tipress
CANTONE
20.08.21 - 14:350
Aggiornamento : 21:53

«Cedo bella targa». Oltre 5mila franchi per 4 numeri

Basta cercare in rete. Se ne trovano a decine. Sono targhe cedute da privati ad altri privati.

Gobbi: «Un sistema che dovrà essere corretto».

LUGANO - «Cedo bella targa», laddove il "bello" sarebbe nella particolare sequenza di numeri. E nemmeno targhe con cifre basse, ma con cinque o sei numeri messi in fila. Per le quali, evidentemente, c'è chi è disposto a sborsare anche 2'000 franchi, se non oltre. Almeno stando al "mercato parallelo" che si può tranquillamente osservare su portali online come Tutti.ch.

Migliaia di franchi per dei numeri - Non se ne trova una sola, ma decine. «Vero affare», scrive qualcuno che per 5 cifre chiede "solo" 899 franchi. Ma si arriva tranquillamente a 5'500 franchi per una TI 2589.

Uno status symbol - Che esista una "moda" delle targhe è lì da vedere (anche se più probabilmente trattasi di un vero e proprio "status symbol"). Solo un mese fa era stata battuta per la bellezza di 52mila franchi, la TI 488 (con un numero che evoca la celebre sportiva di casa Maranello). Ma lo dimostra anche lo scandalo appena scoppiato in seno alla Sezione della circolazione con un funzionario che, a quanto pare, avrebbe trafficato sottobanco qualche targa "particolare". Gesto che peraltro non solo gli è costato il posto di lavoro, ma anche la posizione in seno al consiglio comunale e all'interno del suo partito, l'Udc.

«Sistema da correggere» - D'altra parte il sistema lo consente anche se, come ha ricordato ieri il consigliere di Stato Norman Gobbi: «Il sistema di messa in vendita delle targhe su base d'asta serve anche a finanziare i fondi per la prevenzione: penso a strade o ad acque sicure. Tuttavia - ha sottolineato ai microfoni della Rsi - dobbiamo pensare che c'è un mercato parallelo, dove ci sono privati che approfittano di questo sistema, che vendono targhe e magari poi non dichiarano nemmeno il maggior profitto che hanno fatto. Quindi tutto questo dovrà essere corretto, ed è una misura che ho chiesto alla Sezione della circolazione».

Fine del mercato delle targhe? È sicuramente presto per dirlo, ma è certo che resterà aperto il canale tradizionale, quello delle aste della Sezione della Circolazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
5 ore
Ragazzo preso a calci, l'appello della madre
L'episodio risale alla serata di sabato. Il branco che lo ha aggredito sarebbe recidivo.
ZURIGO
6 ore
«Sono giovane e sano, non ho paura». Ecco perché è un errore pensarlo
Si ha sì un minor rischio di morire, ma sono molti i fattori da valutare.
Vacallo
6 ore
Da otto anni, Edo Pellegrini chiede spiegazioni al Municipio sul fondo 451
Ci sono un sentiero impraticabile, una costruzione di utilità non specificata e delle domande rimaste senza risposta
STABIO
10 ore
Non accetta il salario fuorilegge: licenziata
Alle dipendenze della sua azienda da cinque anni, la donna è stata messa alla porta.
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
«Spostarli nel Luganese non è una soluzione»
Simonetta Sommaruga ha risposto a Marco Romano, che si è fatto portavoce delle preoccupazioni dei comuni momò.
FAIDO
16 ore
Alcuni bimbi in sciopero: niente scuola
Genitori in protesta. Manifestazione pacifica contro l'obbligo della mascherina durante le lezioni.
CANTONE
16 ore
Otto arresti per droga
I soggetti finiti in manette sono sospettati di aver preso parte allo smercio tra Albania, Italia e Ticino.
CANTONE
17 ore
Altre 20 classi in quarantena
Si tratta di 15 sezioni di scuola elementare e 5 di scuola dell'infanzia. Il totale sale a quota 62
CANTONE
18 ore
In Ticino oltre 400 casi e tre decessi nel weekend
I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 77.
CANTONE
18 ore
Controlli e multe in vista per chi è al telefono alla guida
L'operazione della Polizia cantonale ha il via già da questo mese.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile