tipress
LUGANO
02.08.21 - 18:540
Aggiornamento : 03.08.21 - 07:30

«Non la prendo sul personale»

Karin Valenzano Rossi fischiata in piazza Riforma si toglie qualche sassolino dalla scarpa

«Rattristata, ma sono andata a dormire tranquilla. Grazie alla gente che è stata solidale»

LUGANO - È scesa dal palco un po' rammaricata «per la festa rovinata». Ma poi è andata a dormire serena Karin Valenzano Rossi, dopo i fischi ricevuti in Piazza Riforma domenica primo agosto. «Ci sono state anche molte manifestazioni di solidarietà da parte del pubblico presente, e sono state confortanti» racconta. «Mi hanno fatto bene».

La contestazione organizzata dall'associazione "Taspettofuori" ha dato luogo ieri a una serie di strascichi polemici: Lega e Udc hanno puntato il dito contro gli ex autogestiti («una manica di imbecilli») mentre gli organizzatori hanno precisato che l'azione «non era a favore del Molino» ma contro «la politica autoritaria e poco autorevole» del Municipio.

La diretta interessata dal canto suo non l'ha presa male: «Il dissenso è legittimo, per carità, l'avevo messo in conto e ho deciso di dare loro spazio per comunicare a loro modo. Ma ai fischi devono seguire delle richieste comprensibili su cui lavorare, altrimenti siamo punto a capo» ha commentato a tio.ch/20minuti. «Dispiace per la tanta gente che voleva godersi la Festa Nazionale.Hanno voluto impedire di esprimerci, e la piazza era molto dispiaciuta e stizzita». 

Karin Valenzano Rossi, essere fischiati non è mai bello. Come si è sentita?
«Dispiaciuta, soprattutto per la molta gente che era venuta in piazza per celebrare la Festa Nazionale: oltraggiando le istituzioni, i contestatori hanno oltraggiato anche loro».

Ha reagito bene, però. Mantenendo la calma e finendo il suo discorso.
«La contestazione era stata annunciata. In realtà, ero assolutamente pronta all'ascolto. Mi sono detta: è comunque una forma di comunicazione. Se ai fischi segue un dialogo in un linguaggio convenzionale...» 

Più volte ha parlato di dialogo con gli autogestiti, in passato. È ancora possibile?
«Il presupposto per il dialogo è avere un linguaggio comprensibile e non inneggiare alla rivolta fine a sé stessa. O almeno avere un interprete che traduca i fischi in richieste o proposte, naturalmente non di sovvertire un sistema politico o “scardinare il potere”. Ho rispetto del dissenso, abbiamo offerto ai contestatori la possibilità di dialogare ma non l'hanno fatto». 

Forse non vogliono parlare con lei.
«Non vogliono parlare con nessuno. Né con il sindaco, né con il Municipio di prima, né con questo. Così facendo mancano di rispetto alla maggioranza dei luganesi, che si è espressa con il voto democratico. Non solo, hanno oltraggiato la celebrazione della Festa Nazionale e della ricorrenza del diritto di voto alle donne». 

Si è sentita offesa come donna?
«Non l'ho presa sul personale. Ma ero stata scelta per l'allocuzione proprio in quanto donna in Municipio per sottolineare la ricorrenza storica, e silenziandomi i contestatori hanno oltraggiato le donne e le istituzioni». 

Come è andata a dormire ieri sera?
«Le dirò, confortata e piacevolmente sorpresa. Le manifestazioni spontanee di solidarietà da parte del pubblico presente sono state moltissime. Mi hanno fatto bene».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
BREGGIA
2 min
Gli alberi stanno tornando in piazza
Le piante erano state rimosse lo scorso marzo per i lavori di valorizzazione a Cabbio
MENDRISIO
2 ore
Si getta ancora la spugna, niente Fiera di San Martino
La tradizionale fiera di novembre non avrà luogo per il secondo anno di fila: «Decisione sofferta, ma obbligata»
LUGANO
2 ore
Oltre 7'200 veicoli controllati durante "Bimbi sicuri"
La maggioranza degli utenti della strada si comporta con prudenza, ma c'è qualche eccezione...
LUGANO
6 ore
Arresto "da film" sul lungolago: erano due truffatori
Le due persone fermate giovedì scorso sono sospettate di aver tentato una truffa di tipo "rip-deal".
CANTONE
8 ore
Un weekend con 38 contagi
Le strutture sanitarie accolgono 18 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
8 ore
Smaltire i rifiuti costerà meno
Dal primo gennaio 2022 il Cantone ha previsto una riduzione di dieci franchi per ogni tonnellata smaltita dai Comuni.
LUGANO
12 ore
Sempre più studenti ammassati sui bus
Grossi problemi su alcune linee. In particolare al mattino tra le 7.30 e le 8.15. La TPL cerca di correre ai ripari.
FOTO
CANTONE
12 ore
Fare del tempo libero un lavoro: alla Supsi si può
Il Bachelor in Leisure Management è un unicum in Svizzera. Ne abbiamo parlato con il responsabile Alessandro Siviero.
AUSTRIA
21 ore
Il vetraio Luca si porta a casa il bronzo
Una competizione memorabile per la Nazionale Svizzera delle professioni, che ha ottenuto 14 medaglie
CANTONE
22 ore
«C'è chi ha chiesto di entrare senza certificato, né mascherina»
Alle lamentele di alcuni familiari, che segnalano incongruenze nelle nuove normative, risponde il direttore di LIS.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile