Immobili
Veicoli
tipress
CANTONE
05.09.21 - 20:220

Ostinelli ha detto addio ai social

Il medico incolpa i media, dopo la cancellazione del concerto di Povia: «Tutto per un post. Ora basta»

MENDRISIO - Tutto è nato con un post. E con un post finisce. Forse. Roberto Ostinelli ha annunciato oggi il proprio addio ai social network: il medico di Mendrisio, famoso per le sue posizioni controcorrente sul Covid, ha deciso di abbandonare Facebook, Twitter e Instagram in polemica con la «discriminazione e censura» di cui si dichiara vittima. 

In quello che - a quanto sembra - sarà il suo ultimo post, il medico ha spiegato le ragioni della decisione. La goccia che ha fatto traboccare il vaso: la cancellazione del concerto di Povia co-organizzato dall'associazione Arca21, di cui Ostinelli è fondatore. L'evento è stato annullato dopo che un articolo di tio.ch/20minuti aveva attirato l'attenzione del Municipio di Acquarossa, sul cui territorio - per la precisione a Ponto Valentino, presso la fattoria "il Cardo" - avrebbe dovuto svolgersi la festa. 

«Tutto è cominciato da un mio post in cui pubblicizzavo l'evento» spiega Ostinelli in un video d'addio. «Questo mi fa capire come Facebook non è più idoneo per la comunicazione, è usato per screditare le persone e per censurare chi vuole condividere notizie non in linea con il main-stream». Il medico Covid-scettico si dichiara «stufo» e deciso a darci un taglio. 

Nel video Ostinelli non risparmia critiche al nostro portale, alla Svizzera - «non è libera come si crede» - alla comunità medica e scientifica. Ribadisce le perplessità «su come viene gestita questa pandemia» e allude a «soluzioni alternative». Il tutto in non meno di 9 minuti. Per essere un addio, insomma, è piuttosto lungo: di quelli non facili, come suole tra amanti di lunga data.

Il fenomeno-Ostinelli è nato proprio su Facebook del resto: al social di Zuckerberg il medico momò deve quasi 4mila follower (3913 domenica sera), oltre a una procedura di sospensione da parte dell'Ordine dei medici, che questo inverno lo ha fatto balzare all'onore delle cronache.

Amore e odio, dunque. Come quello con i media non social: dopo averli criticati, nel commiato, non trascura di ricordare agli ascoltatori le sue prossime apparizioni televisive - un servizio del Quotidiano in programma «a breve». Insomma la «passione dell'informatore» a Ostinelli non è passata: si vede e lo dice. I suoi follower potranno continuare a seguirlo «tramite il sito dell'associazione, a cui possono accedere solo gli iscritti, o tramite altri canali» rigorosamente «chiusi» ai non invitati. In particolare ai giornalisti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile