Ti-Press
BELLINZONA
07.07.21 - 08:410

«Continua a fare propaganda all'Isis anche in prigione»

Inizia oggi al Tribunale penale federale il processo d'appello di un 53enne iracheno condannato lo scorso ottobre.

Il Ministero pubblico della Confederazione ha aperto un nuovo procedimento a causa del suo comportamento problematico in carcere.

BELLINZONA - Al Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona inizia oggi l'udienza d'appello per un 53enne iracheno condannato lo scorso ottobre dallo stesso TPF a cinque anni e dieci mesi di prigione per sostegno al sedicente Stato islamico (Isis). Il Ministero pubblico della Confederazione ha aperto un nuovo procedimento a causa del suo comportamento problematico in carcere.

Stando a quanto pubblicato ieri dal Tages-Anzeiger, l'uomo di origine curda - arrestato nel 2017 e da allora detenuto - «continua a fare propaganda per l'Isis» anche nella prigione cantonale di Frauenfeld, dove sta scontando la pena. Avrebbe persino dato ordine dalla prigione di uccidere la sua ex moglie.

L'8 ottobre 2020, la Corte penale del TPF aveva pronunciato una pena di 70 mesi e l'espulsione per 15 anni dalla Svizzera. Una sentenza più clemente rispetto ai 6 anni e 9 mesi richiesti dall'accusa, che voleva anche l'internamento. L'uomo, che vive in Svizzera da oltre 20 anni senza aver mai avuto lavori regolari, era stato condannato per aver agito a più riprese dalla Confederazione per conto dell'Isis. Aveva contatti con i dirigenti dell'organizzazione terrorista ed era lui stesso un quadro di livello intermedio del sedicente Stato islamico.

L'uomo aveva poi depositato ricorso, ma, a metà gennaio, la Corte dei reclami penali del TPF ha giudicato rispettato il principio di proporzionalità da parte dell'istanza precedente. Inoltre, ha considerato fondato il pericolo di fuga, già avanzato dal Tribunale delle misure coercitive bernese.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MENDRISIO
5 ore
«Salverei il mio rosso che è stato servito anche alla Casa Bianca»
Novantadue anni lui, 190 l'azienda. Cesare Valsangiacomo racconta perché l'attuale non è la stagione più difficile
LUGANO
6 ore
Festa non autorizzata nel parco di Villa Saroli
La scorsa notte la polizia è intervenuta per disperdere oltre un centinaio di giovani e ripristinare la quiete pubblica
CANTONE
8 ore
Caso Eitan: «Nessun controllo dalla Polizia cantonale»
La precisazione dopo la fuga passata dallo scalo di Agno: «Non siamo stati noi a intervenire»
CANTONE / BERNA
8 ore
«Noi donne non rendiamo meno degli uomini. Nè sul lavoro, nè a casa»
Sindacati e organizzazioni femministe a Berna contro la riforma dell'AVS.
LUGANO
15 ore
Il nonno di Eitan fermato dalla polizia ticinese per un controllo
Poche le informazioni invece sul misterioso guidatore che ha accompagnato i due all'aeroporto.
BELLINZONA
15 ore
Il Palazzo delle Orsoline e la fontana si accendono di arancione
La settimana d’azione “Sicurezza dei pazienti 2021”, appena terminata, mira a sensibilizzare l'opinione pubblica
LUGANO
15 ore
Premi svizzeri di musica consegnati al LAC
Alla cerimonia era presente anche il Consigliere federale Alain Berset
LUGANO
1 gior
Eitan in aeroporto: «Non potevamo saperlo»
Lugano-Airport si smarca sul caso del piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone
CANTONE
1 gior
Un'altra settimana di radar
Ecco dove rischierete di essere "flashati" da lunedì
CANTONE
1 gior
Il settore turistico ticinese ha retto il duro colpo della pandemia
Le autorità fanno il punto della situazione: i pernottamenti sono aumentati, anche grazie a campagne e promozioni
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile