«Da quando c'è il Certificato Covid, perso il 70% dei clienti»
Foto di Davide Giordano
Ary Antonietti nel suo locale.
LUGANO
20.10.21 - 08:050
Aggiornamento : 13:46

«Da quando c'è il Certificato Covid, perso il 70% dei clienti»

Continuano i grattacapi nella ristorazione. Il caso dello storico Grotto Monte Creda. Guarda il video.

Il gerente Ary Antonietti: «Porto avanti questo posto da 17 anni. Ho investito tutti i risparmi per reggere l'urto con la pandemia. Ma ora...»

LUGANO - La pandemia continua a creare grattacapi a chi ha un esercizio pubblico. E c'è chi non ne può già più del Certificato Covid. Soprattutto se si trova in una posizione discosta. La vicenda del Grotto Monte Creda di Lugano è emblematica. «Tanta gente non è ancora vaccinata – ammette il titolare Ary Antonietti –. E quindi i gruppi di disgregano. Morale della favola: in questo periodo perdiamo tra il 70 e l'80% della clientela rispetto al solito».  

All'ombra dei Denti della Vecchia – Stando a un sondaggio di GastroSuisse da metà settembre, con l'obbligo di presentare un Certificato Covid da parte della clientela, il settore della ristorazione in Svizzera avrebbe perso quasi il 28% di fatturato. E le zone rurali sarebbero le più colpite. Antonietti, classe 1981, porta avanti lo storico ritrovo situato a un'altitudine di 800 metri, all'ombra dei Denti Della Vecchia, da ben 17 anni. Mai si sarebbe aspettato una situazione del genere.

«Avrei lo spazio anche per i non vaccinati» – «I lockdown – sospira – mi hanno messo a durissima prova. Ho investito tutti i miei risparmi per fare fronte alla pandemia. Un altro inverno di incognite sarebbe durissimo da affrontare. E pensare che abbiamo una superficie enorme. Potremmo benissimo accogliere anche persone non vaccinate distanziandole da tutte le altre, come recentemente proposto dal presidente di GastroTicino Massimo Suter». 

L'agenda tristemente vuota – Antonietti ci mostra la sua agenda. In un autunno normale sarebbe stata presa d'assalto. «Questo è il periodo in cui si iniziava a pensare alle cene aziendali. Si sgomitava per avere un posto. Ora l'agenda è ancora vuota. La gente è incerta. Non sa cosa fare. Se ha un amico della compagnia che non è vaccinato preferisce stare a casa».

«Preoccupatissimo per l'inverno» – In più il Grotto Monte Creda non è di certo in una posizione centrale. «La clientela – conferma Antonietti – non ci passa davanti, siamo a dieci minuti dalla Vedeggio-Cassarate ma allo stesso tempo discosti. Uno viene qui per una scelta ben precisa, legata all'ambiente e al tipo di cucina». E aggiunge: «Io sono una persona che si è vaccinata senza problemi, purtroppo però da quando è stato introdotto il Certificato Covid la clientela è calata drasticamente. Finora le belle giornate in cui si poteva ancora stare all’aperto hanno tenuto a galla il locale, sono preoccupatissimo per i mesi freddi». 

Impieghi ridotti al minimo – Problemi anche per quanto riguarda gli impieghi e i salari. Al Monte Creda al momento lavorano in due. «E non lavoriamo neanche abbastanza per tirare fuori due stipendi. Avevo in mente di assumere nuovo personale proprio in vista degli eventi autunnali e invernali. Non sarà ovviamente possibile». 

Foto di Davide Giordano
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
2 ore
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
4 ore
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
5 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
9 ore
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
CANTONE
9 ore
Scatta Prevena 2021: ecco come prevenire furti e borseggi
I consigli della polizia per le festività. Prevista la presenza accresciuta di agenti su tutto il territorio
LUGANO
11 ore
L'Orto a scuola, perché solo con loro il futuro sarà più green
Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".
FOCUS
11 ore
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
LOCARNO
13 ore
«Ecco l'idea che libererà le valli dai campeggiatori selvaggi»
L'app "parknsleep.eu" vince il premio per l'innovazione del turismo svizzero. E sbarca anche in Ticino.
CANTONE
21 ore
La Rsi replica alle critiche: «Informazione sempre al centro»
Forma cambiata, ma «mantenendo qualità e quantità».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile