deposit
BELLINZONA
23.07.21 - 08:050
Aggiornamento : 13:40

Ha "fregato" la madre e tre morose

Un insolvente seriale del Bellinzonese di nuovo nei guai con la giustizia. Questa volta potrebbe essere l'ultima (forse)

BELLINZONA - Ha truffato ben tre morose, tre datori di lavoro, un ex compagno di cella. Persino la madre. In pratica, tutte le persone con cui ha avuto a che fare negli ultimi quattro anni: da quando cioè tio.ch/20minuti ha iniziato a occuparsi di lui a seguito di una serie di denunce.

Amici, parenti. Supermercati, imbianchini, casalinghe, avvocati. Aziende di telecomunicazioni, enti pubblici, negozi. In tutto 113 persone fisiche o giuridiche. Tante figurano nell'atto d'accusa con cui il procuratore Andrea Balerna ha chiesto la condanna dell'insolvente seriale, che martedì è stato condannato a 2 anni di carcere. 

Il 31enne, di professione informatico ed esperto di marketing, era uscito di galera una prima volta nel 2018, a seguito di un'indagine condotta dal Pp Andrea Minesso. Ma si è guardato bene dallo stare inattivo, anche durante la pandemia. Anzi. Dopo essersi finto malato di Covid per non pagare alcuni debitori, l'uomo avrebbe iniziato a sottrarre soldi anche a famigliari e conviventi. Duemila franchi a una prima fidanzata, altri duemila a una seconda, circa cinquemila a una terza: denaro che le donne gli consegnavano, in buona fede, per pagare imposte, affitti, mobili, e che lui intascava di nascosto. In un caso, è arrivato a sottrarre soldi e gioielli (per circa 1300 franchi) anche alla figlia minorenne della convivente. 

Accortesi degli ammanchi, le fidanzate lo hanno lasciato e denunciato, una dopo l'altra. Lo stesso hanno fatto infine anche i genitori, dopo aver scoperto che tra gennaio e maggio 2020 il figlio aveva ordinato su internet a nome loro qualcosa come 14 iPhone ed elettrodomestici vari, per un totale di 46 acquisti (19.700 franchi). Prodotti che poi rivendeva tenendo per sé il profitto. Tra le vittime del truffatore persino un ex compagno di cella: durante la prigionia alla Stampa, si era fatto convincere dal 31enne a consegnargli una carta di credito, per avviare insieme un'attività online. Tornato per primo in libertà, l'aveva utilizzata per spese personali (2 300 franchi). 

Ora i due potrebbero rincontrarsi. Il giudice delle Assise correzionali di Bellinzona lo ha condannato a 2 anni di detenzione e a 7 anni di espulsione dalla Svizzera. Alla corte il 31enne si è dichiarato colpevole e pronto a cambiare vita. Sarà. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
33 min
«La lentezza degli aiuti da parte delle autorità è costata vite umane».
Le riflessioni del Segretario UNIA Ticino, Giangiorgio Gargantini, a oltre un anno e mezzo dall'inizio della pandemia.
FOTO
BELLINZONA
2 ore
Violento scontro tra auto e muro durante la notte
L'incidente è avvenuto intorno all'una di mattino sulla cantonale.
CANTONE
3 ore
Gioco erotico o assassinio? Al via il processo sul delitto al La Palma
Alla sbarra un 31enne tedesco che dovrà rispondere dell'omicidio della sua compagna inglese di 22 anni.
CANTONE
3 ore
Dal vaccino alla poppata, una traversata lunga 9 mesi
Le risposte del Primario di ginecologia e del Pediatra neonatologo ai dubbi che assillano le donne incinte
CANOBBIO
9 ore
“Tutti in gioco” è sempre più in partita tra divertimento e Vip
 «È una grande gioia» spiega l'ideatrice Simona Gennari «vedere i progressi di tutti gli allievi»
CANTONE
12 ore
«Vogliamo che Agno diventi lo scalo dei furbi?»
Giancarlo Seitz sulla sicurezza dello scalo luganese: «Da due anni non c'è più nemmeno la Polizia cantonale».
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
12 ore
L'estate sta finendo... è arrivata la prima neve
In Ticino il limite delle nevicate è sceso a 2'200 metri. A Goms, in Vallese, qualche fiocco è arrivato a 1'300 metri
LUGANO
14 ore
«Hanno lanciato sassi, per questo gli agenti hanno sparato»
Il Comandante della polizia di Lugano: «Tutta l'operazione si è svolta nel rispetto delle norme di proporzionalità».
CANTONE
16 ore
Semine e Locarno, nessun arbitro per tre settimane
La Commissione arbitrale della FTC ha deciso che non invierà fischietti fino al 10 ottobre.
FOTO
LOCARNO
19 ore
Tutto il Fevi in piedi per la “sua” Loredana
Un fortissimo e caloroso abbraccio ha stretto il pubblico locarnese alla cantante.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile