Cinquantesimo giorno senza decessi in Ticino
Tamedia/Raphael Moser
CANTONE
16.07.21 - 10:100
Aggiornamento : 10:58

Cinquantesimo giorno senza decessi in Ticino

I contagi odierni sono diciassette, mentre negli ospedali ticinesi restano ricoverate cinque persone.

Attualmente più del 44% della popolazione ticinese è completamente vaccinato.

BELLINZONA - La situazione epidemiologica continua sulla falsa riga delle scorse settimane. E i contagi odierni - seppure più bassi rispetto a quelli dei giorni precedenti (vedi sotto) - confermano comunque la tendenza al leggero rialzo registrata nel mese di luglio. Sono infatti 17 i nuovi positivi contabilizzati nel nostro cantone nelle ultime 24 ore che portano il totale a 33'492 da inizio crisi.

Cinquanta giorni senza decessi - Ieri se ne sono registrati 37, mercoledì 38, martedì 14, mentre durante il weekend erano stati 37, spalmati però su 72 ore. Lo scorso venerdì, per fare un confronto a distanza di una settimana, se ne contavano invece 21. Neppure oggi si segnalano ulteriori vittime da imputare al virus. Il totale delle persone morte da inizio pandemia resta quindi fermo a quota 995, con l'ultimo decesso che risale allo scorso 27 maggio, ovvero 50 giorni fa.


Tio.ch / 20 minuti

CInque in ospedale - I numeri dei contagi in leggera crescita non hanno per ora provocato grossi grattacapi agli ospedali ticinesi, dove restano degenti i cinque pazienti ricoverati durante lo scorso weekend. Nel reparto di cure intense resta ricoverato un paziente: il cinquantenne che - come aveva comunicato mercoledì il medico cantonale Giorgio Merlani - era stato vaccinato all'estero con un preparato non omologato né da Swissmedic, né dall'Unione europea.

Più di 350mila dosi inoculate - I dati relativi alla campagna di vaccinazione, aggiornati a domenica 11 luglio, riportano che il 44,4% della popolazione (156'229 persone) è ora completamente immunizzato, avendo ricevuto entrambe le dosi di vaccino, mentre sono 353'307 le dosi finora somministrate.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Don Quijote 2 mesi fa su tio
Alleluia, i becchini piangono miseria, ma stranamente i necrologi nei giornali riportano tutti i giorni parecchi morti!
ivandaronch 2 mesi fa su tio
Veramente strano modo di informare. Vivo nel regno unito e il sistema e' lo stesso. A me', non vaccinato, piacerebbe sapere dei nuovi positivi quanto sono vaccinati ma positivi... Non lo dicono di sicuro.. ne in UK ne in Ch ne da nessuna parte. Sveglia gente, ora da finila da beev tuut che che ghe' nel biceer.
Ala 2 mesi fa su tio
Quando potrete dire: 50 giorni senza morti di tumore, di malattie cardiache o a causa di suicidio (per citare solo alcune cause) allora si che la notizia avrebbe un senso. Messa così è un affronto a tutte le persone ricoverate che lottano per qualche giorno di vita in più. Giornalismo vergognoso servo di un'informazione tendenziosa
pillola rossa 2 mesi fa su tio
Chiudiamo tutto per sicurezza
marco17 2 mesi fa su tio
@pillola rossa in questo caso cominciamo con il chiudere i centri di vaccinazione.
pillola rossa 2 mesi fa su tio
@marco17 Non sia mai...
Fkevin 2 mesi fa su tio
Quando arriviamo a 1000 decessi vediamo cosa scrivono i giornali e cosa fa il cantone. Da i fiori come ai vaccinati o li paga le onoranze funebri? Speriamo che non sia un 50 enne perché se no altre notizie da paura.
marco17 2 mesi fa su tio
Strano modo di informare: se i contagi aumentano di una o due unità da un giorno all'altro, si titola "nuovo aumento dei contagi"; se dimezzano da un giorno all'altro, allora si cercano altri dati per continuare a parlare di aumento. Giornalismo acritico al servizio della "panicodemia" che fa più danni del coronavirus.
Blobloblo 2 mesi fa su tio
@marco17 Esattamente!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
56 min
«Hanno lanciato sassi, per questo gli agenti hanno sparato»
Il Comandante della polizia di Lugano: «Tutta l'operazione si è svolta nel rispetto delle norme di proporzionalità».
CANTONE
2 ore
Semine e Locarno, nessun arbitro per tre settimane
La Commissione arbitrale della FTC ha deciso che non invierà fischietti fino al 10 ottobre.
FOTO
LOCARNO
5 ore
Tutto il Fevi in piedi per la “sua” Loredana
Un fortissimo e caloroso abbraccio ha stretto il pubblico locarnese alla cantante.
BELLINZONA
8 ore
Tensione alle stelle, rissa e partita sospesa
Doveva essere un incontro (calcistico) quello fra Semine e Locarno. Ma si è trasformato in scontro (fisico).
CANTONE
11 ore
Il terrorismo sbarca a Lugano, raccontato da chi l'ha vissuto
La figlia di Aldo Moro insieme ai colpevoli: una «giustizia riparativa» per andare avanti
MENDRISIO
23 ore
«Salverei il mio rosso che è stato servito anche alla Casa Bianca»
Novantadue anni lui, 190 l'azienda. Cesare Valsangiacomo racconta perché l'attuale non è la stagione più difficile
LUGANO
1 gior
Festa non autorizzata nel parco di Villa Saroli
La scorsa notte la polizia è intervenuta per disperdere oltre un centinaio di giovani e ripristinare la quiete pubblica
CANTONE
1 gior
Caso Eitan: «Nessun controllo dalla Polizia cantonale»
La precisazione dopo la fuga passata dallo scalo di Agno: «Non siamo stati noi a intervenire»
CANTONE / BERNA
1 gior
«Noi donne non rendiamo meno degli uomini. Nè sul lavoro, nè a casa»
Sindacati e organizzazioni femministe a Berna contro la riforma dell'AVS.
LUGANO
1 gior
Il nonno di Eitan fermato dalla polizia ticinese per un controllo
Poche le informazioni invece sul misterioso guidatore che ha accompagnato i due all'aeroporto.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile