Immobili
Veicoli
Tio/20Minuti
GUDO (BELLINZONA)
13.09.21 - 06:000
Aggiornamento : 08:10

Frana del Sasso Grande: la vendemmia è dietro l'angolo, si cercano soluzioni

Strada bloccata per diverse settimane. Ma lassù una decina di persone presto dovrà raccogliere l’uva. Come farà?

Il municipale Giorgio Soldini: «Possiamo capire che ci sia del disagio. Però invitiamo i viticoltori alla calma. Abbiamo a cuore anche i loro interessi».

GUDO - La frana del Sasso Grande a Gudo (Bellinzona) mette a dura prova anche i viticoltori. Circa una decina i proprietari di terreni che da tempo si stanno interrogando su come affrontare l’imminente vendemmia. Mentre due famiglie restano evacuate, gli operai continuano a lavorare per mettere in sicurezza la zona colpita dal doppio smottamento. Ora spunta un nuovo problema. «Quella di Gudo è conosciuta per essere una regione di viticoltura – sottolinea Giorgio Soldini, capo del Dicastero ambiente per Bellinzona –. La strada sbarrata a causa della frana porta effettivamente a diversi vigneti. E non mancano le preoccupazioni».   

Il primo cedimento a dicembre, il secondo a luglio – Dal piano la voragine nella montagna è ben visibile ormai da mesi. Al primo cedimento, a dicembre 2020, col crollo di 800 metri cubi di detriti, ne ha fatto seguito un secondo, a fine luglio, con altri 1000 metri cubi di materiale. A coordinare i lavori è Rudy Genazzi, responsabile del settore foreste e territorio per la Città. «Adesso la priorità è la messa in sicurezza della zona. Tutte le parti in causa stanno facendo un lavoro enorme. I lavori procedono bene».

"In pausa" per qualche minuto – Genazzi va oltre: «Non ci dimentichiamo che oltre alle famiglie evacuate dobbiamo pensare a chi abita oltre quel tratto. Oppure a chi possiede dei terreni agricoli. Finora ogni tanto siamo riusciti a “mettere in pausa” i lavori per permettere alla gente di passare per andare ad esempio a lavorare. Ci siamo anche organizzati per consentire la consegna della posta almeno una volta a settimana». 

Un periodo frenetico – La vendemmia (data indicativa della "meta" attorno al 20 settembre) però è un’altra cosa. Chiunque abbia avuto a che fare con un vigneto sa che quello è un periodo frenetico. In linea puramente teorica bisognerebbe fare su e giù in continuazione coi furgoni per portare l’uva in pianura. È immaginabile che da quel punto, così delicato, transitino per diversi giorni parecchi veicoli?

«Aperti al dialogo» – Soldini prende sul serio la questione. «Il tempo stringe e la vendemmia si avvicina – sottolinea –. Possiamo capire che ci sia del disagio. Però invitiamo i viticoltori alla calma. Siamo disponibili al dialogo e aperti a diversi possibili scenari». «Siamo in costante contatto con un rappresentante dei viticoltori della zona – assicura Genazzi –. Troveremo delle soluzioni. Ad esempio aprendo la strada in determinate fasce orarie o addirittura per alcuni specifici giorni». 

Si spera in una bella reazione – L'auspicio di Soldini è che nascano collaborazioni in modo che lungo la tratta, comunque, passino meno veicoli possibili. «Nella sfortuna, fino a questo momento devo dire che c’è sempre stata una bella reazione da parte di chi è stato coinvolto in questa vicenda. Sappiamo tutti quale è la priorità, ma non dobbiamo nemmeno sottovalutare l’interesse dei singoli cittadini».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
2 ore
Due foreign fighters ticinesi, pentiti ma non troppo
Negli ultimi tre anni due ticinesi sono stati condannati per avere combattuto all'estero. Li abbiamo intervistati
CANTONE
8 ore
«Ma quindi casa tua è in affitto?», c'è una nuova truffa su WhatsApp
Che segue una analoga di poco meno di un anno fa. E il consiglio del Centro di cibersicurezza di Berna vale ancora
CANTONE
13 ore
Le api ticinesi stanno un po' meglio di quelle svizzere
I nostri apicoltori sono attualmente impegnati nel raccolto primaverile. «Il miele di quest'anno è di qualità».
FOTOGALLERY E MAPPA
CANTONE
15 ore
Da Breggia a Braggio: alla scoperta dei nostri mulini
Tredici in Ticino e uno in Calanca: ecco le strutture che apriranno le porte durante la Giornata Svizzera dei Mulini.
CANTONE/SVIZZERA
23 ore
San Gottardo preso d'assalto: 10 km di coda
Durante la notte la situazione si era calmata, ma in prima mattinata era già da bollino nero
CANTONE
1 gior
I frontalieri in telelavoro «vanno regolarizzati»
Un'interrogazione firmata Plr e Ppd chiede al Consiglio di Stato di attivarsi
CUGNASCO GERRA
1 gior
Dieci anni dopo, in memoria di Alan
Giubileo per la Birra Bozz. Il titolare Richy Bozzini porta avanti il sogno del fratello, morto di cancro alle ossa.
FOTOGALLERY
BEDRETTO
1 gior
Il Passo della Novena è uscito dal letargo invernale
La strada che collega Bedretto a Ulrichen è stata riaperta questa mattina alle nove.
CANTONE
2 gior
Ladri "elettrizzati" fanno incetta di bici (e di denunce)
Nei primi mesi del 2022 la Polizia cantonale ha ricevuto parecchie denunce per furti di biciclette.
LUGANO/BELLINZONA
2 gior
"Vestito nuovo" per l'escape in centro
Il progetto ticinese cresce e si espande. E dopo Zurigo arriva anche a Zugo e Lucerna
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile