Dipartimento del territorio
Il 7 ottobre a Camedo si sono staccati circa 2'000 metri cubi di rocca e terra che hanno bloccato la strada delle Centovalli.
CANTONE / SVIZZERA
16.06.21 - 14:360
Aggiornamento : 18:08

I danni del maltempo? Soprattutto in Ticino e a Lucerna

Il 2020 rientra fra i dieci anni con meno danni. I costi complessivi aumentano a quaranta milioni di franchi

BERNA - È da quarantanove anni che in Svizzera si raccolgono dati sui danni dovuti a piene, colate detritiche, slittamenti e processi di crollo. E il 2020 rientra fra i dieci anni in cui ne sono stati registrati meno. Dei complessivi quaranta milioni di franchi di danni, l'82% è dovuto a piene, ruscellamenti superficiali e colate detritiche. I danni riconducibili a slittamenti (10%) e processi di crollo (8%) sono stati relativamente pochi, ma la loro percentuale sul totale dei costi dello scorso anno è stata tuttavia superiore alla media, come fa sapere oggi l'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio (WSL).

Ma come si spiega un totale dei danni più basso del solito? Da un lato, spiega ancora il WSL, visti i lunghi periodi di siccità ci sono stati pochi danni dovuti alle condizioni meteorologiche, dall’altro le misure tecniche e organizzative contro i pericoli naturali hanno dimostrato la propria efficacia impedendo o perlomeno limitando i danni.

La metà dei danni in sei giorni - La maggior parte dei costi (e si parla di oltre la metà) è stata causata da piene dovute a temporali o piogge persistenti durante i mesi estivi, che hanno interessato ripetutamente in particolare la regione di Lucerna e il Ticino.

Per quanto riguarda il Ticino, si parla di due eventi in particolare. Il 7 giugno, soprattutto nel distretto di Lugano le precipitazioni temporalesche hanno causato allagamenti di cantine e strade. Molto maggiori sono poi state le conseguenze delle abbondanti precipitazioni del 28 agosto in Ticino e nelle regioni confinanti dei Grigioni, che hanno dato origine a inondazioni, slittamenti e cadute di sassi.  A Bissone e Gambarogno è stato necessario evacuare diverse case. In molti luoghi ci sono state interruzioni e limitazioni della circolazione stradale e ferroviaria, dozzine di persone sono inoltre rimaste isolate.

Nell’area di Lucerna, i violenti temporali del 26 giugno e dei primi due giorni di luglio hanno prodotto danni notevoli, generalmente causati da inondazioni dovute al ruscellamento superficiale. Le masse d’acqua hanno inondato cantine, garage sotterranei e sottopassaggi. Nella città di Lucerna, gli appartamenti di una casa plurifamiliare nel quartiere di Würzenbach sono stati devastati dai flutti del Gerlisbergbach e ci sono state interruzioni del traffico a causa delle strade allagate. Notevoli sono stati i danni anche a Ruswil, dove diversi torrenti hanno rotto gli argini.

Piogge da record, ma pochi danni - Le misure di protezione adottate nel nostro paese e la preparazione delle forze d'intervento si sono mostrate particolarmente efficaci lo scorso autunno, quando sul paese si è abbattuto il ciclone Brigitte con piogge da record. I danni sono infatti stati limitati.

Nel Canton Uri, per esempio, l’autostrada è stata chiusa, e tra Attinghausen e Flüelen il fiume alluvionale Reuss è stato convogliato sulla A2 tramite lo scaricatore di piena. In questo modo è stato possibile risparmiare alla regione alluvioni su vasta scala. A Diesbach e Bettschwanden (GL) il rapido intervento dei pompieri ha impedito che le masse di detriti del Diesbach in piena travolgessero i paesi. Anche a Locarno tutti erano preparati e l’area nelle vicinanze del lago è stata evacuata già il giorno prima delle inondazioni.

Un decesso - In ottobre, a Finhaut (VS) una persona ha perso la vita perché la sua auto è stata colpita dalla caduta di massi. Per quanto riguarda il 2020 si è trattato dell’unico decesso causato dai processi presi in considerazione.

Corpo pompieri dell Città di Lucerna
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
37 min
Sempre più studenti ammassati sui bus
Grossi problemi su alcune linee. In particolare al mattino tra le 7.30 e le 8.15. La TPL cerca di correre ai ripari.
FOTO
CANTONE
37 min
Fare del tempo libero un lavoro: alla Supsi si può
Il Bachelor in Leisure Management è un unicum in Svizzera. Ne abbiamo parlato con il responsabile Alessandro Siviero.
AUSTRIA
9 ore
Il vetraio Luca si porta a casa il bronzo
Una competizione memorabile per la Nazionale Svizzera delle professioni, che ha ottenuto 14 medaglie
CANTONE
10 ore
«C'è chi ha chiesto di entrare senza certificato, né mascherina»
Alle lamentele di alcuni familiari, che segnalano incongruenze nelle nuove normative, risponde il direttore di LIS.
CANTONE
13 ore
Guasto sulla linea e i treni vanno in tilt
Disagi importanti per chi oggi pomeriggio viaggia su rotaia con ritardi che continuano a protrarsi
CANTONE
14 ore
Matrimonio per tutti: «Ha vinto l'amore»
I Verdi applaudono quella che definiscono una «vittoria storica».
CANTONE
15 ore
Ribaltone alle urne: Ghiringhelli canta vittoria
L'iniziativa sulla legittima difesa è stata approvata dai ticinesi con il 52,4 per cento di voti favorevoli
AGNO
16 ore
Fiamme in un negozio di parrucchiere
I pompieri sono intervenuti a mezzogiorno in piazza Vicari ad Agno
CHIASSO
17 ore
«È davvero possibile, siamo tornati a vivere!»
Un successo il party di Nebiopoli, organizzato dal Comitato direttivo del Carnevale.
CANTONE
19 ore
Ultime gocce, poi un tiepido autunno
Ancora qualche precipitazione, specie nel Sottoceneri, poi di nuovo il sole.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile