Ti Press
LUGANO
22.06.21 - 18:040

Cinque ore di domande «puntigliose» e di risposte «precise»

Il sindaco di Lugano Marco Borradori ha rilasciato alcune dichiarazioni alla stampa dopo l'interrogatorio in Procura.

Bocche cucite invece da parte degli altri quattro municipali sentiti dal Ministero pubblico: Karin Valenzano Rossi, Lorenzo Quadri, Michele Foletti e Filippo Lombardi.

LUGANO - «Il procuratore pubblico è stato molto puntiglioso nelle domande e penso di essere stato anch'io preciso nelle mie risposte». È stata questa la prima dichiarazione rilasciata "a caldo" alla Regione dal sindaco di Lugano Marco Borradori, interrogato per oltre cinque ore dal Procuratore generale Andrea Pagani in merito alla demolizione dell'ex Macello, avvenuta la sera del 29 maggio scorso. Un procedimento penale, quello aperto il 1. giugno, le cui ipotesi di reato, al momento contro ignoti, sono violazione intenzionale, subordinatamente colposa, delle regole dell'arte edilizia, infrazione alla Legge federale sulla protezione dell'ambiente e abuso di autorità.

Davanti all'ingresso principale del Palazzo di giustizia, Borradori ha ribadito come la situazione, quella sera di fine maggio, non sia sfuggita di mano all'esecutivo: «Semplicemente ci siamo trovati di fronte a una scelta drastica, urgente, immediata. E abbiamo preso una decisione, l'unica che prenderei ancora adesso. Perché se qualcuno mi viene a dire che è urgente io mi fido fino a prova del contrario».

Parole quelle del sindaco di Lugano che sembrerebbero quindi attribuire le responsabilità della demolizione alla Polizia, anche se lo stesso Borradori per ora non vuol sentir parlare di «colpe»: «Staremo a vedere, c'è un'inchiesta che appurerà che tipo di colpe hanno, eventualmente, la forze dell'ordine e che colpe abbiamo avuto noi, se ne abbiamo avute», ha spiegato, ribadendo di essere tranquillo e aggiungendo di aver consegnato al procuratore generale, di sua spontanea volontà, i suoi tabulati telefonici.

Durante la giornata odierna sono stati sentiti anche altri quattro membri dell'esecutivo: Karin Valenzano Rossi, Lorenzo Quadri, Michele Foletti e Filippo Lombardi. Tutti quanti non hanno ritenuto opportuno rilasciare dichiarazioni. «Per rispetto dell'articolo 292 del Codice di procedura penale che mi è stata imposta fino al 30 novembre non posso dire nulla. Ma è stata una bella sudata», è stata l'unica battuta strappata a uno di loro. 

Non sono invece stati interrogati Roberto Badaracco e Cristina Zanini Barzaghi, i quali si erano opposti alla decisione di demolire l'ex sede degli autogestiti.

Art. 292 - Disobbedienza a decisioni dell’autorità
Chiunque non ottempera a una decisione a lui intimata da una auto­rità competente o da un funzionario competente sotto commina­toria della pena prevista nel presente articolo, è punito con la multa.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CURIO
12 ore
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
13 ore
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
13 ore
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
14 ore
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
CANTONE
15 ore
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
19 ore
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
20 ore
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
CANTONE
23 ore
In Ticino 18 positivi e due nuovi ricoverati
I pazienti Covid che necessitano di cure ospedaliere salgono a 11 in tutto.
FOTO
CANTONE
23 ore
«Dentro il tunnel c'era uno scenario apocalittico»
Era il 24 ottobre 2001, quando nella galleria del San Gottardo morirono undici persone in un tragico incendio
CANTONE
1 gior
«Le ragazze non sono tornate»
Da qualche mese i locali a luci rosse dovrebbero aver ripreso l'attività a pieno regime. Ma così non è.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile