Depositphotos
LUGANO
28.10.21 - 06:000
Aggiornamento : 10:28

«Gli appartamenti del centro non sono più funzionali, ecco perché Cornaredo fa paura»

PSE: il dibattito si sposta sugli sfitti già presenti. Perché? Lo spiega Gianluigi Piazzini, presidente della CATEF.

«Chi ha un immobile datato – sostiene – si sente smarrito. Non sa se riqualificare o no. E in ogni caso va incontro a spese e burocrazia. Capisco che ci sia tensione verso un progetto concorrenziale».

LUGANO - Dallo sport all'edilizia il passo può essere breve. A Lugano il dibattito sul Polo Sportivo e degli Eventi (PSE), in votazione il prossimo 28 novembre, sta sempre più facendo leva sulla questione degli appartamenti sfitti. Ce ne sarebbero già troppi, secondo gli oppositori del progetto. In effetti la città sul Ceresio, numeri Ustat alla mano, conterebbe circa 1555 unità sfitte con un tasso del 3,81%. Ma perché questi appartamenti sono sfitti? «Il problema – evidenzia Gianluigi Piazzini, presidente della Camera ticinese dell'economia fondiaria (CATEF) – è che abbiamo a che fare con spazi che fanno fatica a reggere dal punto di vista funzionale. Anche nel centro cittadino». 

Modernità e comodità – Nel nuovo quartiere di Cornaredo, qualora passasse il sì al Polo, oltre alle due "famose" torri destinate a spazi amministrativi e commerciali, verrebbero create quattro palazzine con un centinaio di appartamenti tra cui alcuni a pigione moderata. Piazzini, interlocutore neutrale e sopra le parti, analizza la questione: «È normale che questi appartamenti saranno competitivi a livello di mercato. Saranno moderni e comodi da raggiungere. Capisco che chi possiede un appartamento più vecchio in centro possa sentirsi in concorrenza».

Lo sfitto è dovuto ai prezzi troppo alti? – Gli appartamenti in centro, tuttavia, sono anche mediamente piuttosto cari. Sotto i 1.800 franchi mensili si trova poco o nulla. «Per alcuni inquilini può essere un problema. Ma generalmente io non penso che gli appartamenti siano sfitti per questo. Il problema reale è che diversi appartamenti non sono più al passo coi tempi. E che non si investe per rimetterli a posto. Non dimentichiamoci che di fronte alla prospettiva di una migliore qualità di vita ci sono anche famiglie disposte a pagare quel qualcosa in più».

Il grande dilemma – Il presidente della CATEF pone l'accento su un altro aspetto fondamentale. «Chi è proprietario di un immobile datato si trova sempre più di fronte a un dilemma. Ristrutturare? Riqualificare? Comunque vada si dovranno affrontare spese e burocrazia. Non è facile. Una volta si pensava che il "costruito" fosse eterno. Non è così. Invecchia come le persone. Diversi proprietari si trovano confrontati con un senso di smarrimento».   

«Le esigenze sono cambiate» – I contrari al Polo parlano di speculazione edilizia. Piazzini replica stizzito: «È un concetto che veniva tirato in ballo già 50 anni fa. Si è sempre costruito. E si è sempre parlato di speculazione. All'epoca così come oggi si è sempre lavorato al top degli standard del momento. Le esigenze degli inquilini ovviamente sono cambiate. A questo dobbiamo aggiungere il fatto che oggi si fanno meno figli. La concorrenza interna tra proprietari di appartamenti è dunque ulteriormente rimarcata dal fatto che la popolazione decresce. Se per speculazione intendiamo rischio, allora si sa che la vita comporta dei rischi. Così come l'imprenditoria. Il dato di fatto è che il prodotto nuovo, qualsiasi esso sia, è anche concorrenziale. Punto e basta». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FAIDO
1 ora
Marrakesh, il racconto dieci anni dopo
Morena Pedruzzi è l'unica sopravvissuta ticinese all'attentato terroristico del 2011. Si racconta in un libro
CANTONE
3 ore
L'Udc non parla con la Rsi
«Troppo parziale». I democentristi domani non commenteranno le votazioni ai microfoni di Comano
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
9 ore
Fiamme dalla canna fumaria, intervengono i pompieri
L'incendio, divampato questa mattina a Cugnasco, si è propagato anche al tetto.
RIVA SAN VITALE
9 ore
A processo per tentato omicidio
Rinviata a giudizio la 43enne che sei mesi fa accoltellò al collo il compagno.
BOSCO GURIN
22 ore
«Rabbia per l'ingiustizia subita...» da Frapolli
Fumata nera dopo gli incontri: niente sconti a maestri e bambini da parte del gestore degli impianti
CANTONE
1 gior
«Aumento delle indennità al Gran Consiglio? No, grazie»
Presentata un'iniziativa parlamentare che chiede lo stralcio dell'automatismo degli aumenti
CANTONE
1 gior
Radar, ecco dove
Come ogni venerdì la Polizia comunica le località in cui potrebbero esserci controlli della velocità.
CANTONE
1 gior
Eoc, terza dose ai dipendenti over 50
L'Ente ospedaliero apre il richiamo vaccinale per i collaboratori a contatto con i pazienti
FOTO
BIOGGIO
1 gior
Sbaglia strada per colpa del navigatore e “sprofonda” in un terreno agricolo
È un'autocisterna la protagonista dell'episodio che si è verificato negli scorsi giorni a Bioggio. Sul posto i pompieri
LUGANO
1 gior
«Questo non è un vaccino flop»
Perché siamo di nuovo nei guai a causa del Covid? Cosa è stato sbagliato? Il booster ha senso?
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile