tipress
CANTONE
28.09.21 - 17:490
Aggiornamento : 22:17

Premi cassa malati, l'esperto Cereghetti: «Il Ticino meritava di più»

L'esperto di sanità Bruno Cereghetti non è contento dello "sconto" delle assicurazioni malattia. L'analisi e le critiche

BELLINZONA - Uno zero virgola che non piace a nessuno. E dopo la virgola, la cifra più bassa che si poteva sperare. Ma il segno è quello giusto: meno. «Un timido passo» come ha detto il ministro Raffaele De Rosa in conferenza stampa «ma almeno andiamo nella direzione giusta».

I premi delle casse malati diminuiranno finalmente, nel 2022, dopo anni di rincari. In Ticino lo "sconto" agli assicurati è comunque tra i più bassi in Svizzera: meno 0,1 per cento. Poco rispetto a Basilea Città (-2,1 per cento) o Ginevra (-1,5) ma a qualcuno è andata anche peggio (Obvaldo +1,4, Glarona +1,1 per cento). 

A seguire la diretta streaming del ministro della salute Alain Berset c'era anche Bruno Cereghetti, esperto di sanità tra i più critici in Ticino quando si parla di assicurazioni. «È chiaro che rispetto alle batoste degli anni scorsi la notizia potrebbe sembrare lievemente rallegrante» commenta a tio.ch/20minuti. «A mio parere però si poteva fare decisamente di più». 

L'ex capo dell'Ufficio assicurazioni malattia fa riferimento agli aumenti del 2021: in Ticino, i premi sono aumentati in media del 2,1 per cento «mentre abbiamo visto che con la pandemia dell'anno scorso i costi della sanità sono letteralmente crollati» osserva. «Quest'anno non si costata un'escalation dei costi, almeno per ora. La diminuzione irrisoria che è stata annunciata oggi non appare quindi giustificabile. Ci hanno dato un contentino, ma avremmo meritato un migliore trattamento».

Le critiche non sono rivolte al Dss e al direttore De Rosa, precisa Cereghetti. «Semmai all'Ufficio federale di sanità che non comunica i dati in modo trasparenze e leggibile, e non mette i cantoni in condizione di farsi valere». Ma il responsabile ultimo è il Parlamento federale: «I consiglieri nazionali sono praticamente silenti su questo tema per tutto l'anno, alcuni si lamentano un po' quando vengono annunciati i premi, ma non c'è un vero lavoro politico per diminuirli. A farne le spese è la popolazione, che continua a pagare di più». 

Un altro punto critico - «forse il più importante» - riguarda le riserve «indecenti» accumulate dalle assicurazioni malattia, conclude l'esperto. Il calo dei premi a livello federale - il primo dal 2008: meno 0,2 per cento in media - è stato possibile «proprio grazie alla prima timida modifica della legge sulle assicurazioni, ma i capitali accumulati dalle casse sono ancora troppo alti». Per Cereghetti la cura della malattia è duplice: «Più trasparenza nel meccanismo di trasferimento dei costi. E meno capitali nelle casseforti degli assicuratori». Sperando i prossimi anni ci sorprendano.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
MELIDE
15 ore
Fiamme da una canna fumaria, pompieri in azione
Il fuoco è stato domato prima che si propagasse al tetto
CANTONE
18 ore
Un paio di cose da sapere quando si prenota la terza dose
Da «Ci si può prenotare anche se vaccinati da meno di 6 mesi?» a «Siamo sicuri che mi danno il farmaco giusto?».
CANTONE
22 ore
Qualche fiocco di neve in arrivo in serata?
Sarà in ogni caso una breve parentesi. Ma la neve, fino a basse quote, potrebbe tornare durante la settimana
Lugano
1 gior
Più Donne chiede delucidazioni sul caso dell'ex funzionario del Dss
Dopo che la loro interrogazione non ha avuto seguito dai vertici, tornano con un'interpellanza che contiene 15 domande
CANTONE
1 gior
I più scattanti con il "booster" agli over16
A questa cifra vanno aggiunte le persone che si sono rivolte alle farmacie e agli studi medici
RIAZZINO
1 gior
Al Vanilla la musica resta spenta
Il Consiglio federale è andato incontro alle discoteche. Ma la struttura di Riazzino mantiene la propria decisione
BELLINZONA
1 gior
Il villaggio natalizio di Bellinzona solo per vaccinati e guariti
Per il mercato del sabato e i mercatini in programma varrà invece l'obbligo di mascherina
Ticino
1 gior
Ecco dove verranno posizionati i radar la prossima settimana
La polizia ricorda che «la velocità elevata permane una delle maggiori cause d'incidenti»
CANTONE
1 gior
La cucciolata che non intenerisce gli allevatori
Il nascita di tre lupacchiotti è «una cattiva notizia» commenta l'associazione per la protezione dai predatori
LUGANO
1 gior
Obbligo di mascherina in centro a Lugano
La misura scatta domani, sabato 4 dicembre, nella zona pedonale della città
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile