AFP
CANTONE
20.09.21 - 08:480
Aggiornamento : 10:01

«Col Covid abbiamo capito quanto è fragile il Ticino»

Le riflessioni del Segretario UNIA Ticino, Giangiorgio Gargantini, a oltre un anno e mezzo dall'inizio della pandemia.

di Redazione
Davide Giavi

BELLINZONA - All’inizio della pandemia il governo ticinese si lanciò in una campagna solitaria contro il coronavirus. Il Consiglio di Stato dovette prendere delle decisioni difficili non fu solo per il settore pubblico, anche per le aziende, tra paura e ripercussioni economiche. A più di anno di distanza, cerchiamo di valutare le loro scelte con il Segretario UNIA Ticino Giangiorgio Gargantini.

Come valuta oggi la reazione dei datori di lavoro agli inizi della crisi pandemica?
«Senza fare generalizzazioni, abbiamo avuto casi positivi così come pessimi. Siamo però stati costretti a confrontarci con il lato peggiore del sistema capitalista in Ticino. Mentre era chiaro a molti che la situazione era fuori controllo, c’era ancora chi pensava di poter lavorare tranquillamente senza alcuna protezione. Uno sfruttamento dei lavoratori, i quali avevano giustamente paura».

Al di fuori degli orari di lavoro le aziende erano legittimate a chiedere ai loro dipendenti di non andare in Italia?
«Ovviamente no, quando finisce l’orario di lavoro ognuno ha il diritto di muoversi liberamente. Agli inizi di marzo c’era però ancora un grande vuoto legale, non si sapeva ad esempio se le assicurazioni malattia avrebbero preso a carico le quarantene, tantomeno se queste erano imposte dall’Italia, è stato quindi molto difficile valutare la situazione».

Avete ricevuto delle particolari segnalazioni da parte dei lavoratori?
«Purtroppo sì, molti datori hanno chiesto ai propri dipendenti frontalieri di entrare in Svizzera e prepararsi a restarvi qualche giorno. Dunque all’insicurezza e alla paura nei confronti di una malattia sconosciuta, si unì il dubbio tra rispettare il dovere verso il proprio lavoro e l’impossibilità fisica di allontanarsi dalla famiglia. Alcuni principali offrivano soluzioni concrete, pagando delle camere d’albergo. In contesti peggiori i salariati dormivano sul posto di lavoro o addirittura nei veicoli. Una situazione inaccettabile».

I datori hanno però dovuto muoversi senza informazioni sul virus e con l’incertezza riguardo gli aiuti economici.
«In effetti, c’erano molte informazioni contraddittorie. D’altra parte, sarò duro, ma l’aspetto economico non deve prevalere sulla salute. Noi chiedevamo di chiudere e poi pensare agli aiuti per le aziende, quest’ultime volevano delle certezze prima di fermarsi. Ci si è resi conto della fragilità di una parte dell’economia, si parlava di fallimenti anche solo chiudendo qualche giorno. Le autorità avrebbero dovuto assicurare un ingente pacchetto di aiuti fin da subito, questa lentezza è costata vite umane».

Parlando delle autorità, come valuta la loro di reazione?
«Il Governo ticinese ha reagito rapidamente rispetto al resto della Svizzera. Purtroppo, in un secondo tempo, e poi durante la seconda ondata, gli interessi economici hanno prevalso, e ciò è costato al Cantone un tasso di decessi tra i più elevati al mondo».

Secondo lei da questa esperienza, il rapporto tra lavoratori e principali ne esce rinforzato?
«Purtroppo credo di no, impiegati e sindacati hanno da subito chiesto di condividere la gestione dei piani di protezione. Dalla loro organizzazione fino alla verifica sul terreno, ma i datori hanno sempre dato un due di picche. È comunque presto per trarre dei bilanci, ma non penso che fossimo, e siamo, sulla stessa barca. I primi studi dimostrano che il tasso di mortalità tra gli operai (spesso in gruppo) è maggiore di quello dei quadri superiori».

Situazione sfuggita di mano - Agli inizi delle crisi, Berna annunciò un pacchetto di aiuti di 200 milioni di franchi. Questa cifra, se paragonata alle spese attuali, 15 miliardi nel 2020 e 23 a fine aprile 2021, dimostra come la gravità della situazione è sfuggita di mano. Nel caso in cui l’esito della pandemia fosse stato diverso, è lecito domandarsi se l’economia avesse potuto fermarsi grazie a delle risorse importanti mobilitate più rapidamente. Bisogna infatti tenere conto che, prima del vaccino, il distanziamento sociale era lo strumento migliore per proteggersi e che, secondo evidenze di studi, ad averne pagato il prezzo più elevato siano state le persone meno abbienti. Le ragioni sono multifattoriali e altre ricerche sono necessarie, ma una conclusione sembra certa, in futuro questa parte della popolazione deve essere maggiormente tutelata. Nonostante sia lecito porsi queste domande, non bisogna dimenticare un fatto imprescindibile: con i “se” si riscrive la storia, e l’importante resta che la società sia riuscita a reagire adottando delle misure idonee.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Boh! 3 sett fa su tio
Come sempre i “si avrebbe dovuto fare” saltano fuori soltanto dopo…
Don Quijote 4 sett fa su tio
Tutto fumo e niente arrosto, oggi la gente annega in un bicchiere d'acqua mentre scappa terrorizzata perché inseguita dalla propria ombra!
Tato50 4 sett fa su tio
Visto che avete un miliardo nelle casse tra stabili, contante e investimenti, non riscuotete solo le quote, ma date in solido non a parole ;-(
marco17 4 sett fa su tio
"I primi studi dimostrano che il tasso di mortalità tra gli operai (spesso in gruppo) è maggiore di quello dei quadri superiori". Un altro che tenta di profilarsi sfruttando i morti. Che citi gli studi in questione, a condizione che siano mai esistiti, soprattutto per il Ticino.
Luganese 4 sett fa su tio
Se l’aspetto economico non deve prevalere sulla salute, perché Gargantini e i sindacati, consultati dalle autorità cantonali, non hanno chiesto a gran voce e dall’inizio della pandemia di introdurre l’obbligo per i 70’000 frontalieri di fare i test? Forse avremmo avuto meno decessi. L’anno fatto per motivi di salute? I sindacati « mangiano « perché esistono i lavoratori che a loro volta “mangiano “ perché esistono gli imprenditori: quindi bisogna difendere i diritti dei lavoratori ma non tendere a colpevolizzare sempre i datori di lavoro, la cui maggioranza ha rispettato le norme e alcuni hanno investito beni personali per mandare avanti l’azienda e mantenere posti di lavoro.
Luganese 4 sett fa su tio
A
marco17 4 sett fa su tio
Un altro tuttologo allo sbaraglio che si improvvisa specialista di pandemie.
Gus 4 sett fa su tio
Ripeto 942'000'000 di franchi!
Gus 4 sett fa su tio
Per fare politica sfruttano anche la pandemia. Perché non hanno usato una parte dei loro 942 milioni per aiutare gli operai?
Bibo 4 sett fa su tio
@Gus Perché loro non sono capitalisti, nooooooooo...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 min
«Una brutta faccenda di sfruttamento salariale alla ticinese»
Raoul Ghisletta punta il dito contro quei benzinai «ostili» al contratto collettivo di lavoro per chi lavora negli shop.
FOTO
BELLINZONA
39 min
Scontro tra due veicoli su via San Gottardo
L'incidente, avvenuto questa sera, ha provocato solo danni materiali.
LUGANO
1 ora
Morta la vedova Zappa, appello ai creditori
Si è spenta a 67 anni una delle protagoniste della cronaca giudiziaria ticinese
MENDRISIO
3 ore
A Ligornetto «non facciamo favoritismi»
Il blocco del traffico nel quartiere ha intasato il Basso Mendrisiotto. E innescato polemiche
FOTO
MENDRISIO
10 ore
«Oggi qualcuno sorride, ma altri piangono»
È entrato in vigore stamattina il divieto di transito attraverso il nucleo di Ligornetto. Non mancano però le lamentele.
CANTONE
11 ore
Tre nuove quarantene di classe in Ticino
Scendono a quota 7 gli ospedalizzati a causa del virus.
SONDAGGIO
CANTONE
13 ore
Canarie e Dubai fanno il pieno di turisti ticinesi
In vista delle vacanze autunnali, le prenotazioni sono in aumento. Ma non sono ancora al livello pre-crisi
CANTONE
15 ore
«Ci chiamano doule, accompagniamo alla vita, ma anche alla morte»
Assistono al parto, ma sono presenti anche al termine di una vita. Una di loro racconta cosa vuol dire essere doula.
CAPOLAGO
1 gior
Una sella di capriolo "no vax"
I ristoratori si ingegnano per accogliere i clienti non vaccinati. Anche in camper, se serve.
LUGANO
1 gior
Per Film Festival Diritti Umani Lugano il ritorno in sala è stato davvero dolce
Si conclude oggi un'edizione 2021 che non si è fermata davanti al Covid e ha puntato anche sullo streaming
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile