Ti Press
La Cebi di Stabio, una delle tre ditte con il nuovo CCL
CANTONE
13.09.21 - 12:190

«L'alternativa sarebbe stata licenziare in massa»

Ticino Manufacturing prende posizione sul nuovo CCL sottoscritto da tre aziende del Mendrisiotto.

«Le accuse mosse negli scorsi giorni sono prive di fondamenta: nessun lavoratore si trova in una situazione peggiorativa», assicura l'organizzazione.

MASSAGNO - «Senza questo CCL, visti i tempi dell’introduzione della legge sul salario minimo e la concomitanza con la pandemia, sarebbe stato inevitabile procedere a licenziamenti di massa che avrebbero coinvolto non solo la minoranza dei collaboratori senza qualifiche, ma anche quei profili qualificati o altamente qualificati direttamente legati all’attività delle imprese». Ticino Manufacturing prende posizione sulla sottoscrizione da parte di tre aziende del Mendrisiotto di un nuovo contratto collettivo di lavoro e sulle relative critiche piovute negli scorsi giorni. 

Nessun peggioramento, anzi benefit - Accuse che per l'organizzazione «sono in gran parte prive di fondamenta e ignorano realtà che meritano di non essere dimenticate, poiché contribuiscono da decenni al benessere del nostro cantone». Stando a Ticino Manufacturing, contrariamente a quanto sostenuto ieri da un'operaia della Cebi di Stabio, nessun lavoratore si trova ora in una situazione peggiorativa. Al contrario, il contratto prevederebbe diversi benefit, un concetto meritocratico che tiene conto della formazione e dell’anzianità e un’indennità di residenza per i lavoratori residenti (un clausola «moderna e innovativa» che nessun altro CCL al momento contempla).

Posti di lavoro in pericolo - Insomma, il nuovo CCL «definito dopo un intenso dialogo con le parti interessate» permetterebbe da un lato di mantenere le condizioni di lavoro invariate (se non addirittura di migliorarle). Dall'altro «di evitare che l’entrata in vigore della soglia minima mettesse in pericolo l’esistenza stessa delle aziende e i molti posti di lavoro, la maggior parte dei quali con salari superiori alla soglia minima definita dal Gran Consiglio».

Firmati contratti ben peggiori - Ticino Manufacturing non lesina però nemmeno una stoccata nei confronti dei sindacati storici, che si sono schierati apertamente contro il nuovo contratto collettivo. Innanzitutto sottolineando come attualmente sono diversi i CCL da Unia e Ocst che contemplano salari minimi inferiori alla soglia definita dal Gran Consiglio. Inoltre prendendo atto «con grande preoccupazione» delle loro reazioni nei confronti delle attività e dell’operato dei membri dell'organizzazione: «Questi ultimi sono attivi sul territorio ticinese da molti anni, garantiscono numerosi impieghi sopra la soglia minima e si sono sempre adoperati, con non poche difficoltà, per il mantenimento di tutti questi posti di lavoro in Ticino». La sola alternativa sarebbe quindi stata quella di delocalizzare parte della produzione o interi settori. 

L'altra organizzazione che difende il nuovo CCL, il sindacato Tisin, per il momento non ha voluto esprimersi. Lo farà domani mattina nel corso di una conferenza stampa, in cui verrà presentato nel dettaglio il contratto collettivo del lavoro per il settore delle industrie. 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FAIDO
2 ore
«Tanta rabbia, da sola non ce l'avrei fatta»
Morena Pedruzzi racconta la lunga strada per uscire dall'incubo dell'attentato di Marrakesh
FAIDO
7 ore
Marrakesh, il racconto dieci anni dopo
Morena Pedruzzi è l'unica sopravvissuta ticinese all'attentato terroristico del 2011. Si racconta in un libro
CANTONE
9 ore
L'Udc non parla con la Rsi
«Troppo parziale». I democentristi domani non commenteranno le votazioni ai microfoni di Comano
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
15 ore
Fiamme dalla canna fumaria, intervengono i pompieri
L'incendio, divampato questa mattina a Cugnasco, si è propagato anche al tetto.
RIVA SAN VITALE
15 ore
A processo per tentato omicidio
Rinviata a giudizio la 43enne che sei mesi fa accoltellò al collo il compagno.
BOSCO GURIN
1 gior
«Rabbia per l'ingiustizia subita...» da Frapolli
Fumata nera dopo gli incontri: niente sconti a maestri e bambini da parte del gestore degli impianti
CANTONE
1 gior
«Aumento delle indennità al Gran Consiglio? No, grazie»
Presentata un'iniziativa parlamentare che chiede lo stralcio dell'automatismo degli aumenti
CANTONE
1 gior
Radar, ecco dove
Come ogni venerdì la Polizia comunica le località in cui potrebbero esserci controlli della velocità.
CANTONE
1 gior
Eoc, terza dose ai dipendenti over 50
L'Ente ospedaliero apre il richiamo vaccinale per i collaboratori a contatto con i pazienti
FOTO
BIOGGIO
1 gior
Sbaglia strada per colpa del navigatore e “sprofonda” in un terreno agricolo
È un'autocisterna la protagonista dell'episodio che si è verificato negli scorsi giorni a Bioggio. Sul posto i pompieri
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile