Archivio Tipress
CANTONE
16.09.21 - 12:350
Aggiornamento : 15:15

San Gottardo, 650 gigawattora per lo scavo del secondo tunnel

L'energia necessaria per la realizzazione del traforo sarà fornita da un consorzio che unisce AET ed EWA-energieuri

AIROLO / GÖSCHENEN - Lo scavo del secondo traforo autostradale del San Gottardo entrerà nel vivo nella metà del 2022. E le quattro frese meccaniche che saranno impiegate per la realizzazione del tunnel avranno bisogno di moltissima energia. Complessivamente si parla di 650 gigawattora (GWh), un volume pari a quello consumato da 150'000 nuclei familiari nell'arco di un anno.

La corrente sarà fornita dal consorzio eURaTI, di cui fanno parte l'Azienda elettrica ticinese (AET) ed EWA-energieUri. Dei 650 GWh, 300 proverranno dal lato sud e i restanti 350 da nord. «Grazie all'ottima collaborazione tra le parti coinvolte, siamo in grado di garantire prestazioni ottimali in termini di know-how e di sicurezza» afferma Giorgio Tognola, vicedirettore e responsabile del commercio d'energia di AET, citato in una nota.

EWA-energieUri e AET hanno già predisposto l’infrastruttura che assicurerà la fornitura dell’energia necessaria ad alimentare i macchinari e le installazioni di cantiere. «L’allacciamento al portale nord è di circa venti megawatt» spiega Werner Jauch, direttore di EWA energieUri. «Per garantirlo abbiamo realizzato quattro nuove cabine di trasformazione a Göschenen». Sul fronte sud AET ne ha installate due nuove e rinnovate altrettante.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile