Super variante "bocciata": «Restiamo concentrati sul presente»
Foto di Davide Giordano, Tio/20Minuti
CANTONE
24.08.21 - 06:300
Aggiornamento : 10:49

Super variante "bocciata": «Restiamo concentrati sul presente»

Covid: lo studio zurighese, che preannunciava un 2022 nefasto, stroncato dalla gente e dal virologo Christian Garzoni.

Il video di Tio/20Minuti per le vie di Bellinzona. E la chiamata al direttore sanitario della Moncucco.

BELLINZONA - Una super variante del Covid-19 dietro l'angolo pronta a vanificare quasi tutti gli sforzi fatti finora? A lanciare l'allarme è stato un ricercatore del politecnico di Zurigo dalle colonne del SonntagsBlick. Una notizia poco rassicurante che "preannunciava" il 2022 come un anno nefasto. Più dei precedenti. Christian Garzoni, virologo e direttore sanitario della Clinica Moncucco di Lugano, rimette il campanile al centro del villaggio. «Presumo che la questione sia stata enfatizzata – sostiene –. Sappiamo tutti che questo è un virus tendente a mutare. Ci sono state e ci saranno probabilmente ancora tante mutazioni». 

Il virus continuerà a circolare, però... – Già. Ma quanto ipotizzato dallo studio zurighese va ben oltre. Si parla di "super variante". Tio/20Minuti ha raccolto qualche parere per le vie di Bellinzona. E siccome dopo un po' i punti di domanda iniziavano a essere troppi, ci siamo rivolti a una persona che il Covid lo conosce molto bene. «Credo che "super variante" sia soprattutto un termine mediatico – riprende Garzoni –. Il virus continuerà a circolare. Non sappiamo in che misura. Certo, potrebbero esserci delle mutazioni tali per cui potrebbe essere necessaria una modifica del vaccino».

«Non è detto che i rischi si concretizzino» – Il virologo mantiene la calma. E invita la popolazione a fare altrettanto. «Personalmente trovo che non sia il caso di continuare a parlare di ipotetiche varianti. Sappiamo che ci sono dei rischi per il futuro. Ma non è detto che si concretizzino per forza. I comportamenti da adottare nei confronti del Covid ormai sono noti a tutti. Cerchiamo di stare con i piedi per terra, nel presente. Confrontandoci con i dati oggettivi. Non con possibili previsioni di come i virus muteranno nei prossimi mesi o anni. Con questo non voglio mettere in dubbio quanto realizzato dal ricercatore zurighese. È uno studio che non conoscevo e per portarlo a termine avrà sicuramente utilizzato criteri validi. Però questi sono strumenti di lavoro che servono alla scienza, e i dati oggettivi della ricerca scientifica non vanno strumentalizzati». 

La via della «concretezza» – Come spesso è accaduto in un anno e mezzo di pandemia una proiezione ipotetica, non certa, finisce in pasto all'opinione pubblica. Creando scompiglio e confusione. Come è possibile? Ancora Garzoni: «Non voglio parlare del caso specifico perché non lo conosco con esattezza. Però si è visto spesso un binomio tra ricercatori e media che ha generato in certi casi poca chiarezza e falsi allarmismi. Ci sono ricercatori che cercano visibilità e media che vogliono i titoloni. Bisogna essere seri e razionali. Per uscire da questa situazione dobbiamo basarci sui dati oggettivi. Il vaccino è valido anche per le attuali mutazioni. Se dovesse arrivare una variante contro la quale avrà una minore efficacia, il vaccino potrà essere adattato, come accade ogni anno per l’influenza. Però il vaccino dovrebbero farlo tutti. Ed è su questa strada che occorre insistere per controllare la pandemia e ritornare alla normalità». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Esplosione di casi nelle scuole
Durante il weekend sono state segnalate ben ventidue quarantene di classe (sedici alle elementari).
CANTONE
3 ore
Le novità sui cantieri delle FFS in Ticino
Dal nuovo cantiere di Riviera-Bironico fino alla chiusura (temporanea) dei lavori a Maroggia-Melano
CANTONE
4 ore
Altri 344 contagi e due decessi nel weekend
Salgono a settanta i pazienti ricoverati in ospedale. Sette si trovano nel reparto di cure intense.
LUGANO
5 ore
L'acqua potabile luganese costerà di più
Il 1. gennaio 2022 la tariffa aumenterà del 20%, sia per la tassa di base sia per quella di consumo
CANTONE
6 ore
L'USTRA «irrispettosa» nei confronti del Mendrisiotto
I deputati PPD della regione interrogano il Governo sul progetto per la corsia destinata allo stazionamento dei tir
CANTONE / SVIZZERA
8 ore
«Senza l'IPG Corona, passeremo un bruttissimo Natale»
Tassisti e altri indipendenti restano senza aiuto economico: con le attuali restrizioni non sarebbe giustificato
LOSTALLO
16 ore
Contro la ringhiera, finisce nel prato
Ferite gravi per un'automobilista uscita di strada a Lostallo
LUGANO
18 ore
«Contenti loro, contenti tutti»
Fulvio Pelli dopo la sconfitta alle urne fa gli auguri al Polo Sportivo. «Non brontolo, staremo a vedere»
CANTONE
22 ore
Votazioni federali: due "sì" e un "no" dal Ticino
Il 65,3% dei votanti ha dato via libera alla Legge Covid-19, mentre il 56,1% ha sostenuto l'iniziativa sugli infermieri.
LUGANO
23 ore
Paolo Beltraminelli è il nuovo presidente del PPD di Lugano
L'ex consigliere di Stato è stato nominato quest’oggi durante l'assemblea svoltasi a Pregassona
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile