ENDORFINE FESTIVAL
Michele Santoro aprirà la terza edizione di Endorfine Festival.
LUGANO
09.08.21 - 16:440
Aggiornamento : 10.08.21 - 09:03

Santoro, Gratteri, Moro: a Lugano il racconto di "Vite blindate"

Annunciato il programma di Endorfine Festival, che si terrà dal 17 al 19 settembre

LUGANO - È “Vite blindate” il tema scelto come fil rouge dell'edizione 2021 di Endorfine Festival, in programma dal 17 al 19 settembre.

La pandemia ci ha fatto “assaggiare”, nostro malgrado, il senso di reclusione che si prova quando ci si trova all’interno di un fenomeno storico senza facili vie d’uscite o quando alcune libertà vengono limitate o negate. Ma c’è chi conduce una “vita blindata” da ben prima del Covid. Per esigenze professionali. A causa di una condizione sociale o economica. O perché la sua esperienza è indissolubilmente legata a una storia.

Una condizione che verrà approfondita negli incontri in cartellone, a partire dal primo ospite che è Michele Santoro. Il suo ultimo libro, “Nient’altro che la verità”, è diventato un caso letterario, giornalistico e politico. Oltre a presentare il volume, raccoglie le sconvolgenti rivelazioni dell’ex killer di Cosa Nostra Maurizio Avola, il popolare conduttore televisivo ripercorrerà, con il pubblico luganese, la sua straordinaria carriera giornalista, oltre ad affrontare alcuni temi di attualità.

Rinviato lo scorso anno a causa della pandemia, si annuncia denso di emozioni l’appuntamento dedicato alla “Giustizia riparativa”. Sul palco di Endorfine discuteranno del loro percorso di riconciliazione Agnese Moro (figlia dello statista democristiano ucciso dalle Brigate Rosse), Adriana Faranda e Franco Bonisoli (ex BR che parteciparono al sequestro Moro) e Giorgio Bazzega, (figlio del maresciallo Sergio, freddato dal terrorismo rosso nel 1976).

Un altro incontro dai forti accenti emotivi, e che affronta un tema di stringente attualità come quello della radicalizzazione dei giovani musulmani, sarà quello con Valeria Collina. Valeria è la madre di Youssef Zaghba, morto sul London Bridge il 3 giugno 2017 dopo aver ucciso, insieme ad altri due attentatori, otto persone. 

Chi vive da decenni una “vita blindata” è senza dubbio Nicola Gratteri. Il più noto magistrato italiano impegnato nella lotta alla ‘Ndrangheta sarà a Lugano il 19 settembre, per raccontare del suo infaticabile impegno di contrasto all’associazione criminale, ormai sempre più radicata anche in Svizzera.

Infine, nel ventennale degli attentati dell’11 settembre, e nel decimo anniversario dell’uccisione di Osama Bin Laden, gli organizzatori hanno previsto un incontro straordinario con una vera e propria star del giornalismo internazionale. In Ticino sbarcherà infatti Hamid Mir, anchorman pakistano, nonché tra gli alfieri più acclamati della libertà di stampa nel Mondo. Hamid, unico reporter ad aver intervistato Osama Bin Laden dopo l’11 settembre, ripercorrerà quella pagina così decisiva della storia recente dell’umanità, analizzando le molteplici conseguenze che ne sono scaturite.

Come ogni anno sarà consentito al pubblico porre domande ai relatori al termine delle conferenze. Nelle prossime settimane il Comitato e la Direzione di Endorfine Festival, annunceranno altri ospiti che andranno a completare il già ricco cartellone di questa terza edizione. Nel rispetto delle norme di salute pubblica, a tutti gli incontri di Endorfine sarà possibile accedere unicamente se muniti di Certificato Covid o Green Pass Europeo, con relativi codici QR. Il Comitato e la Direzione si adatteranno, in senso espansivo o restrittivo, alle disposizioni che man mano verranno emanate dalle autorità federali e cantonali.

Tutte le informazioni su date e luoghi del Festival sono reperibili all’indirizzo www.endorfine.siteLa prevendita del festival Endorfine è già attiva su Biglietteria.ch.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
38 min
Dose di richiamo, ultima chiamata per gli over 65
In vista dell'apertura alle altre fasce d'età, le autorità cantonali sollecitano i pensionati ad annunciarsi.
CANTONE
2 ore
Altri 167 nuovi contagi e sette classi in quarantena
Negli ospedali del nostro cantone si contano attualmente settanta pazienti Covid
CHIASSO
2 ore
Cinquanta milioni per cinquanta impieghi?
L'Mps punta il dito contro la Scuola di Moda di Chiasso. Costi troppo elevati rispetto all'impatto sul territorio
CANTONE
6 ore
«Il medico di famiglia vi farà risparmiare»
Dietro le quinte del progetto mediX ticino, coordinato dall'infettivologo Christian Garzoni.
LUGANO
17 ore
S'invola per gli Emirati, lasciando un cavallino nero in Ticino
Sul sito delle aste dell'Ufficio di esecuzione è sbucata una Ferrari 458 nera
CANTONE
18 ore
La “pandemia dei bambini”... anche nelle scuole ticinesi
In molti si dicono favorevoli all'introduzione dei test ripetuti e alla mascherina obbligatoria dalla quarta elementare
CANTONE
21 ore
Alle medie mancano professori di francese
Formazione dei docenti, il DECS e il DFA hanno fatto il punto della situazione tra passato, presente e futuro.
CANTONE
1 gior
Esplosione di casi nelle scuole
Durante il weekend sono state segnalate ben ventidue quarantene di classe (sedici alle elementari).
CANTONE
1 gior
Le novità sui cantieri delle FFS in Ticino
Dal nuovo cantiere di Riviera-Bironico fino alla chiusura (temporanea) dei lavori a Maroggia-Melano
CANTONE
1 gior
Altri 344 contagi e due decessi nel weekend
Salgono a settanta i pazienti ricoverati in ospedale. Sette si trovano nel reparto di cure intense.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile