Immobili
Veicoli
Foto Michel Zylberberg
+21
LUGANO/NAIROBI
22.11.21 - 21:540

«Con le mie foto vi racconto il Kenya che resiste a Covid e siccità»

Il fotografo luganese Michel Passos Zylberberg è stato in Africa per un'esperienza tra volontariato e scoperta

Il suo lavoro confluirà in un libro, il cui ricavato sarà destinato a sostenere i progetti della Onlus Karibuni nella terra dei masai

LUGANO/NAIROBI - Non è un Kenya da cartolina quello che è andato a cercare il fotografo di architettura svizzero-brasiliano Michel Passos Zylberberg. Con il suo obiettivo il professionista luganese non si è infatti spostato a caccia di leoni o rinoceronti, ma ha potuto immortalare un’altra Africa. Quella dei villaggi flagellati da un Covid ignoto e da una siccità che da un anno e mezzo azzanna la savana. Due piaghe anche per il locale turismo. 

Ne nascerà un libro di pensieri, testimonianze e immagini raccolte durante la decina di giorni in cui, a metà ottobre, il 41enne ha percorso il Paese del Corno d’Africa accompagnato da un amico fotografo, Fulvio Pettinato, e da Kanai, una guida del popolo Masai. «Ho vissuto un’esperienza molto forte in luoghi abbastanza simili al mio Brasile. Mi sono sentito in un certo senso a casa» racconta Michel a Tio/20Minuti. È stato un viaggio tra avventura e volontariato visto che a Nairobi i due fotografi sono giunti su invito della Onlus italiana Karibuni, presieduta da Gianfranco Ranieri.

«A parte un paio d’ore di turismo, nel resto del tempo - continua l'intervistato - abbiamo visitato i villaggi dove la Onlus ha realizzato scuole, un ospedale e altre strutture. Un po’ per dare una mano, ma anche per fotografare i progetti finanziati dai benefattori. È stata una soddisfazione anche essere nominato sul campo “ambasciatore in Svizzera” dell’associazione». 

Com’è oggi la situazione in Kenya dal profilo della pandemia?
«Nelle grandi città c’è l’obbligo della mascherina e la polizia controlla. Al di fuori invece nessuno sa esattamente come evolvono i contagi. Si muore come prima, ma la gente non sa per cosa. La credenza negli stregoni è ancora molto forte, di solito vanno prima da loro e solo dopo si affidano alle cure mediche».

Oltre al Covid cos’altro colpisce nei luoghi che ha visitato?
«La grande siccità. C’è bisogno di verde e difatti uno dei prossimi progetti dell’associazione consisterà nel piantare 25mila alberi nei dintorni di una scuola. È più di un anno che non piove. Laggiù sono abituati a terribili alluvioni intervallate da interminabili periodi secchi».

Avete visto anche il Kenya dei safari e dei parchi naturali?
«Ci siamo informati ma ci hanno detto che nei parchi a causa degli animali morti per la mancanza d’acqua la situazione è desolante. Da quasi due anni tutto è chiuso e molti operatori turistici del posto non sono più attivi. Però la natura selvaggia mi affascina e siccome la nostra guida Masai mi ha invitato a tornare con la mia famiglia nei loro villaggi tra Kenia e Tanzania, beh, questa molto probabilmente sarà una delle prossime avventure».

Girando invece nelle grandi città si corrono dei rischi?
«Nei piccoli centri non c’è violenza. A Mombasa invece è sconsigliabile girare di notte. Ma la mia paura più grossa sono stati i poliziotti che in Kenya sono in gran parte corrotti. Ho sentito tante volte dire che non appena ti fermano per strada ti chiedono dei soldi. Per la gente è perciò normale avere sempre in tasca del denaro come lasciapassare. È un po’ triste, ma dipende anche dai salari bassissimi che gli agenti ricevono».

Che contatti avete avuto con la gente del posto?
«Negli ultimi cinque giorni abbiamo noleggiato un Tuk Tuk e con questa Ape abbiamo portato cibo e materiale scolastico alle famiglie nei villaggi. Abbiamo incontrato solo brave persone». 

Dal Ticino all’Africa anche per fare il fotografo?
«Qui in Europa lavoro principalmente con la fotografia di architettura e interni. Ho avuto modo di collaborare con grandi Studi come Renzetti & Partners, Botta, Guscetti e altri. Questo genere di lavoro solitamente è molto impersonale, mi mancava il contatto con le persone e anche vivere una dinamica simile alle mie radici. Il Kenya mi ha ricaricato le batterie, oltre ad avermi regalato tantissimi sorrisi e sguardi indelebili. E anche ad avermi insegnato a relativizzare un po’ i problemi, che da noi sembrano sempre enormi. Non è retorica dire che siamo davvero fortunati e che avremmo i mezzi per aiutare tantissimo l'Africa».

Foto Michel Zylberberg
Guarda tutte le 25 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
6 ore
«Una relazione moralmente inappropriata, ma legale»
«Si è trattato di una relazione consenziente, e lei aveva 16 anni», si è giustificato il Governo.
CANTONE
11 ore
«Nessun allarme diossina in Ticino»
A differenza del Canton Vaud, in Ticino i valori nel terreno di questi composti sono sotto il livello di guardia.
MENDRISIO
12 ore
Truffano un'anziana, fermati con 40mila franchi
I "falsi poliziotti" tornano a colpire in Ticino. La Polizia mette in guardia
CANTONE
13 ore
Diciotto nuove sezioni in quarantena
Nelle ultime 24 ore si registrano poco più di mille contagi e nessuna vittima dovuta al Covid
CANTONE
15 ore
«Dopo 20 anni di lavoro, mi hanno lasciato a casa con una videochiamata»
La testimonianza di un ex quadro di UBS, "vittima" della riorganizzazione prevista dalla banca.
CONFINE
15 ore
Frontalieri con il reddito di cittadinanza
Nuovi furbetti smascherati dai finanzieri del luinese
CANTONE
17 ore
«Contact tracing: così è ridicolo»
Duro attacco della dottoressa Daniela Soldati, ex direttrice della Santa Chiara di Locarno, al sistema di tracciamento.
CANTONE
17 ore
Il pane non seguirà la pasta nella folle corsa dei prezzi
Il direttore del Mulino di Maroggia parla dei rialzi in atto sul mercato dei cereali
FOTO
CANTONE
1 gior
A 2'500 metri, meno neve del solito
L'inverno con le vette bianche si fa ancora attendere. Fino a metà febbraio non sono, per ora, previste precipitazioni
PURA / CASLANO
1 gior
Scontro tra più auto: due feriti, di cui uno grave
È successo questa mattina poco prima delle 11 in via Colombera a Pura
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile