In tanti a farsi controllare il cuore: è l'"effetto Borradori"
Depositphotos
CANTONE
06.09.21 - 08:020
Aggiornamento : 10:27

In tanti a farsi controllare il cuore: è l'"effetto Borradori"

Dopo la morte del sindaco per arresto cardiaco, più persone rispetto al solito stanno chiedendo un check up.

La conferma arriva da Massimo Manserra, direttore del Cardiocentro: «La gente cerca rassicurazioni. C'è il timore di avere una disfunzione e di non saperlo».

LUGANO - Dopo la morte per arresto cardiaco del sindaco di Lugano Marco Borradori è corsa al check up al cuore. Diversi ticinesi in più rispetto al solito nelle scorse settimane si sono infatti rivolti al Cardiocentro per un controllo. A confermarlo è il direttore Massimo Manserra che, per ora, non fornisce cifre specifiche. «Dall'11 agosto in poi – sottolinea – effettivamente il nostro centralino è stato parecchio sollecitato». 

L'ignoto che spaventa – Uomini, donne. Un po' di tutte le età. Soprattutto over 40. Corridori "della domenica", ma non solo. «Ad accomunare queste richieste – riprende Manserra – la necessità di escludere una patologia o una disfunzione sconosciuta. L'ignoto generalmente spaventa parecchio. C'è la paura di "avere qualcosa" e di ignorarlo. Il timore di essere sorpresi da una tragica fatalità. Ed è innegabile che il caso di Borradori, così straordinario ed eclatante, abbia sconvolto parecchie persone».

Coincidenza temporale – Un lutto collettivo. La scomparsa improvvisa di un personaggio noto a tutti. Ed è a quel momento che può subentrare l’insicurezza. Ancora Manserra: «Non abbiamo la matematica certezza che tutte le persone che ci stanno contattando lo stiano facendo in seguito alla morte del sindaco di Lugano. È la coincidenza temporale che ce lo fa dedurre. Dal punto di vista umano è comprensibile che si stia assistendo a un fenomeno per cui la gente è più sensibile sul tema, anche immedesimandosi, e magari vuole rassicurarsi».  

L'importanza della prevenzione – Ogni anno in Svizzera circa 8.000 persone sono vittime di arresto cardiaco. Solo circa il 5% sopravvive all'evento. «La prevenzione da sempre è uno dei cavalli di battaglia del Cardiocentro. Ci sono persone che non hanno mai fatto un controllo cardiaco in vita loro. E che ora ci chiedono consulenza. Noi l'abbiamo sempre raccomandato. D'altra parte uno dei nostri compiti è proprio quello di anticipare eventuali problemi».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
53 min
Quella fattura piena che delude alcuni esercenti
Tasse sulla vendita di alcolici e per il promovimento turistico: niente sconti pandemici nel 2021. E c'è chi si sfoga.
Lugano
2 ore
Dalla Corea con clamore, ma non è pericolosa quanto la zanzara tigre
Per la senior researcher all'Istituto di microbiologia Supsi, Eleonora Flacio, «non comporta alcun problema»
CANTONE
5 ore
Milioni di aiuti per gli impianti di risalita
Approvato quasi all'unanimità il credito di 5,6 milioni per Airolo, Bosco Gurin, Campo Blenio, Carì e Nara.
MENDRISIO
8 ore
Ligornetto: «Una vignetta per i momò»
Per il gruppo Lega-Udc-Udf i residenti di Mendrisio devono essere esentati dal blocco del traffico
BELLINZONA
8 ore
«Non toccate le settimane bianche»
A Bellinzona l'Unità della sinistra chiede al Municipio di fare dietrofront sull'abolizione della proposta fuori sede
CANTONE
11 ore
Coronavirus in Ticino: 18 positivi e ricoverati stabili
Nelle strutture ospedaliere rimangono 7 le persone affette dalla malattia.
BELLINZONA
12 ore
Li richiami e il loro numero "non esiste"
Telefonate che arrivano da normalissimi 079, 078 o 076. Boom di recapiti "fantasma". Cosa c'è dietro?
CANTONE / GINEVRA
15 ore
Vegana in ospedale: «Mi hanno portato dal salmone alla polenta col formaggio»
Un'esperienza da dimenticare quella di P., ricoverata per quattro giorni a Ginevra.
CANTONE / SVIZZERA
21 ore
Merlot ticinesi sugli scudi al Grand Prix du Vin Suisse
Nella categoria legata a questo vitigno si sono imposti il Quattromani 2018 davanti alla Tenuta San Rocco - Porza 2018.
CANTONE
23 ore
«Una brutta faccenda di sfruttamento salariale alla ticinese»
Ghisletta punta il dito contro quei benzinai «ostili» al contratto collettivo di lavoro per chi è impegnato negli shop.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile