Ti Press
MONTECENERI
08.06.21 - 06:000
Aggiornamento : 09:17

Ai piedi del Tamaro c'è solo la Spa: «Una decisione incomprensibile»

Il Consiglio federale autorizza l'apertura di piscine, bagni termali e centri benessere. Ma non dei parchi acquatici.

La ragione? C'è troppo movimento e la gente, divertendosi, si dimentica del virus. Argomentazioni che non convincono la direttrice dello Splash&Spa Anna Celio Cattaneo: «Perché l'anno scorso sì e quest'anno no?».

MONTECENERI - Contrariamente alle piscine (interne ed esterne), ai bagni termali e ai centri benessere, il Consiglio federale ha deciso di non autorizzare per il momento la riapertura dei parchi acquatici. Attrazioni turistiche come l’Alpamare (SZ), Bernaqua (BE) o Aquaparc (VS) sono tuttora chiuse e anche lo Splash&Spa di Rivera ha dovuto limitare notevolmente l’offerta.

Incomprensione e delusione - Dopo aver potuto riaprire la zona fitness e l’area massaggio all’inizio di maggio, lo scorso lunedì 31 è stata la volta della Spa: saune, bagni turchi e altre attrazioni sono di nuovo agibili. Così non è, però, per l’area Splash che comprende le vasche, il poolbar e gli scivoli. «È una differenziazione che proprio non comprendiamo, siamo delusi», spiega la direttrice Anna Celio Cattaneo. Anche perché - aggiunge - parliamo di un ambiente di dimensioni notevoli, in cui è presente il cloro, che è il disinfettante numero uno, e in cui c’è un sistema di aerazione moderno». 

Più restrizioni dello scorso anno - L’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha motivato questa distinzione con il fatto che in un parco acquatico c’è molto più movimento, più sforzo fisico e dunque più emissioni di aerosol. Insomma: nelle aree Spa ci si rilassa, nelle normali piscine si fa sport, mentre in quelle dei parchi ci si diverte e ci si dimentica del virus. Eppure questa limitazione lo scorso anno non c’era: «Avevamo riaperto l’intero centro il 6 giugno e le restrizioni erano decisamente minori. E questo nonostante una situazione epidemiologica peggiore di quella di quest’anno, senza i vaccini a disposizione e con la gente che ancora faticava a capire l’importanza della mascherina», conferma Anna Celio Cattaneo. Nella struttura il piano di protezione prevedeva inoltre un minimo di 10 m2 a persona, divenuti ora 15m2.

Più uscite e meno entrate - La delusione è grande perché, oltre all’incredulità per la decisione, sono stati fatti innumerevoli sforzi nell’ultimo anno per adattarsi di volta in volta alle disposizioni delle autorità. Con conseguenze non indifferenti. «Ogni nuovo piano di protezione rappresenta per noi un investimento in termini di tempo e risorse. Occorre formare i collaboratori, informare i clienti sui cambiamenti, ecc». Senza dimenticare che la parte “Splash” rappresenta l’attività principale della struttura che si trova ai piedi del Tamaro. Non quella "Spa", che oltretutto viene apprezzata maggiormente nei mesi invernali.

Con l'acqua alla gola - Se ai costi lievitati aggiungiamo una capacità ridotta di circa il 40% anche per l'unica area che ha potuto essere riaperta, capiamo subito che a livello finanziario la situazione non è delle più rosee. E questo nonostante un primo aiuto giunto dalla Confederazione nelle scorse settimane (caso di rigore). «È sicuramente importante, ma non è sufficiente perché come struttura abbiamo dei costi fissi altissimi. Abbiamo anche usufruito dei prestiti Covid, ma prima o poi questi soldi andranno restituiti», illustra ancora la nostra interlocutrice. 

Il cui pensiero, infine, va anche all’ottantina di impiegati del centro balneare. Diversi dei quali è da oltre un anno che non lavorano, visto che non si tengono più eventi: «Usufruiscono del lavoro ridotto, certo, ma vivere per un anno con l’80% del proprio stipendio non è per nulla evidente». La speranza a Rivera è quindi che tutti questi ostacoli scorrano via al più presto. In modo che ci si possa rituffare nella normalità.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 5 mesi fa su tio
ridicolo, visto che si basano poi su considerazioni soggettive e non scientifiche:.....gli utenti si dimenticano del virus......
Mattiatr 5 mesi fa su tio
@vulpus Io non voglio giustificare le scelte del consiglio federale riguardo al covid, perché mi trovo spesso in disaccordo. Vorrei però supporre che gli studi li hanno, a più riprese ho sentito dell'esistenza di studi che linciassero la sicurezza dei ristoranti riguardo al tema mio malgrado non abbia mai avuto la possibilità di vederli. Da criticare è il fatto che nell'eventualità in cui ci sono gli studi, volutamente o meno non vengono pubblicati o condivisi per giustificare le loro scelte. (supponendo ingenuamente che tali ''prove'' ci siano). Non vorrei mai dire che hanno gli studi, che garantiscono l'insicurezza di determinate strutture o attività, ma che tale ''pericolo'' sia troppo ridotto per giustificare un protezionismo più o meno esagerato.
mastermi 5 mesi fa su tio
@Mattiatr perdonami, ma studi sui mezzi di trasporto ( autobus,treni etc ) ??? mai pubblicati e condivisi, eppure, se il problema e' il distanziamento e' la causa di trasmissione, non ci vorra' un genio a capire che i mezzi pubblici sarebbero i primi. ma li non dicono nulla. vorrei sapere tanto il perche'-----
Ala 5 mesi fa su tio
Il problema è che gli ospedali sono pieni, mica bisogna essere Berset per capirlo!
mastermi 5 mesi fa su tio
@Ala ad oggi ? pieni di cosa ? in ticino intendo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
2 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
6 ore
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
CANTONE
6 ore
Scatta Prevena 2021: ecco come prevenire furti e borseggi
I consigli della polizia per le festività. Prevista la presenza accresciuta di agenti su tutto il territorio
LUGANO
8 ore
L'Orto a scuola, perché solo con loro il futuro sarà più green
Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".
FOCUS
8 ore
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
LOCARNO
10 ore
«Ecco l'idea che libererà le valli dai campeggiatori selvaggi»
L'app "parknsleep.eu" vince il premio per l'innovazione del turismo svizzero. E sbarca anche in Ticino.
CANTONE
18 ore
La Rsi replica alle critiche: «Informazione sempre al centro»
Forma cambiata, ma «mantenendo qualità e quantità».
CANTONE
23 ore
«Come pensare che un carcere minorile possa essere educativo?»
I contrari al progetto di un centro educativo chiuso escono allo scoperto
CANTONE
23 ore
Cassis presidente, festa annullata
La cerimonia a Bellinzona verrà rimandata «causa Covid»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile