Ti-Press (Davide Agosta)
LUGANO
21.10.21 - 16:150

Spunti di riflessione per una Lugano «aperta, innovativa e accogliente»

Un gruppo di cittadini si china su cultura, abitabilità, appartenenza e sfide future con una serie di proposte

LUGANO - Lugano avrebbe il potenziale per diventare una città aperta, innovativa, ancora più vivibile per tutte e tutti. Ma: Lugano è una città in crisi che ha bisogno di nuovi spunti e stimoli. È quanto sostiene un gruppo di cittadini «che vive e investe economicamente, culturalmente e socialmente in questo territorio».

Nello specifico, si tratta dell'architetto Monique Bosco-von Allmen, dell'imprenditore sociale ed esperto in politiche giovanili Edo Carrasco, del professore universitario Boas Erez, dell'architetto Sophie Maffioli e dell'operatore culturale Damiano Merzari. Un gruppo che propone quattro spunti di riflessione per avviare una discussione sui problemi e sul futuro della città, anche guardando ad altri modelli.

La cultura - Innanzitutto si parla di cultura. Una cultura nella quale la città investe molto, con musei, festival e teatri. Ma «la cultura non si trova esclusivamente nei musei o nella bellezza delle rappresentazioni teatrali o musicali che vediamo e consumiamo» spiega il gruppo. Servirebbero pertanto spazi per la sperimentazione. La proposta è la creazione di «un'associazione che raggruppi le diverse istanze di produzione culturale che nasce dal basso, nei quartieri, tra le nuove generazioni e i nuovi abitanti». Il gruppo pensa alla Reithalle di Berna, a La Coupole di Bienne e alla Rote Fabrik di Zurigo.

Città abitabile (da tutti) - Un'altra riflessione riguarda la Lugano abitabile. Questo perché la città «ha una qualità di vita eccellente, destinata però a pochi e che sempre meno persone possono permettersi». Insomma, non bisogna pensare soltanto ad abbienti e anziani. Guardando a modelli d'oltre San Gottardo, la proposta è di prevedere «forme abitative di utilità pubblica e senza fine di lucro». E si chiede anche che la città prenda «una posizione chiara sulla destinazione degli edifici (momentaneamente) inutilizzati». L'obiettivo è di attrarre le giovani generazioni e le famiglie.

Sentirsi parte della città - Si tratta poi di creare un senso di appartenenza alla città. Un senso di appartenenza che non si può più basare su una Lugano delle banche, della ricchezza e della discrezione. Questa storia fa ormai parte del passato, secondo il gruppo. «Lugano deve investire, con feste ed eventi, con coerenza e partecipazione, in una nuova “narrazione”, che possa creare un’identificazione di un’ampia parte della popolazione». In questo modo la città diventerebbe un bene di molti. I modelli? Matera “città della cultura", Berlino "città di tutti", Zurigo "città multiculurale, Basilea "città dei musei e dell'arte”.

Prepararsi al futuro - Infine, il gruppo sostiene che la città abbia bisogno di «maggiori strumenti di comprensione per risvegliarsi, per iniziare un dibattito approfondito tra cittadini e politici, che sia pragmatico e teso verso il futuro». Questo in vista delle sfide dal punto di vista ecologico, della pianificazione del futuro, delle dinamiche demografiche e delle attrattività e capacità d'innovazione economica. In questo caso, l'idea è di creare un luogo di riflessione permanente e di promozione del dibattito sul futuro di Lugano. Un luogo che dovrebbe essere vicino alla produzione della conoscenza e Lugano, e dunque alle scuole universitarie. In questo modo la città si potrebbe preparare al futuro, insieme alla popolazione, e in collaborazione con studenti e studiosi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOSTALLO
5 ore
Contro la ringhiera, finisce nel prato
Ferite gravi per un'automobilista uscita di strada a Lostallo
LUGANO
7 ore
«Contenti loro, contenti tutti»
Fulvio Pelli dopo la sconfitta alle urne fa gli auguri al Polo Sportivo. «Non brontolo, staremo a vedere»
LUGANO
11 ore
Polo sportivo, ecco cosa accadrà da domani
Tutte le prossime tappe che porteranno alla costruzione del nuovo stadio e dell'intero progetto
CANTONE
11 ore
Votazioni federali: due "sì" e un "no" dal Ticino
Il 65,3% dei votanti ha dato via libera alla Legge Covid-19, mentre il 56,1% ha sostenuto l'iniziativa sugli infermieri.
LUGANO
12 ore
Paolo Beltraminelli è il nuovo presidente del PPD di Lugano
L'ex consigliere di Stato è stato nominato quest’oggi durante l'assemblea svoltasi a Pregassona
FOTO
CANTONE
16 ore
Bianco risveglio in buona parte del Ticino
A San Bernardino si misurano attualmente ben 25 centimetri di neve. Un centimetro anche a Lugano.
CANTONE / SVIZZERA
19 ore
Tre temi federali e il PSE: ancora poche ore per votare
Fino a mezzogiorno sarà possibile recarsi alle urne per esprimere la propria opinione sui tre oggetti federali.
FAIDO
1 gior
«Da sola non ce l'avrei mai fatta»
Morena Pedruzzi racconta la lunga strada per uscire dall'incubo dell'attentato di Marrakesh
FAIDO
1 gior
Marrakesh, il racconto dieci anni dopo
Morena Pedruzzi è l'unica sopravvissuta ticinese all'attentato terroristico del 2011. Si racconta in un libro
CANTONE
1 gior
L'Udc non parla con la Rsi
«Troppo parziale». I democentristi domani non commenteranno le votazioni ai microfoni di Comano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile