Immobili
Veicoli
deposit
CANTONE
21.05.21 - 14:320
Aggiornamento : 27.05.21 - 09:17

Nei Grigioni per vendere case ticinesi: «Irregolare, denunceremo»

Una fiduciaria immobiliare appena sorta fa storcere il naso ai colleghi in Ticino

Il presidente di Svit Ticino, Giuseppe Arrigoni: «L'autorità di vigilanza ora può andare a prenderli»

LUGANO - Fuggito in Italia per scappare da un precetto esecutivo a cinque zeri e da dipendenti mai pagati. Rientrato, ora, dalla porta di servizio. Come? Sfruttando quella che è stata definita “la zona offshore della Svizzera”: il Moesano.

Da alcuni anni, proprio nei Grigioni, si denuncia il fiorire di società bucalettere, in parte riconducibili a italiani fuggiti alla morsa dei controlli (sempre più rigorosi) in Ticino. Società che spesso si avvalgono di prestanomi locali che, in questo modo, rendono difficile il compito di capire chi sia il vero titolare.

Proprio a Roveredo, ridente località con l'anima da Cayman, il soggetto in questione* ha messo in piedi questo acceleratore immobiliare. Un'agenzia che tratta la compravendita e l'affitto di soli immobili in Ticino.

«Una situazione totalmente irregolare», sottolinea Giuseppe Arrigoni, fiduciario immobiliare e Presidente di Svit Ticino. «Nei Grigioni - spiega - non è richiesta nessuna iscrizione a un'autorità di vigilanza, al contrario di quanto avviene in Ticino. Ecco perché si verificano casi simili. Queste agenzie possono, certo, trattare anche immobili fuori dal territorio cantonale, ma almeno il 70% deve essere nei Grigioni. D'altra parte sono vicini, non è raro che vadano ad amministrare e vendere stabili ticinesi. Ma non devono rappresentare la maggior parte del loro fatturato».

Non è questo il caso. Sul sito si notano esclusivamente case ad Agno, Viganello, Mezzovico... «Denunceremo all'autorità di vigilanza - assicura Arrigoni -. A tal proposito invitiamo tutti i nostri soci a segnalare situazioni simili. Anche perché, da qualche tempo, è nata una collaborazione che permette all'autorità di vigilanza di "varcare" i confini cantonali e andare a prendere anche queste società nei grigioni».

L'invito di Arrigoni e affidarsi a realtà locali: «Noi abbiamo un'assicurazione RC contro eventuali danni che possiamo causare al cliente. Spesso, questa gente non è neanche assicurata, non ha tutti quei requisiti che sono invece obbligatori in Ticino».

«Coira forse si sta svegliando» - «Un tema purtroppo noto e la conferma che il problema non è risolto. Malgrado il registro di commercio cantonale sia già stato avvertito di situazioni simili», sottolinea Nicoletta Noi-Togni, sindaco di San Vittore e da tempo attiva nella lotta alle società bucalettere e le irregolarità commerciali che si stanno instaurando nel grigioni italiano. «Specie da quando in Ticino i controlli sono diventati severi».

La Sindaca è fiduciosa in un prossimo cambio di rotta: «Da quando il problema ha iniziato a interessare anche la zona dei Grigioni di lingua tedesca sembra che a Coira si siano svegliati. Sono stati promessi controlli più severi».

Dal canto suo Noi-Togni fa il possibile: «Segnalerò questa situazione alla collega di Roveredo. Da quando sono in Municipio abbiamo fatto verifiche più approfondita ed è emerso di tutto: uffici che in realtà erano dei campi o cascine diroccate. C'è bisogno di un intervento a livello Cantonale per smuovere qualcosa, il fenomeno è già preoccupante».

*identità nota alla redazione

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Brontolo pensionato 8 mesi fa su tio
Leggendo l'articolo, riferendomi alla regola che un'immobiliare residente in grigioni deve avere il 70 per cento di immobili gestiti nel proprio cantone, mi chiedo: Ma che fine ha fatto il libero mercato? In democrazia una sana concorrenza non dovrebbe garantire al cliente un migliore servizio?.... naturalmente il fiorire di società buca lettere è un altro discorso che andrebbe risolto.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
«Una relazione moralmente inappropriata, ma legale»
«Si è trattato di una relazione consenziente, e lei aveva 16 anni», si è giustificato il Governo.
CANTONE
6 ore
«Nessun allarme diossina in Ticino»
A differenza del Canton Vaud, in Ticino i valori nel terreno di questi composti sono sotto il livello di guardia.
MENDRISIO
7 ore
Truffano un'anziana, fermati con 40mila franchi
I "falsi poliziotti" tornano a colpire in Ticino. La Polizia mette in guardia
CANTONE
8 ore
Diciotto nuove sezioni in quarantena
Nelle ultime 24 ore si registrano poco più di mille contagi e nessuna vittima dovuta al Covid
CANTONE
10 ore
«Dopo 20 anni di lavoro, mi hanno lasciato a casa con una videochiamata»
La testimonianza di un ex quadro di UBS, "vittima" della riorganizzazione prevista dalla banca.
CONFINE
11 ore
Frontalieri con il reddito di cittadinanza
Nuovi furbetti smascherati dai finanzieri del luinese
CANTONE
12 ore
«Contact tracing: così è ridicolo»
Duro attacco della dottoressa Daniela Soldati, ex direttrice della Santa Chiara di Locarno, al sistema di tracciamento.
CANTONE
12 ore
Il pane non seguirà la pasta nella folle corsa dei prezzi
Il direttore del Mulino di Maroggia parla dei rialzi in atto sul mercato dei cereali
FOTO
CANTONE
23 ore
A 2'500 metri, meno neve del solito
L'inverno con le vette bianche si fa ancora attendere. Fino a metà febbraio non sono, per ora, previste precipitazioni
PURA / CASLANO
1 gior
Scontro tra più auto: due feriti, di cui uno grave
È successo questa mattina poco prima delle 11 in via Colombera a Pura
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile