tipress
CANTONE
22.09.21 - 13:240
Aggiornamento : 14:51

Il permesso B «non implica un reale domicilio in Ticino»

Il Tribunale federale ha chiarito un punto importante per gli stranieri che chiedono una residenza in Ticino

BELLINZONA - Il centro di interessi non è più al centro degli interessi del Cantone. Il cambio di rotta sui permessi di soggiorno, preannunciato dai numeri anticipati ieri da Tio.ch/20minuti, è stato confermato e spiegato oggi in conferenza stampa dal ministro Norman Gobbi e Silvia Gada, capo sezione della Sezione della Popolazione.

Negli ultimi due anni, e in particolare nel 2021, il Cantone ha adottato una linea più "morbida" nel concedere i permessi B ai cittadini stranieri provenienti dall'Ue. I permessi negati dall'inizio dell'anno sono stati 27, l'anno scorso 163, in calo rispetto al giro di vite del quadriennio precedente (da 111 nel 2015 erano saliti a 272 nel 2019). 

I motivi risiedono in una serie di sentenze del Tribunale federale, illustrate da Silvia Gada davanti ai giornalisti: la prima novità riguarda «il centro di vita e di interessi, in precedenza utilizzato come parametro fondamentale nell'attribuire il permesso di residenza» e ora «non più determinante». I controlli condotti dai funzionari cantonali - bollette, consumi, spostamenti, precedenti penali - «restano comunque necessari» ha sottolineato la dirigente. «Le sentenze hanno confermato l'importanza di queste verifiche». 

Controlli che a suo tempo avevano suscitato critiche di "accanimento" nei confronti del Dipartimento di Gobbi. Il ministro dal canto suo ha sottolineato come «l'adeguamento alla giurisprudenza comporta una modifica del concetto di permesso B». In sostanza «il cittadino straniero titolare del permesso non deve avere un reale domicilio sul territorio, può ad esempio lavorare durante la settimana in Ticino e tornare all'estero nel weekend, dalla famiglia».   

 

Gobbi ha sottolineato come «questa novità comporterà ripercussioni in altri ambiti, come ad esempio quello dell'assistenza sociale». Le sentenze di Losanna «fanno chiarezza nel nostro settore ma potrebbero creare delle confusioni in altri settori, che prima si basavano sulle decisioni dell'Ufficio migrazione per erogare prestazioni sociali». 

 

Per quanto riguarda gli abusi la guardia «rimane comunque alta» ha assicurato Gobbi. «Nell'ambito delle decisioni di decadenza verranno mantenuti i controlli se le situazioni non sono chiare. Qui sarà importante il ruolo dei comuni nel controllo di dettaglio degli elementi che possono comportare la decadenza del permesso di soggiorno».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
33 min
Tecnologie: «Si sta creando una tribù di esclusi»
Il "divario digitale" si è amplificato con la pandemia. Serenella Morinini, 73enne valmaggese, suona la carica.
LUGANO
1 ora
L'uomo che vuole costruire lo stadio
Chi è l'imprenditore che realizzerà il Polo Sportivo, votazione permettendo? Lo abbiamo intervistato.
LOCARNO
3 ore
Colpo di spugna alla Santa Chiara: disdetta all'ex direttrice e altri 3 medici
Tre allontanati con effetto immediato. Il quarto dovrà lasciare a fine anno. Contestate loro gravi manchevolezze
Massagno
3 ore
Per Elisa ci vogliono 18 milioni
L'edificio ha un valore di stima peritale di 18 milioni e mezzo
CANTONE
17 ore
L'obiettivo: ri-vaccinare trentamila anziani entro Natale
Ecco la tabella di marcia delle autorità sanitarie cantonali per la somministrazione del richiamo
CANTONE
20 ore
Mortale in pista: condanna confermata
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso contro la sentenza per l'omicidio colposo avvenuto all'aeroporto di Lodrino
BRISSAGO
21 ore
Un'intera scuola in quarantena
Le elementari in isolamento. Domani partono i test a tappeto: «Ma solo per chi vuole farli»
CANTONE
23 ore
Sono 25 i nuovi contagi in Ticino
Fortunatamente da oltre due settimane non si registrano vittime
CANTONE / SVIZZERA
23 ore
Casse malati: migliaia di franchi risparmiati con pochi trucchi
Mediamente i premi malattia per il 2022 sono scesi. Ma di fatto per molti aumenteranno, anche in modo marcato.
CANTONE
1 gior
I ticinesi pagheranno più cari i regali?
La carenza di materie prime preoccupa i negozianti. Federcommercio: «Situazione da non sottovalutare»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile