Sedili stretti sul nuovo trenino: «Modello obbligato per entrare in centro città»
TIO/20M/Giordano
Il vis-à-vis sul nuovo tram FLP solo tra passeggeri di bassa statura
+4
LUGANO
30.08.21 - 06:000
Aggiornamento : 13:30

Sedili stretti sul nuovo trenino: «Modello obbligato per entrare in centro città»

Un viaggiatore d'oltralpe critica gli spazi angusti, il direttore della FLP, centimetro alla mano, ribatte

Roberto Ferroni respinge il confronto con i treni regionali della RBS: «La scelta del modello tramlink è stato obbligata dalla Confederazione per poter entrare un domani in centro città con la rete tram del Luganese. La maggiore comodità del treno bernese viene tuttavia pagata dai disabili».

LUGANO - «Ho preso il nuovo trenino. Sono rimasto deluso dai posti a sedere. Scomodissimi. Peccato!». La stroncatura del nuovissimo materiale rotabile in circolazione sulla Lugano-Ponte Tresa arriva da un utente d’oltralpe, che è anche esperto in materia. 

Incontri ravvicinati - La critica all’osso: il nuovo modello “tramlink”, prodotto dalla Stadler e costruito a Valencia, presenterebbe uno spazio tra i sedili tale da rendere quasi inevitabile il contatto, lo strofinio non cercato con le ginocchia e i piedi del viaggiatore seduto di fronte. «Si sa che le nuove generazioni sono sempre più alte, questo trenino invece è comodo solo per i bassotti» sostiene il viaggiatore confederato. Che cita, quale esempio virtuoso, gli spazi interni del treno della RBS (la Regionalverkehr Bern-Solothurn). Anche questo un convoglio nuovo, costruito sempre della Stadler, ma in Svizzera, ribattezzato dagli utenti “Worbla”, che ha sostituito i vecchi modelli “Mandarinli”, i medesimi usati anche dalle Ferrovie Luganesi Sa (FLP). «Il tempo di percorrenza, 25 minuti, della linea Berna-Worb è grosso modo lo stesso. Ma con un altro comfort».

Paragone scorretto - Un confronto che Roberto Ferroni, direttore delle FLP, respinge su tutta la linea: «Si tratta di due convogli completamente diversi. Il nostro tramlink ha una larghezza di 2,4 metri, il treno regionale della RBS è largo 2,65 metri, come i vecchi “mandarinli”». Stessi modelli in passato, differenti binari imboccati oggi. Ferroni ne spiega anche la ragione: «La condizione imposta da Cantone e Confederazione per poter cambiare il materiale rotabile era la possibilità per il modello scelto di entrare un domani in centro città con la rete tram del Luganese. Il “Worbla”, che è un vero e proprio treno, a Lugano non avrebbe spazio per passare. Lo chiamiamo tram-treno, ma di fatto il nostro è un tram, come ve ne sono a Zurigo».

Metro alla mano - Il direttore rigetta anche la critica sulla comodità: «Lo spazio tra i viaggiatori, ad altezza di testa, è aumentato. Erano 125 cm sui vecchi mandarinli, sono 127 cm adesso. La seduta è quindi più ampia. Il "vostro" viaggiatore ha tuttavia ragione su un punto: lo spazio tra i sedili che si fronteggiano è diminuito da 50 a 45 cm». Quando alla disposizione degli stessi, anche qui scelta obbligata: «Il Worbla avrà anche più spazio, però lo si paga con tre gradini sul pavimento molto scomodi per le persone con handicap. Il pavimento del tramlink, invece, è completamente ribassato da cima a fondo. Ma questo obbliga a piazzare i sedili in modo tale da coprire i carrelli delle ruote. È un layout interno obbligato». Quanto al fatto che due spilungoni non possano stare seduti uno di fronte all’altro… «Ma questo succederà anche ad Aarau (con l’Aargau Verkehr), a Berna (Bernmobil) e a Basilea (BLT) dove hanno adottato i nostri stessi tramlink» conclude Ferroni.

TIO/20M/Giordano
Guarda tutte le 8 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Ala 1 mese fa su tio
pagliacciate in salsa ticinese .....
volabas56 1 mese fa su tio
Ma davvero questi hanno studiato? Poveri noi.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile