tipress
CANTONE
28.09.21 - 17:490
Aggiornamento : 22:17

Premi cassa malati, l'esperto Cereghetti: «Il Ticino meritava di più»

L'esperto di sanità Bruno Cereghetti non è contento dello "sconto" delle assicurazioni malattia. L'analisi e le critiche

BELLINZONA - Uno zero virgola che non piace a nessuno. E dopo la virgola, la cifra più bassa che si poteva sperare. Ma il segno è quello giusto: meno. «Un timido passo» come ha detto il ministro Raffaele De Rosa in conferenza stampa «ma almeno andiamo nella direzione giusta».

I premi delle casse malati diminuiranno finalmente, nel 2022, dopo anni di rincari. In Ticino lo "sconto" agli assicurati è comunque tra i più bassi in Svizzera: meno 0,1 per cento. Poco rispetto a Basilea Città (-2,1 per cento) o Ginevra (-1,5) ma a qualcuno è andata anche peggio (Obvaldo +1,4, Glarona +1,1 per cento). 

A seguire la diretta streaming del ministro della salute Alain Berset c'era anche Bruno Cereghetti, esperto di sanità tra i più critici in Ticino quando si parla di assicurazioni. «È chiaro che rispetto alle batoste degli anni scorsi la notizia potrebbe sembrare lievemente rallegrante» commenta a tio.ch/20minuti. «A mio parere però si poteva fare decisamente di più». 

L'ex capo dell'Ufficio assicurazioni malattia fa riferimento agli aumenti del 2021: in Ticino, i premi sono aumentati in media del 2,1 per cento «mentre abbiamo visto che con la pandemia dell'anno scorso i costi della sanità sono letteralmente crollati» osserva. «Quest'anno non si costata un'escalation dei costi, almeno per ora. La diminuzione irrisoria che è stata annunciata oggi non appare quindi giustificabile. Ci hanno dato un contentino, ma avremmo meritato un migliore trattamento».

Le critiche non sono rivolte al Dss e al direttore De Rosa, precisa Cereghetti. «Semmai all'Ufficio federale di sanità che non comunica i dati in modo trasparenze e leggibile, e non mette i cantoni in condizione di farsi valere». Ma il responsabile ultimo è il Parlamento federale: «I consiglieri nazionali sono praticamente silenti su questo tema per tutto l'anno, alcuni si lamentano un po' quando vengono annunciati i premi, ma non c'è un vero lavoro politico per diminuirli. A farne le spese è la popolazione, che continua a pagare di più». 

Un altro punto critico - «forse il più importante» - riguarda le riserve «indecenti» accumulate dalle assicurazioni malattia, conclude l'esperto. Il calo dei premi a livello federale - il primo dal 2008: meno 0,2 per cento in media - è stato possibile «proprio grazie alla prima timida modifica della legge sulle assicurazioni, ma i capitali accumulati dalle casse sono ancora troppo alti». Per Cereghetti la cura della malattia è duplice: «Più trasparenza nel meccanismo di trasferimento dei costi. E meno capitali nelle casseforti degli assicuratori». Sperando i prossimi anni ci sorprendano.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
LOCARNESE
8 ore
Camionista nei guai per tutta una serie di infrazioni
Danni e utenti della strada in pericolo nel Locarnese. Ma poi è intervenuto un pedone, togliendo la chiave di avviamento
CHIASSO
13 ore
Muore sul bus da Chiasso: ma non si sa chi è
Un 75enne di identità sconosciuta è deceduto ieri a causa di un malore. Le autorità italiane cercano in Ticino
FOTO
CANTONE
14 ore
«Quel fumo nero che usciva dal portale del San Gottardo»
Ha avuto luogo oggi a mezzogiorno il ricordo delle undici persone che morirono nella galleria il 24 ottobre 2001
LOCARNO
16 ore
Il 20enne che ha sparato resta in carcere
Convalidato l'arresto del giovane dopo i fatti di via Vallemaggia
FOTO
CHIASSO
17 ore
«Un fans club a Chiasso? Non me l'aspettavo proprio»
Miglior giovane all'ultima Vuelta, Gino Mäder è "tornato" nel Mendrisiotto accolto da un fans club nato un po' per caso.
LOCARNO
1 gior
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
SOLDUNO
1 gior
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
MENDRISIO
1 gior
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
2 gior
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
2 gior
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile