Tipress
CANTONE
14.10.21 - 18:180
Aggiornamento : 20:17

L'infermiere sul tavolo della politica: formarne di più, fermare l'emorragia da burnout

Soluzioni e proposte al centro della seduta odierna della Commissione della sanità che valuta il piano del Governo

Al centro del messaggio c'è il potenziamento della formazione con l'aumento di una cinquantina di allievi in infermieristica. L'obiettivo è di formarne 250, molti di più rispetto al passato ma ancora insufficienti per il fabbisogno che supera i 320

BELLINZONA - Potenziare la formazione in un settore, quello infermieristico, che ha mostrato di essere tanto vitale quanto fragile nell’ultimo anno e mezzo di pandemia. Si è parlato soprattutto di questo, oggi, durante la seduta della Commissione sanità e sicurezza sociale che intende varare, entro dicembre, il relativo rapporto al messaggio governativo 8009.

Il piano d'azione - Un messaggio corposo con cui il Governo presenta un piano d’azione per il rafforzamento della formazione professionale nel settore sociosanitario in risposta a ben sei atti parlamentari. Quella odierna per i commissari è stata una giornata d’ascolto dei principali referenti nell’ambito della formazione, in quello infermieristico e degli ospedali. Un osservatorio della sanità formato da Paolo Barro (Direttore del Centro Professionale Sociosanitario Infermieristico), Franco Gervasoni (direttore della SUPSI) e Paolo Colombo (Direttore della Divisione della formazione professionale) ha quindi elaborato un documento in risposta a tutte le esigenze sollevate dai parlamentari.

Dagli stage al burnout - «Volevamo capire come intendono migliorare l’attrattività e la formazione degli infermieri» spiega la presidente della Commissione, Maristella Polli. Sul tavolo di lavoro sono quindi finiti i problemi aperti a livello di scuola e di lavoro negli ospedali, ma anche alcune proposte per risolverli. «Abbiamo cercato di stimolare delle soluzioni, ad esempio, in che modo aiutare gli infermieri negli stage con i giovani. Se aumentiamo gli stage il personale avrà sempre meno tempo per seguire i pazienti. Ci potrebbero essere persone, come dei docenti di teoria infermieristica, che affiancano gli infermieri alleviandone il carico». E questo è un esempio. «Abbiamo chiesto di trovare soluzioni dal punto di vista della burocrazia e dell’amministrazione, cui sono sempre più sottoposti, permettendo loro avere più tempo per i pazienti e i giovani in formazione». La discussione ha toccato anche il tema delle possibilità di carriera. Ma anche di chi la professione l’ha lasciata a causa del «burnout che solitamente subentra dopo circa 15 anni di lavoro. Stanno cercando di implementare dei progetti per recuperare chi si è allontanato dalla professione, offrendo loro delle alternative. Evidentemente non è facile».

Una cinquantina di allievi in più - Infine c’è il tema del potenziamento della formazione. Un aspetto su cui punta il messaggio che la Commissione intende portare quanto prima in Parlamento. L’obiettivo è di licenziare, se possibile, entro dicembre il rapporto che sarà elaborato dalla relatrice Laura Riget. «Così da implementare tutti i correttivi e i miglioramenti entro la prossima stagione scolastica - spiega Maristella Polli -. In particolare si parla di un aumento di una cinquantina di allievi in infermieristica». Non sarà la toppa che chiude il buco, ricorda la presidente. «Il messaggio resta una risposta parziale alle richieste, non entrando molto nel merito della professione dell’infermiere. Occorre fare in fretta perché i frutti non si vedranno prima di 4-5 anni. Naturalmente con 50 giovani in più non arriveremo al fabbisogno. L’obiettivo è raggiungere quota 250-60 allievi, decisamente di più del centinaio che sfornava la scuola negli ultimi decenni, ma meno del fabbisogno che è di 320-360 infermieri». Non ancora la cura, ma più di un cerotto dunque.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Jhonny 1 mese fa su tio
Iniziate ad aumentare gli stipendi!!!!
Yamaichi 1 mese fa su tio
hahaha andate a chiedere alla Moncucco, all'EOC e a tutti gli altri ospedali e cliniche quanti infermieri hanno già licenziato perchè non vogliono sottoporsi ai tamponi ... e soprattutto andate a chiedere agli infermieri quanti di loro si stanno per dimettere per queste discriminazioni ... IPOCRITI! PREOCCUPATEVI DI MANTENERE QUELLI CHE AVETE PRIMA DI TUTTO!!!
tschädere 1 mese fa su tio
io penso che i nostri politici non abbiano il coragio di chiedere piu retribuzione per il personale sanitario.e fin quando il presidente di tutte le infrastrutture e anche presidente di una casa da giuoco,non avverà mai.
Princi 1 mese fa su tio
ci pensa berset
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FAIDO
5 ore
«Tanta rabbia, da sola non ce l'avrei fatta»
Morena Pedruzzi racconta la lunga strada per uscire dall'incubo dell'attentato di Marrakesh
FAIDO
10 ore
Marrakesh, il racconto dieci anni dopo
Morena Pedruzzi è l'unica sopravvissuta ticinese all'attentato terroristico del 2011. Si racconta in un libro
CANTONE
12 ore
L'Udc non parla con la Rsi
«Troppo parziale». I democentristi domani non commenteranno le votazioni ai microfoni di Comano
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
18 ore
Fiamme dalla canna fumaria, intervengono i pompieri
L'incendio, divampato questa mattina a Cugnasco, si è propagato anche al tetto.
RIVA SAN VITALE
18 ore
A processo per tentato omicidio
Rinviata a giudizio la 43enne che sei mesi fa accoltellò al collo il compagno.
BOSCO GURIN
1 gior
«Rabbia per l'ingiustizia subita...» da Frapolli
Fumata nera dopo gli incontri: niente sconti a maestri e bambini da parte del gestore degli impianti
CANTONE
1 gior
«Aumento delle indennità al Gran Consiglio? No, grazie»
Presentata un'iniziativa parlamentare che chiede lo stralcio dell'automatismo degli aumenti
CANTONE
1 gior
Radar, ecco dove
Come ogni venerdì la Polizia comunica le località in cui potrebbero esserci controlli della velocità.
CANTONE
1 gior
Eoc, terza dose ai dipendenti over 50
L'Ente ospedaliero apre il richiamo vaccinale per i collaboratori a contatto con i pazienti
FOTO
BIOGGIO
1 gior
Sbaglia strada per colpa del navigatore e “sprofonda” in un terreno agricolo
È un'autocisterna la protagonista dell'episodio che si è verificato negli scorsi giorni a Bioggio. Sul posto i pompieri
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile