Immobili
Veicoli
tipress
Arturo Garzoni
CANTONE
13.10.21 - 17:310

La Procura perde un altro pezzo (grosso)

Garzoni dà le dimissioni. Il procuratore capo lascia dopo 20 anni

BELLINZONA - La Procura perde un altro pezzo. E non un pezzo piccolo. Dopo il sostituto Procuratore generale Nicola Respini, anche il procuratore capo Arturo Garzoni ha presentato le dimissioni. Lo riferisce il Ministero pubblico in una nota odierna. 

Classe 1962, Garzoni ha annunciato la propria partenza per la fine di maggio dell'anno prossimo: andrà in pensionamento anticipato. Una scelta «a lungo ponderata e legata a ragioni di natura privata» precisa il comunicato. 

Classe 1962, studi in diritto a Zurigo, Garzoni ha ottenuto il brevetto di avvocato nel 1991 e quello di notaio nel 1995. Dopo essere stato titolare per più anni di uno studio legale e notarile, è stato eletto Procuratore pubblico nel dicembre 2000, occupandosi sia di reati di polizia sia di reati finanziari e portando in aula penale numerose complesse inchieste. Dal 2018 coordina l'antenna di Bellinzona del Ministero pubblico. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CONFINE
4 ore
Frontalieri italiani, l'accordo avanza
La commissione economia e tributi del Nazionale promuove la riforma fiscale (quasi) all'unanimità
CANTONE
7 ore
La marcia di chiusura dei Centri vaccinali: «Affrettatevi ad iscrivervi»
Il rallentamento delle richieste ha portato le autorità a ridimensionare progressivamente il dispositivo
CANTONE
9 ore
Identikit dell'astensionista ticinese
Chi è, che lavoro fa, cosa ha votato e perché non vuole votare più. Lo studio dell'Università di Losanna
BELLINZONA
10 ore
La capitale è ancora più grande
A fine 2021 sotto l'ombra dei Castelli abitavano 44'530 persone, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima.
CANTONE
11 ore
Altri due decessi in Ticino, dieci nuove quarantene nelle scuole
Negli ospedali si contano quattro Covid-pazienti in meno, per un totale di 173.
CHIASSO
14 ore
«Insultata e minacciata solo per aver svolto il mio lavoro»
Finita più volte al centro di un polverone mediatico, la dottoressa Mariangela De Cesare ha voluto “vuotare il sacco”.
FOCUS
15 ore
I detenuti che non vogliono uscire
Il reinserimento sociale è un problema, per chi è dietro le sbarre. Tanto che molti preferiscono rimanerci
LUGANO
16 ore
«Non era il pianto di mia figlia»
Una 90enne luganese vittima dei "falsi poliziotti". Racconta come ha morso la foglia
CANTONE
1 gior
«Una relazione moralmente inappropriata, ma legale»
«Si è trattato di una relazione consenziente, e lei aveva 16 anni», si è giustificato il Governo.
CANTONE
1 gior
«Nessun allarme diossina in Ticino»
A differenza del Canton Vaud, in Ticino i valori nel terreno di questi composti sono sotto il livello di guardia.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile