Immobili
Veicoli
foto tonimilano.ch
LOCARNO
03.12.21 - 09:520
Aggiornamento : 12:40

Storia del "guerriero" Toni: «Corro contro la malattia»

Toni Milano, 40 anni, ha lasciato il ciclismo a causa della distrofia muscolare. Ma non ha smesso di lottare

Telethon Ticino rilancia la storica raccolta fondi. Le donazioni sono calate (anche) per colpa della pandemia. Michele Bertini: «Se non aiutiamo la ricerca sulle malattie rare, non lo farà l'industria farmaceutica»

LOCARNO - La corsa di Toni Milano è stata lunga e piena di ostacoli da schivare. Gli ultimi chilometri è arrivato a farli su una sedia a rotelle, ma non si scoraggia. Il 40enne del Locarnese ha dovuto abbandonare il ciclismo professionistico anni fa a causa della distrofia muscolare. Oggi corre assieme a Telethon per raccogliere fondi a favore della ricerca. «La mia storia insegna che non bisogna mai abbattersi» racconta. «È una corsa contro il tempo e la disperazione». 

In Svizzera si stima siano circa mezzo milione le persone affette da malattie genetiche rare (il 7 per cento della popolazione). In Ticino sono 25mila secondo l'Ente ospedaliero cantonale. Una parte di loro - circa 200 - vengono aiutate dall'associazione Malattie genetiche rare (Mgr) che integra il sostegno sociale grazie alle donazioni di organizzazioni come Telethon. Ma la raccolta di fondi è crollata negli ultimi anni, non ultimo per colpa del Covid. 

«Le donazioni sono calate notevolmente con la pandemia, e prima ancora con il venir meno delle maratone televisive» spiega il presidente di Telethon Ticino Michele Bertini. Nel 2020 sono stati raccolti circa 200mila franchi, contro i 500mila dell'anno precedente. «Si tratta di risorse che vengono destinate completamente ad aiutare i pazienti e la ricerca in Svizzera» spiega l'ex municipale. «Le malattie rare non attirano investimenti dall'industria farmaceutica, perché non hanno grandi numeri». 

La storia di Toni ne è la dimostrazione. Nonostante i progressi scientifici, dopo la diagnosi nel 2003 ha dovuto rassegnarsi a un declino ineluttabile. «È stata molto dura. Ho abbandonato la bicicletta per alcuni anni: non per una difficoltà fisica, ma perché ero disperato». Ma il "guerriero", come è soprannominato in ambito ciclistico, si è rimesso in sella. «Non potevo più partecipare alle gare, ma la bicicletta è stata come una cura. Ho pedalato fino alle ultime forze». Da 9 anni Toni ha perso l'uso delle gambe ma non ha abbandonato il ciclismo. Ha seguito dei corsi di formazione specifica, da meccanico e direttore sportivo (tra le altre cose). 

«Si tratta di tenere duro e guadagnare tempo» dice. La speranza è che la ricerca corra più veloce della malattia. Telethon fa la sua parte rilanciando l'appuntamento del primo weekend del mese: sabato 4 dicembre in piazza Rezzonico a Lugano sfileranno 150 Babbi Natale in Harley Davidson e Indian. Ci sarà anche un grotto mobile che servirà polenta, e naturalmente ci sarà lui, Toni. Con il suo sorriso e la sua storia da raccontare.  

A proposito di Telethon

L’azione di raccolta fondi Telethon è stata organizzata per la prima volta in Svizzera nel lontano 1988. Telethon è un'azione di solidarietà attuata per raccogliere fondi da devolvere a favore della lotta contro le malattie genetiche rare: i fondi raccolti vengono in parte utilizzati per sostenere la ricerca in questo campo e in parte devoluti in favore di organizzazioni che si occupano di persone affette da malattie genetiche rare come, per esempio, le malattie neuromuscolari, la mucoviscidosi, la sindrome di Marfan, la retinite pigmentosa, la neurofibromatosi e altre.

È possibile sostenere Telethon durante tutto l'anno tramite versamenti sul ccp 10-16-2 oppure effettuando una promessa di versamento via internet o con un sms. Nella nostra regione i malati e le loro famiglie possono presentare una richiesta di sostegno direttamente all'Associazione Malattie Genetiche Rare Svizzera Italiana (MGR), che è supportata finanziariamente da Telethon.

Qui il link per sostenere Telethon!

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
AIROLO
7 ore
Sorpasso nel tunnel del San Gottardo, automobilista condannato
Un cittadino degli Emirati Arabi è stato sanzionato per la manovra compiuta lo scorso 24 novembre
LUGANO
8 ore
Davide Enderlin a processo
L'ex consigliere comunale luganese è stato rinviato a giudizio e dovrà rispondere di illeciti per oltre 3 milioni
ARBEDO-CASTIONE
10 ore
Il Motel Castione affonda schiacciato dall'Iva
Negli scorsi giorni la società ha depositato i bilanci, oggi lo stop intimato dal Cantone
CANTONE
10 ore
Ecco i prossimi radar, molti nel Luganese
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 24 al 30 gennaio
CANTONE
12 ore
Mancata riscossione dell'IVA: «Non devono essere i conducenti a risarcirla»
L'invio di un complemento di fattura dopo circa cinque anni ha fatto storcere il naso a molti.
FOTO
LUGANO
15 ore
«Ringrazio tutto il personale sanitario»
Il presidente della Confederazione ha parlato con i medici e gli infermieri in prima linea nella lotta al Covid-19.
CANTONE
15 ore
«Bene gli applausi agli infermieri, ma diamogli anche 6'000 franchi»
L'MPS ha presentato una serie di emendamenti al Preventivo 2022 focalizzati su sanità, dumping e disoccupazione
LOCARNO
16 ore
Kursaal firma con un nuovo gestore. «Ma noi siamo ancora interessati»
Il Gruppo ACE, che attualmente gestisce la casa da gioco, non nasconde il proprio stupore: «Non sapevamo nulla»
CANTONE
17 ore
In lieve aumento i ricoveri (+5) e tre nuove vittime
I nuovi positivi al Covid registrati nelle ultime 24 ore sono 1421.
CANTONE
22 ore
«Io prete che ho detto di no a quella donna»
Don Pierangelo Regazzi, ex arciprete di Bellinzona, vuota il sacco: «Il celibato obbligatorio non ha più senso».
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile