Keystone (archivio)
CANTONE / SVIZZERA
29.06.21 - 08:000
Aggiornamento : 10:50

L'assassino di Obino resta in carcere

Il Tribunale federale ha respinto la richiesta di congedo dell'uomo, che sta scontando una condanna a vita.

Il 25 marzo 2010 aveva soffocato la moglie incinta nella loro casa di Obino.

LOSANNA - Le porte del carcere per il famigerato assassino di Obino restano chiuse. Il Tribunale federale ha infatti respinto la richiesta di congedo (breve permesso per uscire dal carcere) dell'uomo che sta scontando una condanna a vita per aver ucciso la moglie nella loro casa di Obino (Castel San Pietro) il 25 marzo 2010. 

Per i giudici di Mon Repos, che hanno pure bocciato il trasferimento dell'assassino in una sezione aperta del carcere, esiste infatti «sia un rischio di fuga» sia un «pericolo di recidiva». Il detenuto, secondo la sentenza, potrebbe infatti scappare in Italia, «Paese di cui è anche cittadino e in cui mantiene legami familiari e migliori prospettive di reinserimento professionali». 

Delitto efferato - I fatti avvenuti quella sera di ormai undici anni fa avevano scosso il Ticino. Il delitto fu infatti tra i più raccapriccianti mai avvenuti nel nostro cantone, soprattutto per le motivazioni «egoistiche» che spinsero l'uomo a somministrare dapprima una forte dose di sonnifero alla moglie incinta (di quattro mesi) per poi soffocarla.

La Corte delle Assise criminali di Lugano che il 24 novembre di quello stesso anno sentenziò l'ergastolo per i reati di assassinio e d'interruzione punibile della gravidanza giustificò questa scelta con «l'efferatezza» del delitto commesso dal marito che ha agito «in modo egoistico e cruento».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
13 min
Stabili positivi e ricoverati, ma c'è un nuovo morto
I pazienti Covid restano 19, di cui 7 si trovano in terapia intensiva.
CANTONE
1 ora
«La lentezza degli aiuti da parte delle autorità è costata vite umane»
Le riflessioni del Segretario UNIA Ticino, Giangiorgio Gargantini, a oltre un anno e mezzo dall'inizio della pandemia.
FOTO
BELLINZONA
3 ore
Violento scontro tra auto e muro durante la notte
L'incidente è avvenuto intorno all'una di mattino sulla cantonale.
CANTONE
3 ore
Gioco erotico o assassinio? Al via il processo sul delitto al La Palma
Alla sbarra un 31enne tedesco che dovrà rispondere dell'omicidio della sua compagna inglese di 22 anni.
CANTONE
4 ore
Dal vaccino alla poppata, una traversata lunga 9 mesi
Le risposte del Primario di ginecologia e del Pediatra neonatologo ai dubbi che assillano le donne incinte
CANOBBIO
10 ore
“Tutti in gioco” è sempre più in partita tra divertimento e Vip
 «È una grande gioia» spiega l'ideatrice Simona Gennari «vedere i progressi di tutti gli allievi»
CANTONE
13 ore
«Vogliamo che Agno diventi lo scalo dei furbi?»
Giancarlo Seitz sulla sicurezza dello scalo luganese: «Da due anni non c'è più nemmeno la Polizia cantonale».
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
13 ore
L'estate sta finendo... è arrivata la prima neve
In Ticino il limite delle nevicate è sceso a 2'200 metri. A Goms, in Vallese, qualche fiocco è arrivato a 1'300 metri
LUGANO
15 ore
«Hanno lanciato sassi, per questo gli agenti hanno sparato»
Il Comandante della polizia di Lugano: «Tutta l'operazione si è svolta nel rispetto delle norme di proporzionalità».
CANTONE
17 ore
Semine e Locarno, nessun arbitro per tre settimane
La Commissione arbitrale della FTC ha deciso che non invierà fischietti fino al 10 ottobre.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile