Immobili
Veicoli
Sara Ghiggi
Losone
24.11.21 - 08:450

Un’interpellanza chiede di spegnere la luce stradale quando non serve

Il Plr chiede dei sistemi di tipo adattivo così che «nel momento di non utilizzo si spengano i punti non necessari»

Un secondo oggetto sottoposto al Municipio mette sotto la lente il problema della viabilità davanti alla scuola dell'infanzia che è fonte di pericolo per i bambini

LOSONE - Auto in seconda fila e strade troppo illuminate. Il Partito liberale radicale di Losone ha messo all'attenzione del municipio due problematiche, incentrate entrambe sul traffico stradale. La prima mette in causa l'inquinamento luminoso e la seconda ai genitori in macchina davanti alle scuole che causano non poche difficoltà ai bambini. Entrambe le tematiche saranno oggetto del prossimo Consiglio Comunale il 16 dicembre.

Luce, anche quando non serve - «Nel nostro comune sono presenti un largo numero di punti luce che forniscono una copertura quasi totale del territorio stradale. Essi forniscono un ottimo apporto alla sicurezza ma rappresentano anche un enorme spreco dal punto di vista energetico». Così scrive il Athos Ghiggi in un'interpellanza sottoposta al municipio di Losone. Secondo il consigliere comunale del Plr spesso le luci sono accese per nulla perché nessuno si trova sulla strada e questo causa un problema d'inquinamento non necessario.

«Il fatto di mantenere accesi questi punti luce senza utilizzo rappresenta un inutile spreco di energia che oltre a essere un costo per il Comune va ad aumentare il consumo generale di energia durante la notte». A questo mette in nota anche le parole del Cantone riguardanti la prevenzione dell'inquinamento luminoso: "Limitare l'illuminazione artificiale al solo periodo in cui essa è effettivamente necessaria. La scelta di spegnere l'impianto dopo una certa ora è sicuramente la soluzione che dà i risultati migliori. Si ottengono soluzioni efficaci anche utilizzando riduttori di flusso, temporizzatori e sensori a raggi infrarossi (o similari)".

Ciò che chiede al municipio è un aggiornamento dei punti luce e propone il Fondo energie rinnovabili per agire in tal senso. La sua idea è di «dotarsi di sistemi adattivi di gestione dell’illuminazione comunale, che nel momento di non utilizzo spengano i punti luce non necessari».

Macchine in seconda fila e sicurezza - Il comune di Losone mette al centro da anni la mobilità lenta. Come spiega la Plr Sara Ghiggi, «i bambini che frequentano la scuola elementare sono invitati a raggiungere l’edificio scolastico a piedi, autonomamente o con il "pedibus", o in bici», ma c'è un problema. «Via Saleggi, nel tratto dalla scuola media fino alla rotonda davanti alla scuola dell’infanzia, si trasforma spesso in una strada molto pericolosa per i piccoli, soprattutto se si muovono in bicicletta».

La consigliera comunale testimonia che ogni giorno «ci sono macchine posteggiate in seconda fila, che ostacolano la mobilità lenta, o automobili che fanno manovre senza prestare abbastanza attenzione ai piccoli ciclisti. Il problema è osservabile indifferentemente dal tempo meteorologico». Per questo chiede al municipio di muoversi in modo da agevolare la mobilità lenta per i bambini della scuola dell'infanzia e chiudere il tratto di strada indicato di Via Saleggi.

Sara Ghiggi
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
AIROLO
1 ora
Sorpasso nel tunnel del San Gottardo, automobilista condannato
Un cittadino degli Emirati Arabi è stato sanzionato per la manovra compiuta lo scorso 24 novembre
LUGANO
2 ore
Davide Enderlin a processo
L'ex consigliere comunale luganese è stato rinviato a giudizio e dovrà rispondere di illeciti per oltre 3 milioni
ARBEDO-CASTIONE
4 ore
Il Motel Castione affonda schiacciato dall'Iva
Negli scorsi giorni la società ha depositato i bilanci, oggi lo stop intimato dal Cantone
CANTONE
4 ore
Ecco i prossimi radar, molti nel Luganese
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 24 al 30 gennaio
CANTONE
6 ore
Mancata riscossione dell'IVA: «Non devono essere i conducenti a risarcirla»
L'invio di un complemento di fattura dopo circa cinque anni ha fatto storcere il naso a molti.
FOTO
LUGANO
9 ore
«Ringrazio tutto il personale sanitario»
Il presidente della Confederazione ha parlato con i medici e gli infermieri in prima linea nella lotta al Covid-19.
CANTONE
10 ore
«Bene gli applausi agli infermieri, ma diamogli anche 6'000 franchi»
L'MPS ha presentato una serie di emendamenti al Preventivo 2022 focalizzati su sanità, dumping e disoccupazione
LOCARNO
10 ore
Kursaal firma con un nuovo gestore. «Ma noi siamo ancora interessati»
Il Gruppo ACE, che attualmente gestisce la casa da gioco, non nasconde il proprio stupore: «Non sapevamo nulla»
CANTONE
11 ore
In lieve aumento i ricoveri (+5) e tre nuove vittime
I nuovi positivi al Covid registrati nelle ultime 24 ore sono 1421.
CANTONE
16 ore
«Io prete che ho detto di no a quella donna»
Don Pierangelo Regazzi, ex arciprete di Bellinzona, vuota il sacco: «Il celibato obbligatorio non ha più senso».
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile