tipress
CANTONE
21.09.21 - 19:010
Aggiornamento : 21:01

Permessi agli stranieri, il Ticino dice meno "no"

Permessi di residenza agli stranieri, il Ticino ha detto meno "no". Un ammorbidimento «per adeguarci alle sentenze»

BELLINZONA - Il Cantone non dice sempre no. Anzi, lo dice sempre meno. Dopo anni di rigore sui permessi B e C, e qualche tirata d'orecchi da parte del Tribunale amministrativo cantonale, a Bellinzona sembra tirare un'aria diversa. Meno pesante nei confronti degli stranieri che intendono trasferire o rinnovare la propria residenza in Ticino. 

Lo dicono i numeri. Nel corso di quest'anno 34 cittadini stranieri si sono visti negare il permesso di residenza (a fine agosto), contro i 163 dell'anno scorso. Nel 2019 erano stati più di 200. 

In mezzo c'è stata la pandemia, certo. Ma anche una polemica che ha tenuto banco per settimane in Parlamento. Il ministro Norman Gobbi aveva dovuto spiegare i motivi dell’«interpretazione restrittiva» della legge sugli stranieri. E aveva promesso un «ammorbidimento», a seguito di una serie di sentenze sfavorevoli del Tram e del Tribunale federale.

Promessa mantenuta, anche se a malincuore. La diminuzione, fanno sapere dal Dipartimento, è legata al «costante aggiornamento delle decisioni rispetto alla giurisprudenza prodotta dai tribunali, la quale definisce i paletti entro cui l’autorità di prima istanza è chiamata a esprimersi».

Gli strascichi giudiziari però rimangono, e rimarranno ancora per un po'. «Molti ricorsi sono ancora pendenti» spiega l'avvocato Marco Garbani, che assiste una decina di persone a cui la residenza è stata a suo tempo negata. Ai solleciti del legale, il Tram si è giustificato con «la grande mole di lavoro» arretrata. 

Il problema è che queste persone nel frattempo continuano a trovarsi in un limbo, lavorano ma magari non possono intestarsi un affitto o un leasing» spiega l'avvocato. «Intanto presentano magari nuove richieste di permesso. Una situazione che si protrae ormai da anni, senza soluzione». 

Sul tema domani è prevista una conferenza stampa, a cui parteciperà il consigliere di Stato. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
27 min
«Una brutta faccenda di sfruttamento salariale alla ticinese»
Raoul Ghisletta punta il dito contro quei benzinai «ostili» al contratto collettivo di lavoro per chi lavora negli shop.
FOTO
BELLINZONA
1 ora
Scontro tra due veicoli su via San Gottardo
L'incidente, avvenuto questa sera, ha provocato solo danni materiali.
LUGANO
1 ora
Morta la vedova Zappa, appello ai creditori
Si è spenta a 67 anni una delle protagoniste della cronaca giudiziaria ticinese
MENDRISIO
3 ore
A Ligornetto «non facciamo favoritismi»
Il blocco del traffico nel quartiere ha intasato il Basso Mendrisiotto. E innescato polemiche
FOTO
MENDRISIO
10 ore
«Oggi qualcuno sorride, ma altri piangono»
È entrato in vigore stamattina il divieto di transito attraverso il nucleo di Ligornetto. Non mancano però le lamentele.
CANTONE
12 ore
Tre nuove quarantene di classe in Ticino
Scendono a quota 7 gli ospedalizzati a causa del virus.
SONDAGGIO
CANTONE
14 ore
Canarie e Dubai fanno il pieno di turisti ticinesi
In vista delle vacanze autunnali, le prenotazioni sono in aumento. Ma non sono ancora al livello pre-crisi
CANTONE
16 ore
«Ci chiamano doule, accompagniamo alla vita, ma anche alla morte»
Assistono al parto, ma sono presenti anche al termine di una vita. Una di loro racconta cosa vuol dire essere doula.
CAPOLAGO
1 gior
Una sella di capriolo "no vax"
I ristoratori si ingegnano per accogliere i clienti non vaccinati. Anche in camper, se serve.
LUGANO
1 gior
Per Film Festival Diritti Umani Lugano il ritorno in sala è stato davvero dolce
Si conclude oggi un'edizione 2021 che non si è fermata davanti al Covid e ha puntato anche sullo streaming
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile