Glamilla
AGNO
27.08.21 - 06:300

Lezioni gratuite di Paddle sui laghi svizzeri riservate a sole donne

L'interesse per questo tipo di sport è in crescita anche tra le esponenti del gentil sesso.

Per loro c'è chi ha deciso di organizzare lezioni direttamente sul lago.

di Redazione
Romano Pezzani

AGNO - Yoann Hamonic, titolare di Lugano Stand Up Paddle, ha elaborato un progetto su scala nazionale che toccherà i principali laghi della Svizzera, tra cui il Ceresio e il Lago Maggiore. Lo scopo è appunto quello di introdurre ragazze e donne alla pratica del paddle, proponendo lezioni gratuite a chi si presenterà sulla riva del lago.

Da dove nasce questa idea singolare?
«Dalla voglia e dalla capacità di apprendere delle donne. Il loro approccio è costruttivo, accettano i consigli dell’istruttore e dimostrano volontà a imparare. Inoltre la struttura fisica femminile, normalmente più bassa e più leggera, è ideale per praticare il paddle. L’uomo ritiene di essere già pronto, non vuole prendere lezione e noleggia soltanto la tavola. Una sua scelta che va rispettata».

Ha già avuto esperienze simili?
«Ho contribuito all’allestimento di diversi eventi internazionali sponsorizzati da Rip Curl. Inghilterra, Francia, Spagna, Portogallo e Italia sono alcuni dei paesi che abbiamo toccato con il nostro villaggio di svago. Il successo è stato tale che abbiamo offerto la possibilità di praticare anche surf, Zumba e Yoga. Abbiamo avuto 200 iscrizioni al giorno, le ragazze hanno risposto con grande impegno».

Qual è l’obiettivo in una nazione senza mare come la Svizzera?
«Ritengo che i laghi siano ottimali per la pratica introduttiva. Lo Stand Up Paddle è diventato uno degli sport del momento, fatto che ci aiuterà a decollare, in quanto stiamo pensando a un progetto per i prossimi 10 anni. Per partire sarei contento con 50 lezioni al giorno».

Il suo lavoro l’ha portata in giro per il mondo, tanto che ha promosso il paddle pure in Indonesia.
«Sono anche regista di documentari e produttore di video per aziende sportive come Redbull e The North Face. Ho trascorso diversi mesi in luoghi incantevoli come quelli dell’arcipelago indonesiano. In particolare, ho realizzato una clip promozionale per l’Isola di Sumba. In quel fantastico mare, ho avuto più di un’occasione per insegnare paddle agli abitanti del posto».

Ha già lavorato per il Ticino?
«Sì, e con grande piacere. Mi sono occupato di documentare per Ticino Turismo i 29 sentieri più belli del cantone. Passeggiate meravigliose lungo un percorso di 340 chilometri».

Qual è stata la spedizione più impegnativa?
«Senza dubbio in Alaska, dove ho dovuto filmare senza poter utilizzare l’elicottero. Abbiamo convissuto 12 giorni a -35° in condizioni estreme e ci siamo spostati unicamente con le pelli di foca».

Da chi ha preso questo spirito d’avventura?
«Da mio padre Gilles, che ha sempre avuto grande dimestichezza in diversi sport e che ha pure partecipato alla Parigi-Dakar di rally. Mi ha trasmesso la tenacia, la voglia di confrontarmi con il mio potenziale, ed è forse per questo che ho deciso di studiare medicina: volevo diventare fisioterapista sportivo».

Cosa le piace di più del Ticino?
«L’ospitalità dei ticinesi è molto simile a quella che si trova nei Pirenei, mio luogo d’origine. Sono grato di poter avere la possibilità di vivere nel bosco a Madonna d’Arla, sopra Sonvico, dove i miei figli e il nostro cane possono godersi la meravigliosa natura di queste parti».

Un progetto per le discipline all'aria aperta
Yoann Hamonic, 39 anni, è padre di due figli, Antoine (9) e Augustin (5). Francese di origine e ticinese di adozione, è stato professionista di snowboard, che ha praticato ai massimi livelli. Il suo spirito attivo e dinamico si esprime attraverso l'impegno negli sport d’avventura, a partire dallo Stand Up Paddle che ha lanciato nel golfo di Agno 10 anni fa. Yoann punta a inaugurare nel 2022 un campo base nella Svizzera italiana, in collaborazione con Ticino Outdoor, che possa fungere da punto di riferimento professionale per tutti gli appassionati di sport all’aperto: canyoning, kayak, arrampicata libera, pelli di foca, trail running e altro ancora.

«Un progetto che ha già riscontrato l’interesse di diversi investitori e partners e che stiamo mettendo a punto con l’allestimento di un albergo in Valle di Blenio. La voglia di emozioni è tanta anche in Ticino e miriamo a creare un centro per garantire professionalità e sicurezza a ticinesi, svizzeri e turisti che vogliono avvicinarsi a una disciplina da praticare all’aria aperta».


 
 

Glamilla
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
MENDRISIO
2 ore
«Oggi qualcuno sorride, ma altri piangono»
È entrato in vigore stamattina il divieto di transito attraverso il nucleo di Ligornetto. Non mancano però le lamentele.
CANTONE
3 ore
Tre nuove quarantene di classe in Ticino
Scendono a quota 7 gli ospedalizzati a causa del virus.
SONDAGGIO
CANTONE
5 ore
Canarie e Dubai fanno il pieno di turisti ticinesi
In vista delle vacanze autunnali, le prenotazioni sono in aumento. Ma non sono ancora al livello pre-crisi
CANTONE
7 ore
«Ci chiamano doule, accompagniamo alla vita, ma anche alla morte»
Assistono al parto, ma sono presenti anche al termine di una vita. Una di loro racconta cosa vuol dire essere doula.
CAPOLAGO
16 ore
Una sella di capriolo "no vax"
I ristoratori si ingegnano per accogliere i clienti non vaccinati. Anche in camper, se serve.
LUGANO
19 ore
Per Film Festival Diritti Umani Lugano il ritorno in sala è stato davvero dolce
Si conclude oggi un'edizione 2021 che non si è fermata davanti al Covid e ha puntato anche sullo streaming
CANTONE
21 ore
«I pazienti chiedono la terza dose»
Medici di base sollecitati «con insistenza». Secondo Christian Garzoni è il momento di introdurla
FOTO
ARBEDO-CASTIONE
1 gior
Parco giochi nel mirino di un automobilista
Nella notte una vettura ha divelto una rete metallica e demolito una panchina ad Arbedo. È caccia all'auto
LUGANO
1 gior
In Ticino è tempo di olive
Il prossimo 30 ottobre a Gandria si terrà l'ormai tradizionale raccolta
CANTONE
1 gior
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile