deposit
CANTONE
20.05.21 - 12:250
Aggiornamento : 17:51

Un esercito di disoccupati nel call center del Cantone

Sono 220 gli ausiliari reclutati in Ticino per fronteggiare la pandemia

Dal contact tracing alle campagne vaccinali: i dati forniti dal Sic sul personale "a scadenza" nella macchina dell'emergenza. Gobbi: «Un'opportunità per molte persone»

BELLINZONA - In Ticino il Covid non ha creato solo guai, ma anche lavoro. Nella macchina dell'emergenza, un piccolo esercito di ausiliari è stato reclutato dal Cantone per fronteggiare la sfida pandemica. E ora, con gli allentamenti e l'estate in arrivo, rischiano di tornare in disoccupazione. 

Ausiliari del contact tracing, operatori telefonici, assistenti alla vaccinazione o nella campagna di test nelle aziende. In tutto, l'amministrazione cantonale ha "arruolato" 220 persone dagli Uffici regionali di collocamento, per far fronte all'emergenza Covid. Personale retribuito, che si va ad aggiungere ai 186 infermieri e sanitari che operano nei centri vaccinali, a circa 100 militi della Protezione civile attivi nel supporto logistico, e a 600 ragazzi e ragazze delle scuole impiegati come volontari. 

I numeri, forniti a tio.ch/20minuti dal Servizio dell'informazione e della comunicazione del Consiglio di Stato (Sic), sono la fotografia di un impegno collettivo. Ma anche di un impatto sociale importante. Gli ausiliari in particolare, precisa il Sic, vengono assunti tramite gli Uffici regionali di collocamento (Urc). «Le persone vengono selezionate in base ai profili richiesti» precisa il Servizio. «Si tratta di una procedura collaudata». 

Il personale - precisa il Dipartimento delle istituzioni - è gradualmente aumentato. In ottobre si contavano 5 ausiliari a contratto più i volontari. In novembre 20 ausiliari, in dicembre 30 ausiliari, in gennaio 50, in febbraio e marzo 80, in aprile 125, per giungere a partire da inizio maggio a 220 ausiliari a contratto. Il personale sanitario (tra cui 22 persone provenienti dagli Urc) è invece assunto con contratto a chiamata.

Una «parziale ma benvenuta boccata d'ossigeno a molte persone in disoccupazione» secondo il Consigliere di Stato Norman Gobbi, che in un comunicato commenta i dati con soddisfazione. «In mesi difficili sotto l’aspetto occupazionale per le conseguenze della pandemia, diversi disoccupati hanno trovato in questo modo nuove occasioni di lavoro».

Certo, non è un lavoro per sempre. Gli ausiliari sono assunti con contratti a termine, mensili o bimensili: con gli allentamenti e l'estate è possibile, quindi, che torneranno nelle file della disoccupazione. Pronti per essere richiamati (ma forse non c'è da augurarselo) con la prossima ondata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / SVIZZERA
1 ora
Il Ticino perderà due deputati... nel 2051
Colpa del calo della popolazione. La previsione dei politologi
CANTONE
2 ore
«L’ha strangolata, non erano tipi da asfissia erotica»
Nel processo per il delitto di Muralto, la procuratrice ha ribadito che la versione dell’imputato è «una menzogna».
CANTONE
4 ore
Il delitto in hotel, poi tutta una serie di menzogne
Si è riaperto con la requisitoria il processo nei confronti del 32enne accusato di assassinio
CANTONE
5 ore
Controlli di polizia nella fascia di confine
Si tratta di una campagna congiunta che mira a rendere le strade più sicure. Avrà luogo domani.
CANTONE
5 ore
In Ticino altri 27 contagi
Un paziente è stato dimesso dall'ospedale. Resta stabile l'occupazione delle cure intense
AGNO
9 ore
Alla ricerca della falla da cui il nonno di Eitan è volato via
Non si spegne la polemica sui controlli doganali all'aeroporto di Lugano
CANTONE
9 ore
Ticinesi in cerca di casa: a pochi metri da dove sono nati e mai in città
Quando si tratta di cambiare casa, tendiamo a restare vicino ai nostri luoghi. Ecco i risultati di uno studio Swiss Life
CANTONE
19 ore
Si vota sui contratti di affitto, iniziativa salvagente o «inutile»?
Il prossimo 26 settembre il popolo dovrà esprimersi sull'iniziativa cantonale sulle pigioni.
LUGANO
20 ore
Il nuovo sindaco di Lugano è Michele Foletti
Alle 18 scadeva il termine per presentare la propria candidatura, ma nessuno (come da previsioni) si è fatto avanti.
MURALTO/ LUGANO
21 ore
Urla in piena notte e disordine ovunque
Morte in albergo: la coppia della stanza adiacente alla 501 riferisce di una lite in cui si parlava di soldi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile