Ti-Press (archivio)
LUGANO
11.06.21 - 06:290
Aggiornamento : 08:19

È positivo al Covid: e il suo numero finisce (senza permesso) agli esperti

Il caso di un 40enne luganese riapre il dibattito sulla tutela della privacy in tempo di pandemia.

A contattarlo, i responsabili di due grandi studi sul coronavirus. Ma chi ha dato loro il suo recapito? Claudio Camponovo, responsabile del check point del Conza: «C'è stato un errore. Ma vi spiego perché potete stare tranquilli».

LUGANO - Positivo al coronavirus e il suo numero di cellulare viene divulgato a terzi senza alcuna autorizzazione. È accaduto di recente a un 40enne del Luganese. Dopo il tampone, risultato positivo, effettuato al Conza, è stato contattato sia dall'Epatocentro sia dal Cardiocentro. «Volevano chiedermi se volessi partecipare a degli studi inerenti il Covid. Al di là della mia risposta, la domanda chiave è: chi ha dato a queste persone i miei riferimenti?»

La busta – Il tema della protezione della privacy torna periodicamente d'attualità da quando è iniziata la pandemia. Il 40enne in questione si dimostra parecchio irritato: «Prima di fare il tampone, mi è stata consegnata una busta. Da aprire solo in caso di positività al Covid. L'ho dunque aperta. E nella lettera si accennava all'eventualità di un mio coinvolgimento in uno studio. Non essendo interessato, ho buttato il tutto». 

«Episodio vergognoso» – Nei giorni successivi però arriveranno le due telefonate. Da due strutture sanitarie ben distinte. «Voglio precisare che io al Conza non ho firmato alcun documento che consentisse la divulgazione dei miei dati personali ad altri enti. Le due persone che mi hanno chiamato sono state gentili, assolutamente. Ma trovo vergognoso che fossero in possesso del mio numero di telefono privato. Capisco la situazione pandemica e la necessità di coinvolgere e responsabilizzare i cittadini, ma a tutto c'è un limite». 

«Errore di comunicazione» – Quanto accaduto al 40enne sarebbe capitato anche ad altre persone. «Sicuramente c'è stato un errore di comunicazione – ammette Claudio Camponovo, medico e responsabile del check point di Lugano –. Sono in corso due importantissimi studi sul Covid. Il medico di turno al checkpoint dovrebbe sempre chiedere alla persona che ha fatto il test se è d'accordo che i suoi dati vengano trasmessi a terzi. Di solito funziona così. Evidentemente in alcuni casi questo dettaglio fondamentale è stato sottovalutato. Va pur sempre ricordato che effettuiamo un centinaio di tamponi al giorno. Circa 12.000 da quando è iniziata la pandemia». 

«Nulla di cui preoccuparsi» – Camponovo non si nasconde. Ma tranquillizza comunque la popolazione. «I due studi clinici in questione sono accettati e autorizzati dal comitato etico cantonale. Solo un piccolo gruppo di persone è a conoscenza dei dati e dei contatti personali dei pazienti. Non c'è nulla di cui preoccuparsi dunque. Certo, sarebbe magari più ottimale fare firmare una delibera al momento in cui il paziente si presenta al checkpoint, prima del test. Ma si rischierebbe di creare inutili code. Non ci sembrava il caso». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
9 ore
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
MENDRISIO
11 ore
La biblioteca si trasferisce e diventa una palestra
Il progetto SportAcademy riunirà sotto lo stesso tetto, a Genestrerio, diverse discipline sportive.
CANTONE
16 ore
Salario minimo: «La situazione va monitorata»
Le parti convocate al tavolo delle discussioni hanno condiviso che la deroga prevista per i CCL non va stralciata.
CANTONE
16 ore
Fattacci fra Semine e Locarno, arrivano le prime sospensioni
Per far luce sull'accaduto è stata pure avviata un'inchiesta, il cui rapporto è atteso a inizio ottobre.
CANTONE
18 ore
In Ticino 36 contagi e un altro decesso
Le persone ospedalizzate a causa del coronavirus salgono a 16, sei delle quali in terapia intensiva.
CANTONE
22 ore
Il monopattino è roba da grandi
I monopattini elettrici sono vietati ai minori di 14 anni. Ma spesso i genitori non lo sanno
CANTONE
22 ore
Pfizer, Moderna e l'apparenza che inganna
Il farmacista cantonale rassicura: «Un vaccino vale l'altro, come efficacia e come effetti collaterali».
LUGANO
1 gior
Ben 34 franchi per 9 ore di autosilo: «Ma non mi scandalizzo»
L'episodio diventa lo spunto per una chiacchierata sulla mobilità col futuro sindaco Michele Foletti.
CANTONE
1 gior
Anticorpi anomali coinvolti nel 20% dei decessi da Covid-19
All'importante scoperta hanno contribuito anche due ricercatori dell'EOC: Alessandro Ceschi e Paolo Merlani.
CANTONE
1 gior
Suter con la maglia UDC, Speziali: «Non è il Massimo»
Botta e risposta tra il presidente PLR Speziali e il presidente di GastroTicino che passa all'UDC
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile