Tipress
CANTONE
02.06.21 - 14:180
Aggiornamento : 15:05

Il Molino scende in “Piazza Rivolta”, e scatta l'interpellanza

Undici deputati leghisti chiedono controlli alla frontiera per evitare una possibile escalation dei disordini

LUGANO / BELLINZONA - «Le nostre idee non si sgomberano». È con queste parole che il CSOA Il Molino dà appuntamento per la manifestazione di sabato 5 giugno, che avrà luogo alle 13.30 a Lugano «in Piazza Rivolta, fu Riforma». Una manifestazione annunciata nell'assemblea pubblica dello scorso lunedì e che rilancia «la mobilitazione a oltranza in risposta allo sgombero».

L'interpellanza: «Controlli in dogana» - E scatta subito l'interpellanza urgente della Lega (sottoscritta da undici deputati, con primo firmatario Alessandro Gnesa) al Consiglio di Stato per chiedere se «le dogane ticinesi rafforzeranno i controlli in entrata dall'Italia su suolo elvetico per evitare, o almeno contenere, una possibile escalation dei disordini che potrebbero verificarsi a Lugano».

Il timore degli interpellanti è che nell'ambito della manifestazione non autorizzata «frange estremiste, simpatizzanti del (ex) mulino provenienti dalla vicina Italia possano raggiungere il Ticino, e quindi Lugano».

Le raccolte firme - Nel frattempo lo “scontro” avviene anche sul web, dove negli scorsi giorni sono infatti state lanciate due raccolte firme. L'una in difesa dell'autogestione, che chiede al Municipio di Lugano di «rivedere la sua politica repressiva» impegnandosi a trovare «soluzioni concrete e accettabili». L'altra, promossa dal deputato leghista Stefano Tonini, vuole invece essere una manifestazione di solidarietà nei confronti del Municipio di Lugano e del sindaco Marco Borradori, dopo i fatti degli ultimi giorni.

Le domande al Consiglio di Stato

  1. Il Consiglio di Stato ha preso contatto con il Consiglio Federale per richiedere di rafforzare il controllo in entrata alla frontiera con l’Italia durante il periodo tra il 3 giugno e il 5 giugno?
  2. In merito alla pandemia COVID-19, l’Italia risulta essere un paese non a rischio, di conseguenza il CF non prevede delle disposizioni di prevenzione particolari (p.es. tampone negativo) in entrata nel nostro paese. Vista la possibile presenza massiccia di manifestanti provenienti da oltre confine, come valuta i rischi sanitari in relazione al COVID-19?
  3. È previsto di allestire posti di blocco alle uscite autostradali in direzione Nord per un controllo minuzioso dell’identità e richiedendo lo scopo della visita?
  4. È stata contattata la polizia ferroviaria per intraprendere maggiori controlli in entrata dall’Italia sull’identità e richiedendo lo scopo della visita?
  5. Vi è una forte probabilità che numerosi manifestanti possano provenire anche da oltre Gottardo. Sono previsti maggiori controlli anche per chi proviene da oltre Gottardo?
  6. Quanti agenti della polizia Cantonale e Comunale sono previsti per fronteggiare eventuali disordini? A quanto ammontano i costi di un dispiegamento così importante?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
STABIO
3 ore
Non accetta il salario fuorilegge: licenziata
Alle dipendenze della sua azienda da cinque anni, la donna è stata messa alla porta.
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
«Spostarli nel Luganese non è una soluzione»
Simonetta Sommaruga ha risposto a Marco Romano, che si è fatto portavoce delle preoccupazioni dei comuni momò.
FAIDO
9 ore
Alcuni bimbi in sciopero: niente scuola
Genitori in protesta. Manifestazione pacifica contro l'obbligo della mascherina durante le lezioni.
CANTONE
9 ore
Otto arresti per droga
I soggetti finiti in manette sono sospettati di aver preso parte allo smercio tra Albania, Italia e Ticino.
CANTONE
10 ore
Altre 20 classi in quarantena
Si tratta di 15 sezioni di scuola elementare e 5 di scuola dell'infanzia. Il totale sale a quota 62
CANTONE
11 ore
In Ticino oltre 400 casi e tre decessi nel weekend
I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 77.
CANTONE
11 ore
Controlli e multe in vista per chi è al telefono alla guida
L'operazione della Polizia cantonale ha il via già da questo mese.
CANTONE
13 ore
Per rimpiazzare i boomer non basteranno i salari
In vista del pensionamento di massa dei boomer è necessario, secondo l'AITI, puntare di più sulle condizioni di lavoro.
CANTONE
15 ore
Passa da Berset il caso dei neo-psicologi non riconosciuti
Il Consiglio di Stato ha scritto al ministro dell'Interno proponendo una soluzione
CANTONE
15 ore
La Nuova Valascia scivola sui pagamenti agli artigiani
La nuova Valascia ha qualche problema di liquidità. Malumori tra chi ha eseguito i lavori
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile