Regali di Natale minacciati dalla crisi
tipress
CANTONE
26.10.21 - 08:040
Aggiornamento : 08:34

Regali di Natale minacciati dalla crisi

La carenza di materie prime preoccupa i negozianti. Federcommercio: «Situazione da non sottovalutare»

LUGANO - Sotto l'albero di Natale i ticinesi potrebbero trovarsi una nuova crisi. Non pandemica, questa volta. Nemmeno economica, in senso stretto. Ma le difficoltà di approvvigionamento segnalate da 4 aziende su 5 in Svizzera rischiano di tradursi in prezzi più alti. 

Un altro regalo del Covid, indirettamente. Il blocco dei mercati durante il lockdown ha generato un boom di domanda arretrata che i fornitori - un po' in tutti i settori - faticano a soddisfare. La crisi globale ha delle ripercussioni anche in Ticino, ha segnalato ieri il presidente della Camera di Commercio Luca Albertoni. «Molte aziende rischiano di chiudere, se la situazione non rientra in tempi brevi». 

Più nell'immediato, i negozianti fanno i conti in vista dello shopping natalizio. A due mesi dalle Feste, il rischio di non poter esaudire le richieste dei clienti è reale, spiega la presidente di Federcommercio Lorenza Sommaruga. «Mi auguro che tutti abbiano provveduto con un largo anticipo a rifornirsi, per affrontare una stagione così cruciale». 

Il periodo natalizio «è quello che permette di far quadrare i bilanci» e dopo due Natali oscurati dal Covid, la nuova minaccia «non è certo da sottovalutare anche se non deve spaventarci troppo». Dopo una breve ricerca tra i negozianti del Mendrisiotto, del Luganese e del Bellinzonese «emerge che effettivamente ci sono dei ritardi nella fornitura per quanto riguarda tessile e abbigliamento, ma anche gioielleria e articoli da regalo» osserva Sommaruga. 

«Per quanto mi riguarda, ad esempio, ho avuto un ritardo di due-tre mesi nelle forniture di cristalli» spiega la portavoce dei commercianti, titolare di una gioielleria in centro a Lugano. Per quanto riguarda i prezzi «l'impressione è che, almeno per quest'anno, i negozianti tenderanno a ridurre piuttosto i margini per non alzare i prezzi alla clientela in un momento così delicato». In futuro si vedrà. «Alcuni fornitori hanno già ritoccato al rialzo i prezzi per l'anno prossimo - conclude Sommaruga -. Se la crisi si protrarrà a lungo non è da escludere che anche i consumatori dovranno pagare di più». 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
5 ore
Selvaggina, più che alla radioattività occhio al piombo
Il Laboratorio cantonale ha analizzato diversi "prodotti" della terra alla ricerca di radioattività e metalli pesanti
LOCARNO
7 ore
Anche Locarno si mette la mascherina
Raccomandata in centro e nelle zone molto frequentate, nel villaggio di Locarno On Ice ingresso solo con il 2G
LOCARNO
7 ore
Dopo il pestaggio sarà rafforzato da subito il pattugliamento
La decisione presa dal Municipio al termine della seduta odierna.
LUGANO
8 ore
Naturalizzazione negata all'imam? Decisione da rivedere
Il Tribunale amministrativo federale ha accolto il ricorso dell'imam di Viganello, rimandando l'incarto alla SEM
FOTO
CANTONE
10 ore
Nuove officine FFS da 580 milioni di franchi
Aumenta l'investimento, anche a causa della «crescita delle attività nel futuro stabilimento»
CANTONE
10 ore
«Sintomi depressivi gravi per un terzo degli studenti»
L'allarme del SISA in base ai risultati di un questionario distribuito alla Scuola cantonale di Commercio
CANTONE
13 ore
L'appello del Cantone: obbligo di mascherina nei luoghi affollati
Il Consiglio di Stato sostiene tale provvedimento, che è «efficace» e «assicura un'elevata sicurezza sanitaria»
CANTONE
14 ore
Arriva la neve, «usate l'auto soltanto se necessario»
Per domani, 8 dicembre, è prevista un'allerta meteo di livello 3. Le raccomandazioni della polizia cantonale
CANTONE
15 ore
Altri 188 casi e nove quarantene di classe
I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 83. Un nuovo positivo nelle case anziani.
CANTONE
15 ore
Ecco come studiare
Sono aperte le iscrizioni per i corsi indirizzati ai ragazzi della Scuola media
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile