Deposit
Veduta sul Locarnese
CANTONE
16.09.21 - 16:190
Aggiornamento : 18:41

La Città Ticino dei numeri (sbagliati) si scopre "Sfittopoli"

La situazione dello sfitto nei centri appariva drammatica, invece è tragica

L'impietosa conta risparmia, si fa per dire, Locarno dove si stimano 1.500 appartamenti vuoti invece dei 379 dichiarati. I sindaci delle altre città ticinesi sembrano costretti ad affidarsi ai numeri dell'Ufficio cantonale di statistica che, a sua volta, li raccoglie dalle stesse Cancellerie.

LUGANO - Un abisso nero e senza fondo. Ad inizio settimana s’è imposta la notizia che le abitazioni vuote in Ticino hanno sfondato quota 7.000. Secondo i numeri ufficiali dell’Ufficio cantonale di statistica (Ustat), al 1. giugno 2021, le case o abitazioni disponibili per la vendita o locazione di almeno tre mesi erano nel nostro cantone 7.017 (pari a un tasso del 2.83%). Alegher! La situazione è ben peggiore.

I veri numeri - Lo sfitto ticinese risulterebbe infatti ampiamente sottostimato, secondo una nostra verifica dei numeri nei principali centri urbani. Centri che la stessa Catef (la Camera ticinese dell'economia fondiaria) aveva indicato come l’epicentro del disastro (assieme alle valli poco monitorate). Ecco i dati raccolti da Tio/20Minuti.

Locarno - Per la città del cinema l’Ustat indica 379 abitazioni vuote (3.27%). «Abbiamo, come tanti altri, molto sfitto» non si nasconde dietro a un dito il sindaco Alain Scherrer. Quanti? «A me risulta che sono 1.500. Controlliamo puntualmente, perché quando un appartamento resta sfitto per oltre due anni finisce nel conteggio delle residenze secondarie». La città effettua controlli minuziosi nel territorio tramite il suo corpo di polizia e il controllo abitanti. In seconda battuta, la cifra viene confermata dal segretario comunale: «Erano 913 ad inizio 2021. Ma il sindaco ha detto giusto perché abbiamo la percezione che sono aumentati dopo la costruzione di diversi palazzi».

Bellinzona - Non tutti nella capitale sbocciano i fiori del male. Inizio lieve, per dire che all’ombra dei castelli ci si deve accontentare delle cifre ufficiali: 960 appartamenti sfitti (pari al 3.69%). Il sindaco Mario Branda: «Non ho un dato diverso da quello statistico». In una città a voi vicina lo sfitto è però quattro volte tanto, gli facciamo notare: «Ah, non so che dirle. Mi sento di affermare che è un fenomeno che va monitorato e non banalizzato».    

Lugano - La città sul Ceresio soffre da anni per lo spopolamento del proprio centro storico. Non è mistero. Dopo le aggregazioni ha messo su ciccia e i numeri Ustat indicano uno sfitto complessivo di 1.555 unità (tasso 3.81%).  Uomo di numeri (gestisce le finanze), il quasi sindaco Michele Foletti dispone unicamente dei dati ufficiali: «Al momento abbiamo solo i dati Ustat, per i dati dell'Uca dovrei fare un'analisi». L'uca, altri non è che l'Ufficio controllo abitanti.

Mendrisio - Nel Borgo prevale la vita a misura d'uomo e lo sfitto ufficiale indica 374 appartamenti (tasso 4.14%).  «Il dato chiaramente ci preoccupa - dice il sindaco Samuele Cavadini -, perché uno sfitto alto è preoccupante. Comunque viene monitorato, anche se i nostri margini di manovra sono limitati. Stiamo facendo delle riflessioni in tal senso». Il percepito esiste: «Si vede che si è costruito tanto, ma non decresciamo come popolazione. Siamo stabili, senza crolli».

Chiasso - Incoronata come la regina dello sfitto, nella cittadina di confine si contano 392 abitazioni vuote (tasso record del 7.17%). Fu vera gloria? «Mi prende in contropiede. Devo dire che ci siamo sempre fidati dei dati statistici» rileva il sindaco Bruno Arrigoni. Ma un ordine di grandezza? «La cifra del Cantone corrisponde, secondo noi, alla realtà che abbiamo. Spingiamo sul commerciale e sugli uffici». Anche se l’uovo (il Centro ovale, ndr) è vuoto? «Vuoto, ma ci sono sempre degli interessati».

Il glossario dell'Ustat:
La statistica delle abitazioni vuote raccoglie, il 1° giugno di ogni anno, il numero di abitazioni offerte sul mercato. In molti cantoni i dati sono raccolti direttamente dall’Ufficio Federale di Statistica (UST). In Ticino le cancellerie comunali allestiscono e inviano all’Ustat l’elenco dei proprietari o amministratori di stabili abitativi nei quali vi possono essere abitazioni vuote il 1° giugno (secondo le valutazioni proprie del comune). L’Ustat invia l’apposito formulario d’indagine a tutti i proprietari o amministratori di immobili segnalati dalle cancellerie comunali (comprese le agenzie immobiliari), registra le informazioni raccolte e trasmette all’UST i dati richiesti. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 2 mesi fa su tio
Ci sarebbe da preoccuparsi veramente se la causa fosse la migrazione dei residenti. Ma è solamente un risultato di un mercato distorto, figlio dei troppi capitalo concessi o...fatti girare a costo 0.- L'investimento più sicuro in questo momento è il mattone. Al prodotto finale però ci sono difficoltà di accedervi. Il teatro sarà quando gli interessi aumenteranno
F/A-19 2 mesi fa su tio
@vulpus E prima o poi aumenteranno, qualcuno perderà tutto.
loreen 2 mesi fa su tio
ma ci sarà da ridere quando dopo la pandemia con tutti gli anziani che sono stati trascurati nelle case di riposo e negli ospedali e che sono morti ci sono sicuramente dati falsati; le nuove generazioni che non si possono neppure avvicinare ad una prima abitazione per le troppe carte che ti vengono richieste; aspettiamo che gli acquisti online decollino seriamente per iniziare a vedere i negozi chiudere come pere cotte e quindi ci sarà da spanciarsi sul serio....
F/A-19 2 mesi fa su tio
@loreen La tendenza è quella, tutto ordinato on line, tanti esempi si possono fare. Per esempio la bici elettrica, l’idea è di andare a pedalare ma di fatto è la bici che ti porta in giro. Il cibo ti arriva a casa, la spesa, i vestiti, tutto. Si lavora da casa tramite computer, l’auto non la comperi ma la condividi. Ora non ci si sposa neanche più, troppo complicato, si ordina il partner per il tempo che si vuole, i figli eventualmente si adottano perché a farli è fatica ed a lavorare un giorno potrebbe anche non essere indispensabile, ci sarà un reddito di cittadinanza e amen. Per ora mi fermo qua.
Dalu 2 mesi fa su tio
Ringraziamo i politici che avete votato! Hanno una lungimiranza da paura! Permessi a più non posso, tanto loro non occuperanno più la posizione dopo un decennio, mentre noi avremo grossi problemi! Per non parlare delle casse pensioni, banche e assicurazioni che hanno messo i capitali (della gente, mica i propri) negli immobili perché i tassi sono negativi! Siamo all’assurdo! Sopratutto quando penso ad un noto personaggio che ha costruito centinaia di appartamenti e ora è to big to fail! Bravi rappresentanti del popolo😡
Güglielmo 2 mesi fa su tio
ma vi sta bene, ormai c'è più cemento che alberi...
tormar 2 mesi fa su tio
Certo, finché si lava e i nostri politici fanno finta di niente, questo è il risultato
Gus 2 mesi fa su tio
Le Casse pensioni con i soldi dei cittadini hanno creato lo sfitto e quindi hanno danneggiato gli affiliati stessi, le cui proprietà hanno perso di valore. Bisogna proibire la costruzione di nuove abitazioni da parte della Casse pensioni, soprattutto se fanno riferimento ad altri cantoni o a società quotate in borsa.
F/A-19 2 mesi fa su tio
@Gus Per legge le casse pensioni possono investire un percento in immobili creando il disastro che dici, va cambiata quindi la legge. Va cambiata la legge anche per gli accantonamenti delle casse malati che stra guadagnano ed investono al posto di diminuire i premi, scandaloso ma anche qui è una questione politica. Il problema è che i nostri politici federali sono i primi difensori di queste lobbies, cioè sono su a Berna a fare i loro interessi, non gli interessi della gente. Potrei continuare a lungo.....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
4 ore
Ragazzo preso a calci, l'appello della madre
L'episodio risale alla serata di sabato. Il branco che lo ha aggredito sarebbe recidivo.
ZURIGO
5 ore
«Sono giovane e sano, non ho paura». Ecco perché è un errore pensarlo
Si ha sì un minor rischio di morire, ma sono molti i fattori da valutare.
Vacallo
5 ore
Da otto anni, Edo Pellegrini chiede spiegazioni al Municipio sul fondo 451
Ci sono un sentiero impraticabile, una costruzione di utilità non specificata e delle domande rimaste senza risposta
STABIO
9 ore
Non accetta il salario fuorilegge: licenziata
Alle dipendenze della sua azienda da cinque anni, la donna è stata messa alla porta.
CANTONE / SVIZZERA
9 ore
«Spostarli nel Luganese non è una soluzione»
Simonetta Sommaruga ha risposto a Marco Romano, che si è fatto portavoce delle preoccupazioni dei comuni momò.
FAIDO
15 ore
Alcuni bimbi in sciopero: niente scuola
Genitori in protesta. Manifestazione pacifica contro l'obbligo della mascherina durante le lezioni.
CANTONE
15 ore
Otto arresti per droga
I soggetti finiti in manette sono sospettati di aver preso parte allo smercio tra Albania, Italia e Ticino.
CANTONE
16 ore
Altre 20 classi in quarantena
Si tratta di 15 sezioni di scuola elementare e 5 di scuola dell'infanzia. Il totale sale a quota 62
CANTONE
17 ore
In Ticino oltre 400 casi e tre decessi nel weekend
I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 77.
CANTONE
17 ore
Controlli e multe in vista per chi è al telefono alla guida
L'operazione della Polizia cantonale ha il via già da questo mese.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile