Lettore Tio/20Minuti
GRAVESANO
26.05.21 - 18:030

«Quella metà campo la curi il club sportivo»

Ancora polemiche sul terreno da calcio. La diatriba tra Comune e privato c'è. Ma un avvocato puntualizza...

«La responsabilità del degrado non è da ascrivere al proprietario – sostiene il legale –. La società del FC Gravesano-Bedano paga ancora l'affitto. Quindi...»

GRAVESANO - Metà campo curata. L'altra no. Succede al campo di calcio di Gravesano. Tio/20Minuti ne aveva parlato di recente, interpellando il segretario comunale che aveva raccontato di una discussione pendente tra il Comune, proprietario di una parte del sedime, e i privati che ne detengono l'altra parte. Fuori dai giochi sarebbe finito il club sportivo locale che da qualche tempo si allenerebbe e giocherebbe altrove. 

Lettera di fuoco – L'avvocato della parte privata prende ora posizione. Con una lettera infuocata. «Sembrerebbe che mentre l'ente pubblico si prende cura di quel fondo, il privato lo lasci incolto, dando un senso di disordine. Ciò che non farebbe certamente onore al proprietario stesso. Addirittura questo comportamento verrebbe visto quale atto di ritorsione per il fatto che il Comune di Gravesano vuole acquistare quel terreno». 

Un'offerta non congrua – E in un certo senso era quanto ci aveva riferito il segretario comunale. L'offerta del Comune sarebbe stata troppo bassa. E al privato questo non sarebbe andato giù. Così la vicenda sarebbe finita davanti al Tribunale cantonale amministrativo (Tram). «È vero che il Comune intende acquistare il terreno (tutto il terreno, ndr) – riprende l'avvocato – e che l'offerta non è stata accettata dal proprietario in quanto non congrua. Di conseguenza è iniziata la procedura espropriativa che sta facendo il suo corso». 

«Il club sportivo paga ancora l'affitto» – Stando all'avvocato, il bene in questione «è sempre affittato al Football Club Gravesano-Bedano». Toccherebbe dunque al club sportivo avere cura del terreno, anche se le sue squadre ora si allenano e giocano altrove. Gli affitti, sempre secondo il legale, sarebbero regolarmente ancora pagati dalla società calcistica, seppure con qualche ritardo. «La responsabilità del degrado di metà del campo non è quindi da ascrivere al proprietario privato», conclude il legale.  

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
11 ore
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
12 ore
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
BREGAGLIA (GR)
12 ore
Scontro frontale a Castasegna: un ferito
L'incidente si è verificato sabato mattina nelle vicinanze del valico doganale
FOTO
LUGANO
15 ore
In piazza per dire "no" alle restrizioni anti-Covid
Una manifestazione indetta dagli Amici della Costituzione ha luogo oggi a Lugano
Novazzano
20 ore
Dopo la rapina, l'interrogazione: «Chiudere i valichi secondari di sera»
Lo scorso giovedì è stata effettuato un furto a mano armata in un distributore di benzina
CANTONE
22 ore
Nuova Legge sulla ristorazione: più la mandi giù, più torna Su...ter
In dirittura la nuova Lear che rivoluziona l'accesso alla gerenza: «Servono meno corsi e più solidità finanziaria»
CANTONE
1 gior
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
LUGANO
1 gior
Sanitari non vaccinati licenziati alla Moncucco, rifiutavano i test
«Chi non si sottopone al vaccino e nemmeno ai test non può lavorare in Clinica», così il direttore Christian Camponovo.
CANTONE
1 gior
Si aprono oggi le porte dello Swiss Virtual Expo
Sono già diversi gli eventi in programma nelle prossime settimane
CANTONE
1 gior
I prossimi radar? Ecco dove saranno
La prossima settimana i controlli mobili risparmieranno solo la Vallemaggia.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile