
CANTONE
10 ore
Confermare i provvedimenti anti-Covid «è inevitabile»
La risposta del Governo ticinese alla consultazione federale. Ma si chiede una rivalutazione a fine febbraio
CANTONE
10 ore
Diverse quarantene di classe e nuovi contagi nelle case anziani
Il virus sembra frenare, ma nelle ultime 24 ore aumentano i ricoveri e si registra un nuova vittima
FOTO
CANTONE
11 ore
Un inizio settimana... infuocato
Questo lunedì comincia con un cielo spettacolare e temperature elevate
CANTONE
12 ore
Cosa c'è dietro il rincaro dei prodotti alimentari?
Costi logistici. Rincaro delle materie prime e degli imballaggi. Sono le variabili in gioco
CANTONE
14 ore
«Sono quasi contento che la neve non sia arrivata presto»
Apertura parziale di diversi comprensori invernali ticinesi. Frapolli: «Ma la stagione non è ancora iniziata»
CANTONE
14 ore
Tassisti che non riescono più a pagare il leasing
Le misure anti-Covid mettono in difficoltà la categoria che non riceve più aiuti economici. L'appello alla politica
FOTO E VIDEO
CANTONE
1 gior
Oltre 500 bambini lo hanno fatto o lo hanno prenotato
In 240, tra i 5 e gli 11 anni, hanno ricevuto oggi la prima dose a Giubiasco
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile