Lettore Tio/20Minuti
LUGANO
22.09.21 - 17:440
Aggiornamento : 23.09.21 - 09:00

Ben 34 franchi per 9 ore di autosilo: «Ma non mi scandalizzo»

L'episodio diventa lo spunto per una chiacchierata sulla mobilità col futuro sindaco Michele Foletti.

Negli ultimi anni trovare un posteggio in centro si è fatto sempre più difficile. Si tratta di una strategia per fare passare la gente dal mezzo privato a quello pubblico. Idea ostacolata dal Covid.

LUGANO - Ben 34 franchi per poco più di 9 ore all'autosilo Balestra di Lugano. Il salasso toccato a un valmaggese che per motivi professionali doveva recarsi sulle rive del Ceresio diventa l'occasione per una chiacchierata a 360 gradi col futuro sindaco Michele Foletti. Tema: la mobilità. 

La mobilità a Lugano è sempre stata una questione difficile. 
«Siamo anche stati un po' sfortunati. Noi, come altri Comuni della zona, abbiamo investito parecchio sui mezzi pubblici, sulle coincidenze e sul potenziamento delle corse. Dal 10 gennaio 2020 era entrato in vigore il nuovo modello. Ad aprile dello stesso anno sono stati potenziati anche i treni Tilo. Ma nel frattempo era arrivata la pandemia». 

E il Covid ha comportato una certa fuga dai mezzi pubblici... 
«È vero. Anche se alcuni dati ci possono fare intuire che un certo aumento del ricorso ai mezzi pubblici c'è comunque stato. Perché allo stesso tempo constatiamo una minore occupazione degli autosili e dei Park & Ride».

Da futuro sindaco quando vede che per 9 ore in autosilo una persona ha pagato 34 franchi cosa pensa?
«Non mi scandalizzo. Le tariffe degli autosili rappresentano uno degli strumenti per gestire la mobilità privata. Incitano a una maggiore rotazione. Sappiamo che l'autosilo non è fatto per chi vuole lasciare la macchina in centro per 9 ore. Ma per le commissioni di un paio d'ore. Se una persona ci deve stare tutta la giornata è meglio che ricorra ai mezzi pubblici, magari combinandoli con l'uso dell'auto. Impiega meno tempo e risparmia». 

Durante il lockdown della primavera 2020 avevate proposto tariffe agevolate per chi usava gli autosili del centro. Visto che la pandemia non è finita, non si poteva continuare ancora un po' con questo concetto?
«Si tratta di un'iniziativa che voleva sostenere i consumatori che dovevano recarsi in centro per acquistare beni di prima necessità. Ci siamo però resi conto che a essere agevolati erano in particolare commessi e addetti ai lavori. Insomma, il nostro scopo era caduto». 

Parliamo di piste ciclabili? A Lugano sembra un concetto che fatica a passare...
«La morfologia della Città è quella che è. Non possiamo stravolgerla. È evidente che ci sono dei punti in cui le piste ciclabili non possono esserci. Prendiamo in considerazione il percorso tra Piazza Manzoni e il Palazzo dei Congressi: se si volesse la pista ciclabile bisognerebbe tagliare un filare di alberi. Non mi sembra il caso. In alcune zone per fare una pista ciclabile dovremmo sopprimere i posteggi blu destinati ai residenti». 

Tempo fa avete comunque presentato un piano per le piste ciclabili. Ha senso viste le premesse?
«Certo. Ci sono parti della Città dove si può andare in bicicletta. In altre le due ruote devono convivere con le auto. E in altre non si può per ovvie ragioni. Il fatto che la nostra sia una conformazione particolare non significa che non si possa fare nulla». 

Torniamo al tema dei parcheggi. Nel centro di Lugano trovarne uno è un'utopia. 
«Negli ultimi anni sono state soppresse diverse decine di posteggi. Ma questo faceva parte dell'accordo con la Confederazione per il finanziamento della galleria Vedeggio-Cassarate. Altri parcheggi li abbiamo tolti perché, essendo le auto sempre più larghe, in determinati punti non riuscivano più a passare i mezzi di soccorso».  

L'alternativa è l'autosilo. Col rischio di essere spennati. 
«A Ginevra e a Zurigo gli autosili costano di più. Anche in alcune zone di Milano e di Como. La gente ci va e non reclama». 

Quando la pandemia si sarà calmata, si potrà dire se avrete intrapreso la retta via coi mezzi pubblici. Non teme critiche?
«Noi siamo curiosissimi di sapere se abbiamo fatto le scelte giuste in termini di mobilità pubblica. Purtroppo finora non abbiamo ancora avuto condizioni di normalità per potere trarre delle valutazioni. L'obiettivo resta quello di trasferire la mobilità dal mezzo individuale a quello pubblico». 

Il portavoce del TCS: «Imparate a prevedere spostamenti e soste»
Nemmeno Laurent Pignot, portavoce del Touring Club Svizzero (TCS) si scompone di fronte ai 34 franchi per 9 ore pagati da un locarnese in trasferta a Lugano. «La gente – sostiene – deve imparare a prevedere in anticipo i propri spostamenti e le proprie soste. Attraverso diverse applicazioni, tra cui la nostra, è possibile capire quali sono gli autosili più economici. Non solo. È anche possibile fare delle combinazioni interessanti tra mezzo privato e trasporto pubblico. Magari qualcuno va in auto fino in stazione e poi la lascia lì per salire in treno. Oggi ci sono anche tanti metodi per fare l'ultimo chilometro. Basti pensare al boom dei monopattini elettrici (che in alcune località urbane ticinesi è difficile trapiantare, ndr). È vero che durante la pandemia le persone hanno fatto un "transfert" dalla mobilità collettiva rispetto alla mobilità individuale. Ma questo non significa che ora vanno tutti in auto. C'è anche chi si muove tanto con le biciclette elettriche ad esempio. Gli autosili cari? È sempre un gioco di domanda e offerta. Ed è chiaro che in centro questo meccanismo faccia salire i prezzi». 

L'ACSI: «L'idea delle autorità è chiara, si poteva forse aspettare la fine dell'emergenza»
Laura Regazzoni Meli, segretaria generale dell'Associazione Consumatrici e Consumatori della Svizzera italiana (ACSI), è esplicita nel suo ragionamento: «È ovvio che 34 franchi per 9 ore di autosilo possano sembrare esagerati. Ogni tanto riceviamo qualche lamentela in tal senso. Però si sa che l'obiettivo è di togliere le auto dai centri urbani. E quindi il ragionamento delle autorità ci sta tutto. Resta il dubbio se non si potessero tenere le tariffe un po' più basse fino alla fine dell'emergenza pandemica». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Boh! 1 mese fa su tio
Giustissimo! Inoltre ci sono i P+R. Chi non è d’accordo non si lamenti più per il traffico.
RobediK71 1 mese fa su tio
Che scoperta , prima volta a Lugano ?
don lurio 1 mese fa su tio
Ho letto diversi commenti .Tutti sanno che chi compera una bicicletta deve pedalare anche quella elettrica. Tutti sanno che ci sono i parchimetri autosilo ecc. ecc. .Questi parchimetri fanno si che si trovano dei posti liberi a rotazione é giusto che si paga. Tutti sanno che devono rispettare la legge in caso contrario pagare le mute.
SteveC 1 mese fa su tio
Vergognoso, ma purtroppo in linea con tante altre cose dai prezzi assurdi nella nostra cara Svizzera
Aargauer 1 mese fa su tio
Mah!! I problemi del Ticino…questi sconosciuti !! Siamo indietro di almeno 20 anni a livello di trasporti pubblici…esempio il tram Lugano-Ponte Tresa…che a quanto pare doveva avere sbocchi sull‘ Italia… In ogni caso..non mi sembrano esagerati i 34.- menzionati nell‘articolo…
Princi 1 mese fa su tio
ma visto che sono sempre pieni , per molti non é un problema!
Meck1970 1 mese fa su tio
continuate a chiedere soldi ..... quei soldi era meglio spenderli in un qualche locale pubblico.
mircop 1 mese fa su tio
Non sappiamo più cosa scrivere ….?
mircop 1 mese fa su tio
Articolo assurdo
Swissabroad 1 mese fa su tio
Amsterdam 9 ore 45 €. Quindi ?
mircop 1 mese fa su tio
articolo assurdo. provate a posteggiare nelle altre città!
mircop 1 mese fa su tio
ma si può pubblicare un articolo del genere? assurdo. Per concludere: avete provato a posteggiare nelle altre città svizzere ed estere? Penso che siamo tra i più economici.
Aargauer 1 mese fa su tio
@mircop Esatto! Ma noi ticinesi a fare i piangina!!! É deleterio
don lurio 1 mese fa su tio
3 Fr. h. circa non é molto questo l'ha detto la Greta in Svezia si paga din più.
Renfibbioli@gmail.com 1 mese fa su tio
provate a passare una giornata in ospedale , avendo un famigliare degente da accudire tipo un figlio in pediatria..e con i mezzi pubblici non sempre è fattibile spostarsi
dan007 1 mese fa su tio
Si dovrebbe essere una tariffa più blanda almeno per i residenti
ZioG. 1 mese fa su tio
IL modo per far soldi facili, altro che incentivare una mobilitá alternativa
PONTOS 1 mese fa su tio
Non per fare polemiche inutili ma per capire cosa non va nel servizio di trasporto pubblico cantonale basta guardare il piano delle zone arcobaleno e paragonarlo con il resto del cantone. Ho valutato spesso l'idea di andare al lavoro in bus ma se per fare 12 chilometri nello stesso comune devo attraversare 4 zone...
Sobo 1 mese fa su tio
Noi ci sacrifichiamo all'utilizzo dei mezzi di trasporto pubblici per svuotare le strade e poi i frontalieri le riempiono...
ZioG. 1 mese fa su tio
@Sobo Hai toccato il vero e unico grande problema di traffico in Ticino.
Um999 1 mese fa su tio
@Sobo Finalmente una osservazione concreta e coerente, il punto è chiaro, e per favore non indicateci che siamo contro i frontalieri, il problema in questo cantone a quanto pare stanno diventando gli svizzeri che ci abitano, vedere le regole COVID per attraversare la dogana da parte degli svizzeri o residenti.
Swissabroad 1 mese fa su tio
@ZioG. Dipende. Lavoro con 25 ticinesi e 14 frontalieri. 2 ticinesi e 3 frontalieri usano il treno...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile