keystone
LUGANO
27.07.21 - 08:010
Aggiornamento : 13:03

«Siamo in carcere, non a St. Moritz»

Un ex detenuto si è lamentato per il trattamento ricevuto alla Farera. La replica del direttore Laffranchini

Abituato agli alberghi a cinque stelle dell'Engadina e del Ticino - e a non pagarli - un 40enne italiano si è trovato male nelle carceri ticinesi. E ha scritto alle autorità d'oltre confine

LUGANO - Niente a che vedere con un hotel a cinque stelle, certo. Ma la cella occupata da un 40enne italiano alla Farera era «all'altezza degli elevati standard elvetici». Se non era abbastanza pulita, per i suoi gusti, è «colpa esclusivamente del detenuto». 

Le strutture carcerarie ticinesi di recente hanno dovuto rispondere ai reclami di un cliente difficile: padovano, di professione broker finanziario, nel 2019 era salito alla ribalta per una serie di conti stratosferici - non pagati - in alcuni degli hotel più lussuosi di Lugano e St. Moritz. Soprannominato lo "scroccone seriale", ha soggiornato nel carcere giudiziario di Lugano per un mese all'inizio di quest'anno. 

Anche qui lo "scroccone" non ha pagato nulla: in compenso le lamentele non sono mancate. «Scarsa igiene, appena un'ora d'aria assieme a spacciatori e assassini, e un rasoio in comune per piano». Accuse riportate in una lettera al Ministro della Giustizia italiano - e riportate dal Mattino di Padova - a cui il direttore delle carceri Stefano Laffranchini, contattato, ha risposto punto per punto. 

La Farera è un carcere «modernissimo» inaugurato nel 2006 «a seguito delle polemiche sulle celle pretoriali» ricorda Laffranchini. «La struttura soddisfa tutti gli standard svizzeri e per questo è stata sovvenzionata dalla Confederazione». Certo «non è un albergo» e per legge gli ospiti sottostanno a limitazioni «più rigide rispetto al carcere penale».

A cominciare dall'ora d'aria. Con 80 celle e 4 spazi comuni «è molto difficile organizzare i gruppi di detenuti in modo da evitare il rischio di collusione tra persone toccate dalla stessa inchiesta o inchieste contigue» spiega Laffranchini. «Raggruppare i detenuti in base al tipo di reato sarebbe infattibile».

Il carcere preventivo deve prevenire anche il rischio di suicidi. Bandite cinture, stringhe delle scarpe e lamette da barba. «Statisticamente i tentativi di gesti estremi sono più frequenti durante la prima carcerazione, a causa dello shock». Ai detenuti «viene fornito un rasoio elettrico in comune, è vero, ma non uno per piano. E viene disinfettato dopo ogni utilizzo dalle guardie». 

Per quanto riguarda la pulizia della cella, infine, «è responsabilità esclusiva del detenuto, a cui forniamo tutti i prodotti necessari» sottolinea Laffranchini. Certo «non possiamo fornire un servizio di pulizie in camera» come all'hotel Splendid o al Badrutt's Palace (dove il 40enne ha lasciato uno scoperto di 211mila franchi nel 2018). Se la stanza alla Farera era poco pulita «vuol dire che l'ospite non si è dato abbastanza da fare». Forse, non era abituato a usare ramazza e detersivo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
4 ore
Ben 34 franchi per 9 ore di autosilo: «Ma non mi scandalizzo»
L'episodio diventa lo spunto per una chiacchierata sulla mobilità col futuro sindaco Michele Foletti.
CANTONE
6 ore
Anticorpi anomali coinvolti nel 20% dei decessi da Covid-19
All'importante scoperta hanno contribuito anche due ricercatori dell'EOC: Alessandro Ceschi e Paolo Merlani.
CANTONE
7 ore
Suter con la maglia UDC, Speziali: «Non è il Massimo»
Botta e risposta tra il presidente PLR Speziali e il presidente di GastroTicino che passa all'UDC
CANTONE
7 ore
«Il 9 aprile è stato un giorno molto triste»
Si è concluso il processo per il delitto di Muralto. La sentenza sarà pronunciata venerdì 1. ottobre
CANTONE
9 ore
Il permesso B? «Non è un reale domicilio»
Il Tribunale federale ha chiarito un punto importante per gli stranieri che chiedono una residenza in Ticino
FOTO
CANTONE
9 ore
Un expo virtuale ticinese, una prima mondiale
Ated-ICT Ticino e il partner ADVEPA hanno lanciato un progetto all'avanguardia per le aziende ticinesi
CANTONE
10 ore
La difesa: «L’imputato ha già pagato»
L’avvocato Ravi ha chiesto una condanna per omicidio colposo e la scarcerazione immediata.
FOTO
ASCONA
11 ore
New Orleans e Ascona, il gemellaggio celebrato da un'opera di street art
Realizzato da due sorelle valmaggesi, il dipinto verrà presentato questo sabato a suon di jazz e... jambalaya
CANTONE
12 ore
Ha ucciso per soldi? «Non è credibile»
Il processo per il delitto di Muralto del 9 aprile 2019 si è oggi riaperto con l’arringa difensiva
CANTONE
12 ore
Meno ricoverati e casi in Ticino, ma c'è un altro morto
Stabili i positivi, oggi 26. Non ci sono nuove quarantene di classe.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile