Immobili
Veicoli
Tipress
+10
CANTONE
19.08.21 - 13:170
Aggiornamento : 14:09

Il posto per montare la tenda si trova online

La piattaforma nomady.ch mette in contatto turisti in cerca di location particolari e proprietari terreni

ACQUAROSSA - È la nuova tendenza della cosiddetta “sharing economy”, o economia della condivisione, in ambito digitale. Uno strumento che mette in dialogo turisti in cerca di location particolari e uniche dove pernottare e proprietari di terreni con l’obiettivo, tra gli altri, di porre un freno al fenomeno del campeggio illegale, diffuso anche alle nostre latitudini. Stiamo parlando della piattaforma nomady.ch, presentata oggi in Ticino dal fondatore e CEO Oliver Huber.

Preparare un sacco a pelo, caricare il camper e partire all’avventura. Molti svizzeri hanno riscoperto il viaggiare in maniera semplice e a diretto contatto con la natura. Indifferente se per un fine settimana o per vacanze più lunghe, l’importante è essere all’aria aperta. I fondatori di nomady.ch Oliver Huber e Paolo De Caro, hanno voluto creare uno strumento che ricoprisse il ruolo di mediatore per luoghi nella natura, siano questi per una tenda, un furgone camperizzato o un camper. Ad oggi il portale, nato nel 2019, conta 17‘000 utenti registrati, oltre 50‘000 pernottamenti e circa 340 spazi disponibili in tutta la Svizzera che variano in funzione dei visitatori. «Nel nostro paese sono presenti moltissimi luoghi incantevoli, spesso sconosciuti - spiega Oliver Huber - il nostro obiettivo è quello di trovarli e renderli accessibili a tutti gli amanti di questa tipologia di viaggio. In Ticino, ad esempio, abbiamo riscontrato molte richieste, ma disponiamo ancora di poche location, una decina. Il nostro è dunque un appello ai proprietari di terreni: fatevi avanti!».

Non è un campeggio tradizionale - Durante la conferenza stampa è stato affrontato il tema del confronto con i campeggi tradizionali. «La nostra piattaforma vuole rappresentare un complemento, e non una concorrenza verso i campeggi tradizionali - prosegue Oliver Huber - è uno strumento che vuole stimolare le persone a viaggiare di più, distribuire meglio i flussi e favorire le regioni periferiche. Stiamo parlando di un target diverso rispetto a quello che sceglie le aree tradizionali. L’obiettivo è anche di fare in modo che questi visitatori non sostino in aree non adibite a questo scopo. Per questo motivo,
prima di iscriversi alla piattaforma, è importante prendere contatto con le autorità comunali competenti».

Ticino, destinazione innovativa - Elia Frapolli, consulente turistico, sta seguendo lo sviluppo della piattaforma in Ticino. «Queste nuove modalità di turismo esperienziale rispondono a una tendenza in atto già da qualche anno. Il visitatore di oggi chiede di essere “sorpreso”, in tutti i modi possibili. Nomady.ch può permettere al Ticino di profilarsi come destinazione innovativa, proprio come avvenuto in altre località della Svizzera. I Cantoni Lucerna, Grigioni e Vallese, ad esempio, promuovono attivamente il progetto come interessante offerta complementare per i propri ospiti».

Sostegno al settore agricolo - Da parte sua Eliane Jemini, municipale e capodicastero agricoltura di Acquarossa, ha sottolineato come «è importante che anche il settore agricolo, che sappiamo in difficoltà, sappia diversificare le proprie offerte sia per far conoscere l’attività di un’azienda agricola che per trovare nuove forme d'introiti. Queste nuove possibilità di pernottamento possono generare valore aggiunto per un territorio, soprattutto se periferico, e incentivare la fruizione di ristoranti, impianti di risalita e attrattive turistiche. Le nostre Valli devono riuscire a trovare nuove vie per promuovere e valorizzare maggiormente le loro ricchezze».

Eric Beretta, proprietario della Fattoria biologica Il Cardo a Ponto Valentino, è da poco membro di nomady.ch e ha voluto condividere la sua esperienza. «Abbiamo deciso di aderire alla piattaforma di recente e stanno già arrivando le prime prenotazioni. Per noi si tratta di un’interessante possibilità di guadagno accessorio, favorita dal fatto che possiamo mettere a disposizione i servizi base dell’agriturismo. L’impegno amministrativo è molto ridotto e l’interazione con gli ospiti ci permette anche di promuovere i nostri prodotti agricoli».

La fondazione Aiuto svizzero alla montagna sostiene il progetto e ha premiato la start-up con il “Premio all’innovazione” nel 2019. Tra i meriti della piattaforma, vi è infatti anche quello di servirsi di una tecnologia all’avanguardia per favorire il dialogo del turista con la popolazione locale. L’intero processo di riservazione, i contatti iniziali e il pagamento avvengono infatti in modo digitale sul sito.

Tipress
Guarda tutte le 14 immagini
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Altri 1221 positivi. Sono 19 le persone in cure intense
Per il secondo giorno consecutivo non si registrano nuovi decessi.
BRISSAGO
18 ore
Incendio nei boschi sopra Brissago
Sono rapidamente intervenuti i pompieri, che monitoreranno la situazione anche durante la notte
CANTONE
1 gior
In Ticino altri 1312 contagi
Stabile l'occupazione delle terapie intensive. In lieve calo i ricoveri
CANTONE
1 gior
Adescava i minorenni sui social per ottenere foto pornografiche
Una cinquantina le vittime finite nella rete di un 31enne del Luganese tra il 2016 e il 2020.
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
La polizia alle prese con quarantene e isolamenti
In Ticino l'operatività è garantita. Ma a Ginevra le assenze sono molte. I corpi sono pronti a scenari d'emergenza
AIROLO
1 gior
Addio a Luca Ceresetti, vicesindaco di Airolo
Il municipale è scomparso improvvisamente, dopo breve malattia, nel giorno del suo 47esimo compleanno
CANTONE
1 gior
L'occhio dei radar sbircia cinque distretti
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 17 al 23 gennaio sulle strade ticinesi
CANTONE
1 gior
In carcere uno spacciatore estradato dalla Serbia
È sospettato di traffico di eroina e cocaina in Ticino.
CANTONE
2 gior
«Al picco il 30% dei ticinesi sarà infettato»
Quarantene accorciate, Merlani: «Ospedali e case anziani si potranno visitare solo dopo dieci giorni dal contagio».
VERZASCA
2 gior
«Costretti a lasciare le nostre case»
Via dalla frazione Pioda, ex cuore economico di Vogorno. Parlano le "vittime" della costruzione della diga.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile