Ti-Press (Pablo Gianinazzi)
+15
LUGANO
18.09.21 - 10:030
Aggiornamento : 13:53

Stephan Eicher premiato col Gran Premio svizzero di musica

Alla cerimonia era presente anche il Consigliere federale Alain Berset

LUGANO - Ieri sera al LAC di Lugano sono stati consegnati i premi svizzeri di musica 2021, alla presenza del Consigliere federale Alain Berset. È la prima volta che la cerimonia si svolge in Ticino. 

Vincitore del Gran Premio - L’Ufficio federale della cultura (UFC) ha assegnato il Gran Premio svizzero di musica a Stephan Eicher, su proposta della giuria federale di musica. Troubadour straordinario, Eicher fa viaggiare le sue parole e armonie intorno al mondo. Nato nel 1960 e cresciuto a Münchenbuchsee (Berna), Stephan Eicher si avvicina alla musica grazie al padre. Alla scuola zurighese di arte e design F+F Schule für Kunst und Design apprende tecniche di registrazione e composizione che mette a frutto, alla fine degli anni Settanta, in occasione della sua prima esperienza in una band electropunk, i Noise Boys. Segue una collaborazione di due anni con il fratello Martin e la band Grauzone, con i quali cavalca l’onda del successo del genere musicale della Neue Deutsche Welle: nel 1981, “Eisbär” catapulta Stephan Eicher e la sua band sotto le luci della ribalta in tutta l’area di lingua tedesca.

L’album “Les Chansons Bleues” (1983) segna l’inizio del suo successo in Francia e di una carriera da solista unica nel suo genere: un cantautore cosmopolita interprete dei generi rock e pop. Da quel momento in poi, la sua voce inconfondibile e le sue canzoni in francese, inglese, tedesco, italiano e dialetto bernese continuano ad attirare un vasto pubblico in Svizzera e all’estero. Le sue canzoni sono come flussi di pensiero che ne rivelano il mondo interiore: dalla visione del suo Paese natale, la Svizzera, come luogo di memoria e nostalgia (per es. l’album “Engelberg”), alla messa in musica dei lavori degli scrittori Philippe Dijan e Martin Suter (“Song Book”), fino alla ricerca delle sue origini jenisch nel film documentario “Unerhört Jenisch” del 2017. Nel corso della sua carriera, Stephan Eicher realizza una ventina di album, tra cui il più recente “Homeless Songs”, uscito nel 2019.  Nel 2021 presenta in una tournée il suo progetto “Le radeau des inutiles”. L’impegno a favore delle nuove generazioni di musicisti svizzeri è una costante della sua vita. Nel 2020 festeggia i 40 anni di carriera presso il Centro culturale e congressuale di Lucerna (KKL) in compagnia di vecchi e nuovi compagni di viaggio, tra cui Sophie Hunger, Tinu Heiniger e la fanfara balcanico-svizzera Traktorkestar.

Altri vincitori - I vincitori e le vincitrici dei 14 Premi svizzeri di musica 2021 sono: Alexandre Babel (Ginevra, GE), Chiara Banchini (Lugano, TI), Yilian Cañizares, (L’Avana, Cuba e Losanna VD), Viviane Chassot (Zurigo, ZH), Tom Gabriel Fischer (Zurigo, ZH), Jürg Frey (Aarau, AG), Lionel Friedli (Biel/Bienne, BE), Louis Jucker (La Chaux-de-Fonds, NE), Christine Lauterburg (Berna, BE), Roland Moser (Berna, BE), Roli Mosimann (Weinfelden, TG), Conrad Steinmann (Rapperswil, SG), Manuel Troller (Lucerna, LU) e Nils Wogram (Braunschweig, D e Zurigo, ZH).

Per Laurence Desarzens, Presidente della giuria federale della musica, «la musica svizzera è multiforme, poliedrica, in continua trasformazione. Sa stupire e imporsi sulla scena mondiale, con naturalezza e discrezione. I Premi svizzeri di musica guardano al di là delle mode e di ciò che è sotto gli occhi di tutti, sentendo, ascoltando, scoprendo. E ricompensando chi sperimenta, si impegna appieno e si assume dei rischi». 

Per l'occasione alcuni dei vincitori dei premi si esibiranno oggi e domani durante gli ultimi giorni del LongLake Festival Lugano nelle varie location (Jazz in Bess, Villa Ciani e Studio Foce). 

Ti-Press (Pablo Gianinazzi)
Guarda tutte le 19 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CHIASSO
4 ore
Muore sul bus da Chiasso: ma non si sa chi è
Un 75enne di identità sconosciuta è deceduto ieri a causa di un malore. Le autorità italiane cercano in Ticino
FOTO
CANTONE
5 ore
«Quel fumo nero che usciva dal portale del San Gottardo»
Ha avuto luogo oggi a mezzogiorno il ricordo delle undici persone che morirono nella galleria il 24 ottobre 2001
LOCARNO
7 ore
Il 20enne che ha sparato resta in carcere
Convalidato l'arresto del giovane dopo i fatti di via Vallemaggia
FOTO
CHIASSO
8 ore
«Un fans club a Chiasso? Non me l'aspettavo proprio»
Miglior giovane all'ultima Vuelta, Gino Mäder è "tornato" nel Mendrisiotto accolto da un fans club nato un po' per caso.
LOCARNO
1 gior
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
SOLDUNO
1 gior
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
MENDRISIO
1 gior
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
1 gior
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
1 gior
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
1 gior
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile