Tio/20Minuti
GUDO (BELLINZONA)
13.09.21 - 06:000
Aggiornamento : 08:10

Frana del Sasso Grande: la vendemmia è dietro l'angolo, si cercano soluzioni

Strada bloccata per diverse settimane. Ma lassù una decina di persone presto dovrà raccogliere l’uva. Come farà?

Il municipale Giorgio Soldini: «Possiamo capire che ci sia del disagio. Però invitiamo i viticoltori alla calma. Abbiamo a cuore anche i loro interessi».

GUDO - La frana del Sasso Grande a Gudo (Bellinzona) mette a dura prova anche i viticoltori. Circa una decina i proprietari di terreni che da tempo si stanno interrogando su come affrontare l’imminente vendemmia. Mentre due famiglie restano evacuate, gli operai continuano a lavorare per mettere in sicurezza la zona colpita dal doppio smottamento. Ora spunta un nuovo problema. «Quella di Gudo è conosciuta per essere una regione di viticoltura – sottolinea Giorgio Soldini, capo del Dicastero ambiente per Bellinzona –. La strada sbarrata a causa della frana porta effettivamente a diversi vigneti. E non mancano le preoccupazioni».   

Il primo cedimento a dicembre, il secondo a luglio – Dal piano la voragine nella montagna è ben visibile ormai da mesi. Al primo cedimento, a dicembre 2020, col crollo di 800 metri cubi di detriti, ne ha fatto seguito un secondo, a fine luglio, con altri 1000 metri cubi di materiale. A coordinare i lavori è Rudy Genazzi, responsabile del settore foreste e territorio per la Città. «Adesso la priorità è la messa in sicurezza della zona. Tutte le parti in causa stanno facendo un lavoro enorme. I lavori procedono bene».

"In pausa" per qualche minuto – Genazzi va oltre: «Non ci dimentichiamo che oltre alle famiglie evacuate dobbiamo pensare a chi abita oltre quel tratto. Oppure a chi possiede dei terreni agricoli. Finora ogni tanto siamo riusciti a “mettere in pausa” i lavori per permettere alla gente di passare per andare ad esempio a lavorare. Ci siamo anche organizzati per consentire la consegna della posta almeno una volta a settimana». 

Un periodo frenetico – La vendemmia (data indicativa della "meta" attorno al 20 settembre) però è un’altra cosa. Chiunque abbia avuto a che fare con un vigneto sa che quello è un periodo frenetico. In linea puramente teorica bisognerebbe fare su e giù in continuazione coi furgoni per portare l’uva in pianura. È immaginabile che da quel punto, così delicato, transitino per diversi giorni parecchi veicoli?

«Aperti al dialogo» – Soldini prende sul serio la questione. «Il tempo stringe e la vendemmia si avvicina – sottolinea –. Possiamo capire che ci sia del disagio. Però invitiamo i viticoltori alla calma. Siamo disponibili al dialogo e aperti a diversi possibili scenari». «Siamo in costante contatto con un rappresentante dei viticoltori della zona – assicura Genazzi –. Troveremo delle soluzioni. Ad esempio aprendo la strada in determinate fasce orarie o addirittura per alcuni specifici giorni». 

Si spera in una bella reazione – L'auspicio di Soldini è che nascano collaborazioni in modo che lungo la tratta, comunque, passino meno veicoli possibili. «Nella sfortuna, fino a questo momento devo dire che c’è sempre stata una bella reazione da parte di chi è stato coinvolto in questa vicenda. Sappiamo tutti quale è la priorità, ma non dobbiamo nemmeno sottovalutare l’interesse dei singoli cittadini».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
7 ore
Ticinesi pazzi per la sella: «Ne vendiamo tre tonnellate al mese»
La sella di capriolo è uno dei piatti maggiormente in voga in questo periodo dell’anno. E i numeri lo confermano.
TENERO
9 ore
In spiaggia anche in inverno
Ripartire da una disavventura? Capita al bagno pubblico, colpito pesantemente dal maltempo lo scorso luglio.
LUGANO
11 ore
Tassisti aggrediti dal branco
Un pestaggio è avvenuto sabato notte in Via Pretorio: due persone sono rimaste lievemente ferite.
MENDRISIO
12 ore
Colpo di scena: Ligornetto riapre al traffico in transito
La misura non potrà essere attuata, fintanto che il TF non si sarà espresso sull'effetto sospensivo richiesto da Stabio
LOCARNO
13 ore
Un nuovo futuro per il Grand Hotel Locarno
L'edificio costruito fra il 1874 e il 1876 diverrà una moderna struttura alberghiera.
LUGANO
16 ore
«I contrari non hanno capito un tubo»
Il Municipio di Lugano dice la sua nella campagna sul Polo Sportivo. Sparando a zero sugli oppositori
CANTONE
17 ore
In Ticino altri 20 contagi
Aumentano leggermente i nuovi positivi. Il bollettino del medico cantonale
LUGANO
20 ore
Aeroplanini attorno al carcere
Gli appassionati di modellismo aereo entrano in "rotta di collisione" con la Stampa. È già successo un incidente
CONFINE
20 ore
Da Amsterdam a Milano con 5 kg di fumo
Un 57enne è stato fermato al valico di Brogeda grazie al fiuto del cane "Anima".
CANTONE
22 ore
«Duecento invitati, come un matrimonio etero»
A un mese dal referendum, in Ticino le coppie gay si preparano a un'estate di matrimoni. Ma servirà pazienza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile