Locarno Film Festival
CANTONE
05.08.21 - 11:000
Aggiornamento : 12:57

Dal Covid-19 alla parità di genere: le sfide del cinema svizzero

L'intervento del ministro della cultura Alain Berset nell'ambito del Locarno Film Festival

LOCARNO - In una conferenza stampa odierna nel quadro del Locarno Film Festival, il consigliere federale Alain Berset ha parlato delle sfide attuali del cinema svizzero. Fra i temi toccati, oltre a pandemia e collaborazione internazionale, anche la parità di genere.

Nel 2020, l'Ufficio federale della cultura (UFC) ha commissionato uno studio sulla parità di genere nel cinema svizzero. I principali risultati sono stati presentati oggi a Locarno dal ministro della cultura Berset, dalla direttrice dell'UFC Isabelle Chassot e da Ivo Kummer, capo della divisione cinema dell'UFC.

Lo studio mostra che le donne non risultano più svantaggiate nel finanziamento dei film, cosa che era ancora d'attualità nel 2014. Al contempo continuano però a essere sottorappresentate nel cinema professionale e vengono pagate meno dei loro colleghi uomini in settori come la regia, la sceneggiatura e la recitazione, ha indicato il Dipartimento federale dell'interno (DFI) in un comunicato odierno.

Oltre alle valutazioni attuali, lo studio mostra possibili misure per promuovere la parità di genere. Per esempio, la diversità dovrebbe essere sostenuta e resa più visibile, e le condizioni di lavoro dovrebbero essere migliorate. Alcuni dei provvedimenti proposti sono già stati attuati. I costi per la cura dei bambini e dei parenti bisognosi di assistenza possono ad esempio essere inclusi nel budget della produzione del film.

Cinema duramente colpito - Berset si è detto «felice di ritrovare il pubblico ed entusiasmarsi davanti alla creatività culturale». Durante il suo discorso ha inoltre ringraziato i responsabili del festival per la loro flessibilità nell'organizzare l'evento e ha sottolineato quanto questo sia stato profondamente colpito dalla pandemia. Ha inoltre auspicato il prolungamento degli aiuti Covid-19 per il settore, per ora validi fino al 31 dicembre 2021.

Chassot ha precisato che 360 milioni di franchi sono stati versati alla cultura. In particolare, l'UFC ha ricevuto 30'000 richieste di sostegno, di cui 25'000 hanno già potuto essere accolte. La direttrice dell'UFC non ha negato che «la cultura è stata la prima a essere colpita dalla crisi e sarà l'ultima a uscirne».

Ivo Kummer ha evocato anch'esso i sostegni concessi durante la pandemia, come quelli per i film costretti a interrompere la loro produzione durante la crisi Covid. Ha auspicato un rafforzamento della presenza del cinema sui canali digitali, una sfida che non può però sostituire il cinema in presenza ma solo completarlo.

Difficile ritorno alla normalità - Durante la pandemia, l'UFC ha inoltre adattato le sue misure di finanziamento nel settore del cinema. In collaborazione con la Società svizzera di radiotelevisione (SSR), la Fondazione romanda per il cinema Cinéform e la Zürcher Filmstiftung (Fondazione zurighese per i film), sono stati introdotti finanziamenti supplementari per coprire i ritardi nelle riprese e i concetti di protezione.

Nonostante tutto, il ritorno alla normalità sarà una grande sfida, concordano i partecipanti alla discussione. Poiché i film svizzeri devono reggere il confronto con una forte concorrenza internazionale (le produzioni rimandate appaiono ormai tutte nello stesso momento), l'UFC sostiene dieci opere nella distribuzione nelle sale e online. Inoltre, insieme all'Associazione svizzera per il cinema ed il noleggio (ProCinema), sta finanziando la campagna "Back to the Cinema", volta ad attirare il maggior numero possibile di spettatori nelle sale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
6 ore
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
MENDRISIO
8 ore
La biblioteca si trasferisce e diventa una palestra
Il progetto SportAcademy riunirà sotto lo stesso tetto, a Genestrerio, diverse discipline sportive.
CANTONE
13 ore
Salario minimo: «La situazione va monitorata»
Le parti convocate al tavolo delle discussioni hanno condiviso che la deroga prevista per i CCL non va stralciata.
CANTONE
13 ore
Fattacci fra Semine e Locarno, arrivano le prime sospensioni
Per far luce sull'accaduto è stata pure avviata un'inchiesta, il cui rapporto è atteso a inizio ottobre.
CANTONE
15 ore
In Ticino 36 contagi e un altro decesso
Le persone ospedalizzate a causa del coronavirus salgono a 16, sei delle quali in terapia intensiva.
CANTONE
19 ore
Il monopattino è roba da grandi
I monopattini elettrici sono vietati ai minori di 14 anni. Ma spesso i genitori non lo sanno
CANTONE
19 ore
Pfizer, Moderna e l'apparenza che inganna
Il farmacista cantonale rassicura: «Un vaccino vale l'altro, come efficacia e come effetti collaterali».
LUGANO
1 gior
Ben 34 franchi per 9 ore di autosilo: «Ma non mi scandalizzo»
L'episodio diventa lo spunto per una chiacchierata sulla mobilità col futuro sindaco Michele Foletti.
CANTONE
1 gior
Anticorpi anomali coinvolti nel 20% dei decessi da Covid-19
All'importante scoperta hanno contribuito anche due ricercatori dell'EOC: Alessandro Ceschi e Paolo Merlani.
CANTONE
1 gior
Suter con la maglia UDC, Speziali: «Non è il Massimo»
Botta e risposta tra il presidente PLR Speziali e il presidente di GastroTicino che passa all'UDC
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile