deposit
CANTONE
27.07.21 - 06:360
Aggiornamento : 10:05

La Posta invia un pacco sospetto: «È una truffa»

I pirati informatici sono in agguato: e via mail si spacciano per la Posta

Il gigante giallo: «Ne siamo al corrente. Diffidate di chi chiede dati personali via mail». L'esperto Trivilini: «Aumentare la consapevolezza degli utenti»

BELLINZONA - C'è posta per te! I pirati informatici le tentano tutte: l'ultima trovata è quella di spacciarsi nientemeno che per la Posta. Una mail di avviso per un presunto pacco da ritirare - mai ordinato - ha messo in allarme un nostro lettore.

Campanelli d'allarme - Alla prima mail, ne fa seguito una seconda pochi giorni dopo. «Gentile cliente, non abbiamo potuto recapitare il suo ordine a causa di informazioni sbagliate». A insospettire è l'indirizzo del mittente (zebra666@mint.odn.ne.jp) oltre a un'incongruenza sulle date.

«Diverse segnalazioni» - Dalla Posta - quella vera - confermano: ai criminali digitali piace spacciarsi per il gigante giallo. «Conosciamo bene questa truffa usata dai criminali. A causa del boom del commercio online indotto dalla corona, le aziende postali di tutto il mondo sono diventate l'obiettivo degli hacker. Di conseguenza, anche il livello di phishing della Posta è più alto dall'anno scorso rispetto agli anni precedenti» spiega il portavoce Oliver Flüeler. «Purtroppo, ci sono sempre clienti che ci contattano e lo segnalano». Negli ultimi mesi «abbiamo cercato di sensibilizzare attivamente i nostri clienti» prosegue il portavoce, ricordando che «la Posta non chiede mai ai suoi clienti per telefono, sms o e-mail di fornire dati personali». 

Come proteggersi? - Il buonsenso, una password alfanumerica e un po' di consapevolezza «restano i migliori antidoti contro gli inganni tesi dalla rete» secondo Alessandro Trivilini, professore alla Supsi e consulente della campagna cantonale Cyber Sicuro. Con la pandemia gli attacchi sono aumentati, spiega l'esperto: in Ticino nel 2020 sono state raccolte una ventina di denunce per un danno di 3 milioni di franchi.

Interviste incredibili - «I pirati informatici spesso fanno leva sulla credibilità di qualcuno, che può essere un ente familiare a molti oppure un personaggio pubblico» spiega Trivilini. Un esempio è la contraffazione di interviste a nomi importanti dell'economia, dello sport o dello spettacolo: Roger Federer, Bill Gates, il magnate svizzero Ernesto Bertarelli. Nomi di richiamo a cui sono attribuite rivelazioni sul «segreto della ricchezza» o su «investimenti segreti», naturalmente inventate di sana pianta. 


screenshot allnews.to

La cornice mediatica - «Un aspetto da rilevare è che, spesso, questi tentativi di adescamento sono inseriti in un contesto credibile, anch'esso contraffatto in modo profilato in base al destinatario dell'inganno» osserva Trivilini. Ecco quindi che la fake-news è inserita nella cornice di una testata giornalistica locale, anche ticinese, di cui si sfrutta l'autorevolezza. 

 

Naviganti avvisati - A fare da esca la prospettiva di un guadagno facile, miracoloso; o la possibilità di approfittare di un errore di consegna, nel caso della Posta. «Attraverso un'alterazione della memoria, del linguaggio e dell'attenzione viene tesa una trappola in cui gli utenti meno preparati o emotivamente fragili possono cascare. Dopotutto, basta un click» avverte il professore della Supsi. 

Caccia al ladro - La Polizia cantonale ticinese e la Fedpol hanno attivato delle unità di cyber-security e dei gruppi di lavoro sul tema. «I criminali partono però con un vantaggio, per il fatto che si muovo con agilità attraverso i confini nazionali e attraverso triangolazioni informatiche e finanziarie fanno facilmente perdere le proprie tracce». La creazione di un coordinamento di polizia trans-nazionale è all'ordine del giorno in Europa e in Svizzera, ma la caccia è appena incominciata e durerà anni. «Nel frattempo, la cosa migliore è affidarsi al buonsenso e alla prevenzione, diffondendo la cultura della consapevolezza informatica». 

screenshot allnews.to
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
BREGGIA
1 ora
Gli alberi stanno tornando in piazza
Le piante erano state rimosse lo scorso marzo per i lavori di valorizzazione a Cabbio
MENDRISIO
3 ore
Si getta ancora la spugna, niente Fiera di San Martino
La tradizionale fiera di novembre non avrà luogo per il secondo anno di fila: «Decisione sofferta, ma obbligata»
LUGANO
4 ore
Oltre 7'200 veicoli controllati durante "Bimbi sicuri"
La maggioranza degli utenti della strada si comporta con prudenza, ma c'è qualche eccezione...
LUGANO
7 ore
Arresto "da film" sul lungolago: erano due truffatori
Le due persone fermate giovedì scorso sono sospettate di aver tentato una truffa di tipo "rip-deal".
CANTONE
9 ore
Un weekend con 38 contagi
Le strutture sanitarie accolgono 18 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
9 ore
Smaltire i rifiuti costerà meno
Dal primo gennaio 2022 il Cantone ha previsto una riduzione di dieci franchi per ogni tonnellata smaltita dai Comuni.
LUGANO
13 ore
Sempre più studenti ammassati sui bus
Grossi problemi su alcune linee. In particolare al mattino tra le 7.30 e le 8.15. La TPL cerca di correre ai ripari.
FOTO
CANTONE
13 ore
Fare del tempo libero un lavoro: alla Supsi si può
Il Bachelor in Leisure Management è un unicum in Svizzera. Ne abbiamo parlato con il responsabile Alessandro Siviero.
AUSTRIA
22 ore
Il vetraio Luca si porta a casa il bronzo
Una competizione memorabile per la Nazionale Svizzera delle professioni, che ha ottenuto 14 medaglie
CANTONE
23 ore
«C'è chi ha chiesto di entrare senza certificato, né mascherina»
Alle lamentele di alcuni familiari, che segnalano incongruenze nelle nuove normative, risponde il direttore di LIS.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile